username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Annamaria Vezio

in archivio dal 22 mag 2012

03 marzo 1955, Firenze - Italia

segni particolari:
"Attento a ciò che desideri perché lo avrai" (detto berbero)...e che sia buono il tuo pensiero perché egli sarà la tua Manifestazione (detto mio).

mi descrivo così:
Operatrice culturale: Critica letteraria. Responsabile editoriale. Organizzatrice eventi culturari. Formazione Studi Umanistici (ampliati nei rami specifici della Psicologia, dell’Arteterapia, del Benessere Psico/fisico e delle arti Figurative). Promuove " l'Arte per Gioia, Arte per Tutti" .

17 luglio 2016 alle ore 13:19

Avventure della domenica (stralcio)

Intro: Stralcio da "Appunti di viaggio"

Il racconto

Lo zoo è a posto: uccellini ristorati, semi nuovi, insalata, acqua rinnovata, gabbia pulita e in giardino a godere il fresco; gattina coccolata, saziata e rifocillata ora all'ombra della gabbia a guardia dei suoi fratelli alati. Arrivata a mezzogiorno pensavo di aver sistemato ogni mia cosa compreso lo zoo, ma non è stato così... la Natura mi ha scelta come ostetrica ieri sera, mi racconto. Inaspettata ospite viene in visita una lucertola "grassa", mi aiuto con un piumino e la reindirizzo all'esterno della casa, carine le lucertole, ma non tanto da pernottare insieme; rientra dalla finestra e si accantuccia in un angolo, la raggiungo e cerco di capire, sembra soffrire e... plaff! ecco una micro lucertolina apparire accanto a mamma lucertola, "e mo' che faccio?" domanda la mia mente destra alla sinistra. La inattività a volte è la soluzione, resto a guardare quella manciata di secondi eterni ammaliata dal miracolo di madre Natura. Solo qualche secondo e torna l'attività cerebrale e lucida. Piumino, e un foglio di carta per strumento di viaggio, delicatamente faccio salire la mamma stanca e la figliola, e le porto in lavanderia a riparo; la mamma è andata via di corsa, la creaturina ha tentato movimenti lesti ma senza grandi risultati. Soddisfatta torno in casa a concludere la mia sera davanti a un film, ma vedo un qualcosa, una scintilla fuggente nell'ombra... riparte il movimento...
La neonata è rientrata (ma come cavolo faranno a scivolare e passare in micro antri questi elementali...), piumino in mano ricomincia l'operazione, e nulla, scappa di qua e di là, ma almeno l'ho portarla fuori dalla camera da letto, è rimasta però imboscata in un qualche angolo del salotto, così dopo oltre un'ora di presa e fuga sono rassegnata, in fondo è una piccolissima creatura, con la speranza di non vedermela addosso :O Poi mi sono dimenticata della sua presenza. Stamane mi è venuta incontro, mi sembra già più grandicella, è possibile? Sembrava mi aspettasse in cucina, lì ferma sul pavimento, educatamente accostata allo zoccolo della parete, buona buona; mi pareva proprio in attesa... Placidamente metto la caffettiera sul fuoco, lei ferma, io la sbircio, lei si muove appena verso me e poi ritorna in posizione primaria. Sarà spaventata? E allora perché non corre via? Apro la porta e riprendo il piumino, mi avvicino alla cucciola e faccio sì che resti imbrigliata fra le piume, la riporto fuori, si lascia fare, la seguo con lo sguardo mentre gira l'angolo, torno al mio caffè che borbotta sul fornello. Non è finita qui, è tornata! E che devo fare se tra il giardino e casa mia, preferisce casa mia? Mica mi avrà scambiata per la sua mamma!?! Non ci si può credere, è lì difronte a me, si sposta sul perimetro delle mattonelle per poi rimettersi tranquilla. Pare guardarmi o forse lo sta facendo?
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento