username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Aurora Prestini

in archivio dal 16 set 2011

18 aprile 1953, Milano - Italia

segni particolari:
Callo della scrivana

mi descrivo così:
Sono nata a Milano il 18 aprile 1953. Dopo la Maturità classica nel 1972,  laurea in Filosofia nel 1984 con una tesi su "L'estasi sciamanica". Dal 1978 iscritta all'Ordine dei Giornalisti, come pubblicista, ho collaborato con la RAI Regionale del Veneto...

03 novembre 2011 alle ore 17:11

Spirito di Lucerna

di Aurora Prestini

editore: Altromondo

pagine: 224

prezzo: 16,00 €

Acquista `Spirito di Lucerna`!Acquista!

"Pietro, vetraio esule in Francia, cerca di tornare nella sua Venezia assediata dalla peste. Nella sua mente, un'immagine continua: una donna imprigionata in una lucerna di cristallo; una donna che Pietro vuole a tutti i costi liberare".
E' questo ciò che si legge sul quarto di copertina di "Spirito di Lucerna", romanzo estremamente incisivo di Aurora Prestini col quale l'autrice si addentra in un'attenta e profonda analisi di Venezia e del misterioso mondo che questa città rappresenta. E queste poche righe sono già sintomatiche della lodevole complessità dell'intera opera.
Una frase, tratta dal testo del romanzo, appare emblematica di tutta ragione di fondo che domina la storia: "L'idea di essere legata a tante persone le provocò un disagio profondo", dice la voce narrante. E in effetti quello che emerge dalla lettura è proprio la presenza di una fitta ed intricata rete di rapporti tra i numerosi personaggi della storia (il vetraio Pietro, la bella Lucerna e la sua amica Lucrezia, Alvise, Cecilia, Zane...); rapporti che come fili di una meticolosa ed efficiente ragnatela, irretiscono il lettore e instaurano sottili parallelismi tra le diverse e complesse esistenze degli stessi personaggi, in virtù di un'escalation di avvenimenti sorprendenti. Notevole è il modo col quale l'autrice fa percepire al lettore Venezia, città dove l'influsso dell'arte bizantina e la presenza di specchi d'acqua che la circondano da più parti, danno luogo ad uno dei più emozionanti spettacoli di luce ed architettura riflessa. Con una prosa incisiva e figurativa, la Prestini ci consegna un romanzo avvincente e misterioso dove il lettore viene catturato completamente dalla vicenda di Lucerna, dal mistero, svelato poco alla volta nell'avanzare della storia, che caratterizza la figura della stessa e dallo stretto ma imprevedibile rapporto che la lega al vetraio Pietro. Un romanzo, dunque, per chi voglia intraprendere un viaggio dentro il mistero, all'insegna di continui colpi di scena. Un romanzo che tiene col fiato sospeso e regala emozioni reali e tangibili.

recensione di Claudio Volpe

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento