username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 23 set 2011

Anna Maria Di Simone

Livorno

elementi per pagina
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:45
    Nun ti vogghiu lassari (Non ti voglio lasciare)

    Nun t’a ddiri assai cosi
    sulamenti
    mi vogghiu firmari
    terra mia
    mi ti scattu
    ancora ‘na vota
    ‘na fotografia.
    Sugnu cca
    a vaddari
    u virdi d’u to’ mari
    cu l’anima a suspirari
    chi nun ti vogghiu lassari.
    Ti vurrìa strinciri o’ cori
    e sempri u to’ ciatu respirari
    gridari a lu munnu interu
    chi nun fai sulu ciauru
    ‘i sangu e disperazioni
    ma di tanti bboni ‘ntinzioni.
    Tuttu ‘stu marciu
    chi ti infittau
    ti voli ‘ffunnari
    e ‘ntinni mucciari
    a to’ duci poesia.
    ‘Sta figghia
    ti vurrìa tantu liberari
    di ‘sta malatia…
    …e ‘nveci
    si n’avi annari
    cu ‘sti lacrimi amari
    sabbannusi ‘nto cori
    ‘sta to’ fotografia.

    Non devo dirti molte cose
    soltanto
    mi voglio fermare
    terra mia
    per scattarti
    ancora una volta
    una fotografia.
    Sono qui
    a guardare
    il verde del tuo mare
    con l’anima a sospirare
    che non ti voglio lasciare.
    Vorrei stringerti al cuore
    e sempre il tuo fiato respirare
    gridare al mondo intero
    che non odori soltanto
    di sangue e disperazione
    ma di tante buone intenzioni.
    Tutto questo marcio
    che ti ha infettato
    ti vuole affondare
    e intende nascondere
    la tua dolce poesia.
    Questa figlia
    ti vorrebbe tanto liberare
    da questa malattia…
    …e invece
    se ne deve andare
    con queste lacrime amare
    tenendosi nel cuore
    questa tua fotografia.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:43
    Mischina Italia (Povera Italia)

    Mischina Italia
    malata di “Artulisìti”.
    I stanchi,
    invalidi cristiani
    trascinunu
    a tutti i parti
    i jammi indulinziti,
    quannu l’hannu.
    Menu mali
    chi c’esti a Raccumannazioni:
    salva a tutti chiddi
    chi nun si sannu moviri
    cu li so’ jammi.
    Cussì,
    spincennu spincennu,
    unu si guadagna
    u pani quotidianu.
    Viva l’onestu travagghiu!
    Malanova a i scimuniti
    chi si lassunu scavalcari!
    Peggio pi iddi
    si nun sannu
    capitulari
    ca so’ cuscienza.
    È chista
    l’ “Eccellenza”.

    Povera Italia
    ammalata di “Artolesite”.
    Le stanche,
    invalide persone
    trascinano
    ovunque
    le gambe indolenzite,
    quando presenti.
    Meno male
    che c’è la Raccomandazione:
    salva chiunque
    non sappia muoversi
    con le proprie gambe.
    Così,
    a son di spintoni,
    ci si guadagna
    il pane quotidiano.
    Viva il lavoro onesto!
    Abbasso gli scimuniti
    che si lasciano scavalcare!
    Peggio per loro
    se non sanno
    venire a patti
    con la loro coscienza.
    È questa
    l’ “Eccellenza”.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:41
    Picciridda (Bambina)

    Picciridda
    giochi sula ‘nta strada
    cu ‘na pupa ‘nte manu.
    A lavi, a vesti, a ccarizzi
    e cu ‘nu lazziceddu
    ci ttacchi i capiddi
    ridennu cu dd’ occhi
    chi parunu stiddi.
    Si u suli i supra ti bampa
    ti nni vai a ‘na funtanedda
    ti bagni a facci
    e rifrischi magari a to’ bambuledda.
    Poi quannu veni a sira
    ti ‘ncuminci a ‘ncaminari
    picchì si fici l’ura
    d’annari a manciari.
    E ddu mumentu chi t’a cuccari,
    baci a to’ pupa,
    ti ppoggi o cuscinu,
    pinsannu o jonnu
    c’avi ccuminciari.

    Bambina
    giochi sola per strada
    con una bambola in mano.
    La lavi, la vesti, l’accarezzi
    e con un laccetto
    le leghi i capelli
    ridendo con quegli occhi
    che sembrano stelle.
    Se il sole ti brucia addosso
    vai ad una fontanella
    ti bagni il viso
    e rinfreschi anche
    la tua bambolina.
    Poi giunta la sera
    inizi a incamminarti
    poiché è ora
    di andare a mangiare.
    E quando devi coricarti,
    baci la tua bambola,
    ti appoggi al cuscino,
    pensando al giorno
    che deve incominciare.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:39
    A 'stati (L'estate)

    A ‘stati
    si n’annau
    cantannu ‘na canzuni
    cacciannu i famigghi
    di sutta all’umbrilluni.
    Finiu a ‘stati
    u tempu si spasciau
    u suli si ittau a mari
    e u cielu si scurau.
    ‘Nta spiaggia si fici
    comu ‘nu desertu
    di terra bagnata
    picchì ghiuvìu
    pi tutta a matinata.
    Magari u ventu
    dopu tantu si svigghiau
    si misi a sciusciari
    e puru iddu cusì
    a ‘stati salutau.

    L’estate
    se n’è andata
    cantando una canzone
    cacciando le famiglie
    da sotto gli ombrelloni.
    È finita l’estate
    il tempo si è guastato
    il sole si è gettato a mare
    e il cielo si è oscurato.
    In spiaggia si è fatto
    come un deserto
    di terra bagnata
    poiché è piovuto
    tutta la mattina.
    Anche il vento
    dopo tanto si è svegliato
    si è messo a soffiare
    e pure lui così
    l’estate ha salutato.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:37
    Stuta 'sti cannili (Spegni queste candele)

    Ciuscia forti
    stuta ‘sti cannili.
    ‘N autru annu partiu
    e nuddu sapi unni annau.
    Ma tu u voi scuddari
    picchì ogni misi
    tu senti incoddu pisari.
    Ciuscia i cannili
    ma a nuddu
    nun ci fari cuntari
    cusì puru st’annu
    chi ssì cchiù figghiola
    a tutti l’amici
    ci poi ‘mbrugghiari.

    Soffia forte
    spegni queste candele.
    Un altro anno è partito
    e nessuno sa dove è andato.
    Ma tu vuoi scordarlo
    perché ogni mese
    lo senti addosso pesare.
    Soffia le candele
    ma a nessuno
    falle contare
    Così anche quest’anno
    che sei più giovane
    a tutti gli amici
    puoi raccontare.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:36
    Liulinu ( Leolino )

    Liulinu è supra u davanzali
    pi l’aceddi vaddari
    e di dda nun si movi
    magari si ghiovi.
    Nta na vota si gira
    si mi senti ‘rrivari
    e l’aceddi saluta
    agitannu a so’ cuda.
    Quannu è saziu i carizzi
    chiudi l’occhi e riposa
    ma si voli giucari
    si suggi di cussa
    e l’aceddi Liulinu
    ritonna a vaddari.

    Leolino è sopra al davanzale
    per guardare gli uccelli
    e da lì non si muove
    neppure se piove.
    In un attimo si gira
    se mi sente arrivare
    e gli uccelli saluta
    agitando la sua coda.
    Quando è sazio di carezze
    chiude gli occhi e riposa
    ma se vuole giocare
    si alza di corsa
    e gli uccelli Leolino
    ritorna a guardare.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:34
    Danza di ricordi

    Stanca volteggia
    la bionda ballerina
    di un vetusto carillon
    su bigie note impolverate.
    È la nostra canzone
    di una vita
    un po’ andata
    da tutte le parti
    come il cieco sguardo
    della muta danzatrice.
    Ovunque immagini,
    quadri, libri,
    cari ricordi
    emergono
    dal fuligginoso passato
    che avanza
    nella stanca
    inesorabile danza.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:33
    Non lasciateci soli

    Almeno voi
    non lasciateci soli.
    Un pensiero soltanto
    lungo le strade gelate.
    Noialtri
    abbracciati stretti
    alla solitudine.
    Avviluppati
    nel sogno del tepore
    di cartoni bagnati.
    Noi
    dai piedi stritolati
    rinchiusi
    dentro scarpe bucate
    slacciate
    usurate
    buttate.
    Care dolci compagne
    di lungo amaro viaggio.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:32
    A presto

    Incatenata
    tra le spire
    di un fragile destino,
    impavido giglio
    nell’arduo cammino,
    adesso felice
    spicchi il volo.
    Voli lontano
    dal dolore e dal pianto
    di chi in terra
    ti ha amato tanto.
    Via da annose cure,
    da letti di ospedali,
    via da impietosi mali.
    Quando la vita
    non era più vita.
    Quando ormai niente di te
    era più tuo.
    Quando mancava al tuo viso
    la dolce carezza del sole...
    ...solo l’amore vivo nel cuore
    e il tuo caro sorriso
    che mai si spegne o muore.

    A Licia

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:31
    Ricordi nel fango

    Sprofondano nel fango
    i ricordi.
    Vite,
    sogni,
    speranze
    in pochi istanti
    travolti dal nulla.
    La vita si sfiora
    adesso
    con le dita.
    La vita si cerca
    adesso
    affondando le mani
    nella melma
    dei perché.
    Messina
    culla i suoi figli
    sepolti nel cuore
    e soffoca anch’essa
    tra le tragiche spire
    dei tanti “faremo”.

    In ricordo 01/10/2009

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:29
    Promesse

    Ancora qui
    soffio sui ricordi
    perché non soffochino
    sotto la polvere
    degli anni.
    Te li offro
    giovani come un tempo
    verdi come foglie
    di menta odorosa.
    Vitali
    come gesti d’infante,
    teneri
    come occhi di sposa sognante.
    Te li offro tutti.
    Uno per uno guardali,
    sfogliali, annusali,
    figli di giovani promesse.
    Sono tuoi, te li affido.
    Custodiscili, cullali.
    Accoglili
    come benigna
    accoglie il seme la terra.
    Abbracciali
    come una volta
    abbracciasti il mio passato
    e d’improvviso
    divenisti il mio futuro.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:28
    Treni persi

    Ho perduto infine
    anche quest’ultimo treno.
    Percorre ancora
    cigolanti rotaie
    il mio inquieto vagare.
    Mai più viaggiare.
    Mai più sogni erranti
    appesi a grucce tarlate.
    Mai più occhi chini ad un binario
    su una pagina di parole crociate.
    Torno indietro, dunque.
    A piedi ritorno da me.
    Ricomincio da qui
    con l’abbraccio del mio solo maglione
    la valigia di sogni pesante
    e il tepore nel cuore di una fredda stazione.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:26
    Non eri poesia...

    ...quel tiepido giorno di maggio.
    Principessa non ero
    né tu principe
    sul suo fiero destriero.
    Non eri poesia
    né mai lo sarai.
    Nessuno ti canterà
    né ti declamerà.
    Tu fredda frenesia
    di pretesa aulica poesia.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:26
    Scippo d'amore

    Ragazza
    dagli occhi limpidi
    la gioia di vivere
    ti è stata strappata
    come un fiore
    travolto
    dalla bufera.
    I tuoi sogni
    scippati,
    disillusi
    in un attimo
    senza fine.
    Guardavi con speranza
    al tuo domani
    imbrattato oggi
    da una macchia
    che ti vuole annientare.
    Coltiva ancora
    l’amore che hai dentro.
    Non lasciarti spezzare
    da chi l’amore
    può solo
    rubare.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:25
    Dentro

    Cuore
    hai sopportato
    le angustie dell’animo
    senza mai
    rallentare
    i tuoi battiti.
    Hai visto scorrere
    ore interminabili
    logorate
    dal rimorso esistenziale.
    Mi hai vista ignorarti
    e gettarti in un angolo
    maledicendoti.
    Hai sofferto
    per un amore
    non corrisposto.
    Oggi
    ti ho cercato dentro,
    cuore,
    ma non ti ho trovato.
    Ti ho chiamato a lungo,
    ma tu,
    cuore,
    non mi hai risposto.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:24
    Chiudere gli occhi

    Immaginare la vita
    di mille colori.
    Attraversare
    un parco argentato,
    cogliere fiori
    e ornarsi
    come fossero gemme.
    Chiudere gli occhi,
    volare sul mondo
    e non aver paura
    di precipitare.
    Sfiorare il cielo,
    indagarne il mistero,
    respirare,
    solo per un attimo,
    la sua eternità.
    Chiudere gli occhi:
    sorridere al dolore
    riuscire a comprendere
    il senso profondo
    dell’esistenza.
    Fermare il tempo
    inesorabile, fugace.
    Rallentare le ore,
    vivere i minuti,
    contare i secondi.
    Solo un istante
    soffermarsi
    sulla propria anima.
    Scrutarsi dentro...
    ...provare orrore.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:22
    Il lungo sentiero

    Camminare,
    prestare attenzione
    ai propri passi.
    Fermarsi...
    Fermarsi a guardare
    il mondo.
    Voltarsi,
    fissare occhi imploranti,
    gemme che brillano
    incastonate in un volto
    rigato da lacrime.
    Mani,
    cento, mille mani
    attendono una stretta.
    Mille braccia nude
    si preparano
    ad un tenero abbraccio.
    Milioni di parole
    ansiose
    di essere pronunciate.
    Fermarsi.
    Fermarsi e guardarsi dentro,
    lungo il duro sentiero
    della vita.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:21
    Cielo

    Danza perenne
    di nubi mai stanche.
    Tetto del mondo,
    sei dolce riparo
    per chi non ha casa.
    Rifugio e consolazione
    accogli mille domande
    di quanti
    non hanno ancora vissuto.
    Trapunta di stelle
    di rado cadenti,
    lieve manto evanescente.
    Di te
    si spogliano
    luna e sole
    per poi rinascondersi
    nei meandri
    della tua infinità.
    Dimora dell’eternità,
    accogli da sempre
    Chi ti rubò
    sfumature cerulee:
    con esse dipinse
    la terra e gli occhi dell’uomo.
    Distese immense
    percorse da Angeli.
    Ti offri agli uomini,
    li cerchi, li chiami...
    ...ma quaggiù,
    non ricevi
    alcuna risposta.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:20
    Amica di penna

    Pazza poesia
    sei un pensiero
    dispettoso
    che si affaccia
    dietro l’angolo,
    sei l’ingenua gioia
    negli occhi dei piccoli
    ignari
    del sapore del male.
    Pendi
    dall’umile filo d’erba
    che ogni giorno
    rischio di calpestare.
    Sei fresca pioggia
    che brusca irrompe
    nelle afose mattine d’agosto.
    D’improvviso
    ti vedo spuntare
    tra le foto ingiallite,
    su pagine sbiadite,
    nell’odore pungente del mare.
    Timida ti nascondi
    in punta di penna
    e, repentina,
    nel lago dell’anima
    mi trascini a pescare.
    Ed è subito rincorrersi
    di parole,
    di immagini,
    di suoni,
    moti che affiorano
    sul limitare
    dell’esistenza.
    Tu compagna,
    amica mia,
    dolce, insana,
    folle poesia.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:19
    Attenta

    Scendi,
    anzi,
    precipita
    da quel piedistallo.
    Non vedi?
    Si sgretola,
    scricchiola,
    è di cartapesta.
    Non andrai lontano.
    Sei tutta menzogne
    e non credi
    nemmeno a te stessa.
    Stai attenta,
    guardati intorno:
    gli agnelli
    diventano lupi.
    Sbrigati,
    svelta,
    chiama un avvocato
    perché ti difenda
    dalla schiacciante
    verità.
    Ma chi
    ti soccorrerà
    davanti
    all’unico
    vero
    tribunale?
    Come giustificherai
    le tue meschinità
    dinanzi a Colui
    che ogni cosa
    conosce?
    Attenta:
    tutto il male che temi
    è soltanto
    dentro di te.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:18
    Tanto nel poco

    Ancora mi sorprende
    la generosa tua risata
    che irrompe al momento
    e fende
    prepotente
    il silenzio.
    Ti guizza sul viso
    scintillante un sorriso
    luce gioiosa
    rossa vita
    sulle guance bambine.
    E di tanto
    si colma il cuore
    nel poco
    del tuo giovane amore.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:16
    L'ultima foglia

    Come una foglia
    è la vita dell’uomo:
    non teme la luce,
    sfida la notte,
    dal soffio del vento
    si lascia cullare.
    Ė forte,
    non cede,
    tutto sopporta:
    la pioggia,
    il gelo,
    il fuoco solare...
    ...finché resta sola.
    Continua a lottare,
    resiste,
    non molla...
    ...poi si lascia andare.
    Danzando nell’aria,
    infine,
    precipita al suolo.
    Come la vita dell’uomo
    è una foglia:
    in silenzio
    s’adagia
    su una brulla coltre
    d’oblio.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:15
    Lacrime

    Corrono giù
    sulle guance
    di marmo
    lacrime calde,
    brucenti.
    Precipitano
    nel pozzo nero
    della notte.
    Notte
    di mille Padre Nostro
    di cento Ave Maria
    ma nessun Angelo Custode
    che mi porti via.
    Fermati cuore
    non fare rumore
    neppure un fiato
    deve dal petto
    scappare.
    Dove sei
    azzurro del cielo?
    E tu,
    giallo del sole?
    Venite, vi prego,
    a salvarmi
    dal male
    di questo nero.
    Arriva, eccolo,
    è qui...
    Lupo o agnello?
    Orco o Angelo?
    Una carezza, stanotte.
    Sognamo, adesso,
    fuori dal pozzo.
    Sorge il sole
    ma ancora
    cederà il posto
    alla luna
    lontana spettatrice
    di buio terrore.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:13
    Per te

    Vorrei averti vicino,
    in momenti come questo.
    Mi si stringe il cuore
    ho voglia di piangere,
    gridare...
    ...ma chi mi ascolta?
    Vorrei averti vicino
    e imparare a sorridere
    del dolore che mi opprime;
    mi vela gli occhi di lacrime.
    Ma chi le asciuga?
    Adesso, vorrei averti vicino,
    abbracciarti
    fino a farti male
    chiudere gli occhi
    e sognare
    senza più dovermi svegliare.

     
  • 24 settembre 2011 alle ore 16:12
    Abbandono

    Amico uomo,
    perché ti sono indifferente
    quando piango triste
    nella mia solitudine?
    Perché, amico uomo,
    non mi guardi
    quando i miei occhi mesti
    implorano l’incontro con i tuoi?
    Quando piove o fa freddo,
    perché non riesci a pensarmi
    bagnato e infreddolito?
    E perché, amico mio,
    quando pranzi
    non ricordi che anch’io
    ero la tua famiglia?
    Amico uomo,
    non ti manco?
    Forse,
    ti ho troppo poco amato...
    Perché non torni, amico caro?
    Non puoi avermi dimenticato...
    E ricordati: non è vero che
    “la notte fuori non c’è un cane”.
    Amico uomo,
    io sono qui,
    ti aspetto ancora.