username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Annamaria Vezio

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Annamaria Vezio

  • 18 settembre 2016 alle ore 15:21
    Meriggio

    Macchia di ruggine

    il buco nel muro:

    pulsa ogni polla del tarlo

    È canto di merlo

    a rintuzzare gli spazi

    fra i vuoti di luce

    Fra l’ombre di foglie

    e spruzzi di cielo

    è volo planato

    di ruggine a foglie

    Librante nell’aria

    lascia cadere

    pulviscoli d’oro.

  • 18 settembre 2016 alle ore 15:19
    Poi qualcuno

    Poi qualcuno,

    un’ombra una luce

    che non ha a che fare col passato

    perché passato non ne ha:

    nasce a ogni istante

    Prima e dopo non ha.

     

  • 14 settembre 2016 alle ore 19:48
    Anima antica canta

    Il sonno no, non viene
    e di scriver poesie nuove
    cuor non ho
    Anima antica canta
    e notti morbide
    su pentagrammi scrive e suona,
    colori lenti disegna
    su' manti delle valli
    che del cuore
    compion le curve
    e sui dorsi antichi
    amori canta
    Amori nuovi che il ciel disegna
    e di lampi fulminanti
    il giovin giorno ancor colora.
    Il giorno, sì
    nel suo bagliore il Nuovo vanta
    che di sempre nutre amor
    e di color di vita incanta.
     

  • 11 settembre 2016 alle ore 21:41
    la sera

    Appoggiata alla sera
    evoco
    trame del giorno nuovo
    Ricamo coriandoli
    d'istanti
    su cieli di velluto.

  • 08 settembre 2016 alle ore 15:07
    Una carezza per l’anima

     

    C’è bisogno di un’anima,
    c’è bisogno di un’anima
    per sentire
    maneggiare
    carezzare
    il colore liquido dell’amore
    C’è bisogno di un’anima,
    per lasciarsi cadere
    inebriare
    cullare
    coprire,
    dall’amore
    C’è bisogno di un’anima
    C’è bisogno di una carezza
    che spalmi di colori
    le onde dell’anima
    e la risvegli e la porti
    fra le note del cielo
    C’è bisogno di un’anima
    e di una carezza per l’anima.
     
     

  • 06 settembre 2016 alle ore 18:26
    Silenzi dell'anima

    Resta sorda alle mute domande
    l'anima
    Pure si piega e comprime e scoppia
    Parole non ha
    per dar pace.

  • 03 settembre 2016 alle ore 22:37
    destini

    Strade antiche e nuove
    e diverse costruivi
    E tu figlio
    e tu mamma
    dov'eri
    quando destini costruivi?

  • 30 agosto 2016 alle ore 23:45
    Anime di verità

    Arrivano confuse
    confuse fra ombre
    le loro voci
    in mantra ripetono:
    Giustizia non è giustizialismo
    Rispetto non è educazione
    Amore non è acquiscenza
    Umiltà non è viltà
    Condivisione non è bisogno
    è unità
    L'Io non è Ego
    E poi
    un merletto di verità
    e verità surrogate
    Di verità svendute
    al mercatino delle pulci
    Di esistenze confuse
    in ideologie costipate
    Arrivano loro
    confuse
    fra giochi di ombre:
    anime di verità.

  • 27 agosto 2016 alle ore 19:56
    Maschera

    Mi fermo e guardo commossa
    il volto:
    una maschera
    gentile e tenera
    Cartapesta inanimata
    che a un batter di ciglia
    si risveglia e respira
    poi di vita si colora
    un alito la sfiora
    Lo sguardo ora s’incendia
    e il tutto illumina
    Mi fermo e guardo commossa
    quel corpo di bimba
    affacciata alla finestra
    M’accosto alle sue spalle 
    insieme a lei
    lo sguardo seguo e vedo
    meraviglie di cieli colorati
    e svegli e di onde azzurre
    di sole illuminate
    e di manti verdi e abbracci
    di ali di farfalle
    Mi fermo e guardo commossa
    son io la bimba alla finestra
    è la vita quella vera
    che alla maschera s’impone
    Cartapesta inanimata
    che a un batter di ciglia
    si risveglia e respira.

  • 26 agosto 2016 alle ore 14:56
    Origami

    Silenzi sconfitti
    divengono origami
    Colori s’appoggiano
    sull’anse del cuore
    Laddove c’è il nulla
    il tutto s’affolla.

  • 08 agosto 2016 alle ore 22:42
    Donne dagli occhi larghi

    Noi donne abbiamo occhi larghi
    Laghi a specchi
    su azzurri d'anima
    Vulcani neri
    a fiotti rossi su pe' le vene
    Noi donne abbiamo occhi larghi
    Lenzuoli intrisi
    di rabbia e pianti
    Frammentati denti
    su pani secchi
    Noi donne abbiamo occhi larghi:
    negli spazi ampliamo spazi
    Il Cielo ci rassomiglia
    Ha occhi larghi come noi.

  • 18 luglio 2016 alle ore 12:15
    Ricerca

    Lunga e tortuosa 
    la strada
    pure 
    nei meandri dell'anima 
    v'è luce laddove
    stille di sangue 
    effondono riflessi
    di vita.

  • 16 luglio 2016 alle ore 12:34
    Acari

     
    Sollevo polvere:
    bilioni di acari
    assaltano i bronchi
    s’accasciano lenti
    sulle ciglia
    Impavida asmatica
    sfoglio pagine
    Ogni riga inchiostrata
    - culla centenaria
    d’avi d’acari infestata –
    cela me
    Cerco la mia vita
    la mia storia
    in quei petali appassiti
    nei fogli ingialliti incuneati
    ascosi
    Cerco la mia vita
    nascosta
    da petali appassiti
    e fogli ingialliti
    Nel ventre degli acari
    la cerco.
     

  • 14 luglio 2016 alle ore 20:23
    Ho poco di me

    Ho poco di me
    quest'oggi
    -ballano fra le mie fibre
    scombinati momenti del giorno-
    L'anima brama 
    armonico silenzio
    Già ascolta sommessa:
    rappacificanti onde  
    defluire.

  • 08 luglio 2016 alle ore 0:51
    La grande febbre

    Ah la febbre
    La febbre che assale
    prende rapisce violenta uccide
    quel misero triangolo di fibra
    ch'ancora proclama esistenza!
    Infingarda occupa istanti
    respiri ansimi cellule
    - ombre di vita senziente... -
    ah la febbre!
    Infierisce sorda Infierisce
    e pretende che mano ferma sui fogli incida
    Paesi di Mondi Altri
    Ah la febbre cosa pretende la febbre!
    Perché non capisce
    Perché non s'arrende
    Ché difficile è fermare l'immagini
    ch'ancor senza forme trapassano i fianchi!


    08/07/2016 h.00:34

  • 04 luglio 2016 alle ore 20:40
    Nei meandri dell'anima, lenta è l'immagine

    Avevo sogni
    in fondo all’anima
    cieli grevi
    di pioggia incapaci
    di sfogarsi
    Avevo laghi
    che lambivano
    verdi rive
    E aironi
    che succhiavano
    l’aria ferma
    Avevo venti docili
    che ninnavano
    i miei sogni
    Avevo
    Avevo
    Avevo
    Avevo tempi lenti.

  • 30 giugno 2016 alle ore 22:56
    Silenzi sacri

    È Sacro
    Antico il silenzio
    Ha colori
    Sacri e
    Antichi il silenzio
    Unici e arcani
    Intimi e unici
    Silenzio.

  • 26 giugno 2016 alle ore 21:35
    Burrasca in attesa

    Pare bacio quell'onda
    che scura s'avvolge
    a bianca nube estasiata
    -In attesa di burrasca
    il ciel si diletta-.

  • 03 giugno 2016 alle ore 0:39
    Tuono

    Sull'orlo
    di cielo sospeso
    t'arrotoli
    in istanti di tempo scordati
    Sconosciuto lembo iridato
    ermetico
    orlo d'immenso
    mi somigli
    m'inventi
    mi abbandoni
    mi cerchi
    Mi racconti.

  • 11 maggio 2016 alle ore 0:05
    Poeta di cristallo

    Cristalli liquidi
    cristalli crepati
    È cristallo
    l'anima del poeta:
    forte fortissimo
    pure fragile
    Percezioni
    di attimi vissuti
    propri e altrui
    Visioni
    di chiari istanti:
    vissuti goduti presenti andati
    È cristallo liquido
    l'animo del poeta
    È cristallo
    di riflessi d'iride il poeta
    Dona innocente
    se stesso il poeta
    il martirio del Sé
    In riflesso di cristallo
    il poeta.

  • 26 aprile 2016 alle ore 19:30
    Visioni

    Ti ho visto:
    un filo d’erba fra le labbra
    e mi guardavi mentr’io
    d’acqua trafitta e invasa
    nell’etere involgevo
    il flutto del - me tutto -
    Eri lì
    sotto l’esile leccio
    del vento invaghito
    Mentre il mio - esser tutto -
    in estasi guardava
    Me
    Te.

  • 23 aprile 2016 alle ore 17:46
    Mondi di fuori

    Traiettorie importanti

    attraversano il fianco
    In luci accecanti disarmanti
    allineano e conducono in luoghi proibiti
    Lambiscono con note sublimi
    All’occhio della mente mostrano colori
    Lì, accanto e discreti
    È il mondo di fuori
    di là del mondo di ora
    di là del pensiero
    In tenera attesa d’esser riconosciuto
    tende mani colme:
    consapevolezza amore perdono
    Cornucopia di vita purissima assoluta
    difficile da incontrare
    difficile da riconoscere
    Difficile
    Traiettorie importanti
    attraversano il fianco
    fendono il passato
    cambiano il futuro.

  • 11 aprile 2016 alle ore 14:22
    Incanto

    E' incanto bambino
    è amore perenne
    è colore soffuso 
    sul qui e l'allora
    E' volo 
    di eterno sfumato
    l'incanto 
    di averti a fianco.

  • 03 aprile 2016 alle ore 11:40
    Grazie Vita

    È un grano la vita
    lo stesso di un rosario 
    a cui perori il grazie
    Lo stesso a cui profondi 
    il "grazie" per l'oggi 
    che hai vissuto
    per il domani 
    che vorresti vivere 
    per l'ora che ti incontra 
    e ti sorride, ancora. 
    Ancora.

  • 01 aprile 2016 alle ore 11:31
    Rifraggono rughe, gli specchi

    Sei lì a guardarti
    nella rifrazione di un attimo 
    in quello specchio
    che riporta l’immagine 
    più recondita di te
    E vedi
    Vedi i tuoi figli
    con le rughe sul viso
    La mente ricerca 
    susseguirsi di calendari
    Ti guardi allo specchio
    a conferma dell’attimo: 
    ci sei, sei tu 
    quella donna
    con ancor poche rughe
    a raccontare vita
    di te di tanti
    Volgi lo sguardo:
    perfetto circolare seguire 
    e vedi quegl’altri
    - tronchi di nodi rugosi –
    La vita è passata 
    Indisponente maliarda e infingarda
    Cerchi nel campo
    uell’io bambino
    gli sorridi materna
    è lì fanciulllo, irriverente, innocente
    non malizia l’adombra
    Son rughe sui visi 
    a segnare del tempo i passaggi
    Pure ti guardi 
    nella rifrazione dell’ attimo
    e vedi le rughe
    dei tuoi figli
    degli altri
    E poche le tue.