username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Annamaria Vezio

in archivio dal 22 mag 2012

03 marzo 1955, Firenze - Italia

segni particolari:
"Attento a ciò che desideri perché lo avrai" (detto berbero)...e che sia buono il tuo pensiero perché egli sarà la tua Manifestazione (detto mio).

mi descrivo così:
Operatrice culturale: Critica letteraria. Responsabile editoriale. Organizzatrice eventi culturari. Formazione Studi Umanistici (ampliati nei rami specifici della Psicologia, dell’Arteterapia, del Benessere Psico/fisico e delle arti Figurative). Promuove " l'Arte per Gioia, Arte per Tutti" .

12 febbraio 2016 alle ore 20:46

La Vita e la Morte

Intro: Stralcio da "Appunti di viaggio"

Il racconto

Mi barcameno nei giorni con una sorta di pudore, nel bisogno di proteggere, l'ognuno accanto, dalla tristezza. Consolo e ci consoliamo a vicenda, pure parlare di "morte" mi sembra offensivo, di cattivo gusto, un mancare di rispetto ad anime più delicate di altre. Ma sono qui a parlarne con me, nel mio silenzio faccio pratica di tatto, fino ad arrivare a saperlo dire lievemente, così come deve essere il passaggio da una dimensione ad un'altra. E' difficile. Alcuni momenti attraversano la vita con importanti traiettorie che, se pure di luce accecante e disarmante, allineano. Ci conducono in luoghi proibiti a molti, ci lambiscono con note sublimi e ci mostrano dimensioni che sono lì, accanto e discrete. È un mondo di "fuori" o di oltre il comune pensiero, però è lì, in tenera attesa di essere riconosciuto. È un mondo pulito, è consapevolezza, è amore, è perdono, è ringraziamento. È il mondo dell'oltre, purissimo. Perfetto e purissimo, difficile da incontrare, difficile da riconoscere. Difficile. Purissimo. Sa dire addio al passato e cambiare il futuro. Quando si vivono momenti di lutto, i "protagonisti" camminano su un terreno di -essenze- molto delicato, incontrando più vite in identici momenti, unificandole in una -unica vita- Presumo nasca da questa fatica intima, dal lavorio dell'Essere che muore nel partorire se stesso nello stesso attimo in cui un proprio caro sta operando l'identico passaggio, che "racchiude" nel silenzio. Morire a se stessi e rinascere "ogni momento", è il Mantra da recitare costantemente: riconoscere la propria Essenza ed espanderla in comunione con il corpo. Morire e lasciare le proprie spoglie, è ancor più ampio: è rinascere a se stesso "Essenza" e continuare la vita in una dimensione diversa dalla conosciuta. La tristezza è mortale, siamo penalizzati del bisogno fisico del caro che è andato laddove ancora non siamo abilitati a vedere, è un vuoto che non sappiamo colmare perché non abbiamo l'abitudine a riconoscere l'Essenza. Ma noi viviamo per imparare.
Il vivere, quanto poi si sa esprimere è faticoso, se pure ripagato con visione sempre più vivida e pura dell' esistenza, per intanto, solo il silenzio buono concede tale visione: il luogo dell'Anima. La Vita e la Morte, stesso luogo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento