username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 25 feb 2017

Fabio Avena

22 marzo 1976, Palermo - Italia
Segni particolari: Scrivo di me, tra poesia e prosa. Vivo di attimi, emozioni, pensieri, ispirazioni che ho dentro l'anima. Attento osservatore, pensatore ribelle, fuori dagli standard. Profondo ascoltatore di stati d’animo e nuove idee.
Scrittore autodidatta tra prosa, satira, poesia e sete di verità.
Mi descrivo così: Introspezioni, meditazioni, esperienze, semplici accadimenti quotidiani che trascrivo di getto, in quelle che amo definire 'le mie istantanee di momenti in divenire’. Credo in Dio. Amo il cinema, l'arte, la natura, la conoscenza in senso ampio. La mia passione di sempre è il ballo, la street dance.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 25 febbraio alle ore 13:24
    Dolce alito d'amore

    Quel tuo cupo sospiro
    io vorrei affievolire;
    quella tua condanna ingiusta
    io vorrei lenire.

    Quei due occhi vispi e sorridenti
    io vorrei incontrare;
    quelle gote nivee ed espressive
    io vorrei scaldare.

    Quella bocca a cui vorrei
    solo donare
    non un sospiro di dolore...
    ma un dolce alito d'amore.

     
  • 25 febbraio alle ore 13:23
    Eternamente tuo

    Cara,
    mia dolcezza,
    mio sublime amore,
    anelo a te più d'ogni altra cosa.

    Mai nulla scioglierà
    i nostri amabili legami.
    Mai niente potrà intaccare
    la nostra armonia.

    Mai nessuno mi distoglierà
    dalla magnetica attrazione
    che verso te sola nutro.

    O, mia soave infatuazione.
    Io, eternamente tuo.

     
  • 25 febbraio alle ore 13:22
    Come un angelo

    Queste mie labbra
    d'un tratto
    si schiudono soavi,
    notando te,
    mio dolce angelo
    dalle ali tarpate.

    Angelo,
    dal viso un po' triste in fondo,
    e col cuore lacerato.

    Il tuo bellissimo sorriso
    ancor riesce a celare questo dolore,
    pur patendo silenziosamente
    tra le mura
    del tuo nido interiore.

    Quel tuo cuore coraggioso
    di piccola farfalla,
    a cui il destino,
    come un famelico ragno,
    ha invischiato un'ala.

    Ma, la tua anima
    di creatura libera e gioiosa,
    ha già spiccato il volo verso me:
    l'amore della tua vita.

     
  • 25 febbraio alle ore 13:21
    Mediterranea

    Ogni tuo battito di ciglia
    cela fluenti emozioni,
    che, gesti gentili
    e femminile armonia
    riflettono al meglio
    nel continuo evolversi
    di un elegante sensualità mediterranea.

    Valori saldi e spirito intraprendente
    scorrono nel tuo DNA.
    Alchemici sussurri
    di una preziosa e spontanea seduzione
    infatuano un interlocutore,
    un tempo inconsapevole
    della tua affabile e dolce presenza.

     
  • 25 febbraio alle ore 13:20
    Piacevole ossessione

    Ti penso spesso e volentieri,
    ti ho amata oggi come ieri,
    con quel tuo fare premuroso,
    col tuo bel viso sempre festoso
    e quelle gote rosee ed espressive
    che incantan chiunque a te si avvicini.

    Donna semplice,
    magicamente vera,
    sei tu una Venere sincera.

    Tramuti ogni malizia in semplicità,
    ogni sconforto in felicità
    donando alle mie tiepide mattine,
    alle sere spente e cupe
    quel bell'attimo di calma,
    quell'atmosfera accesa...
    ... la piacevole ossessione
    che per me fu dolce attesa.

     
elementi per pagina
  • 25 febbraio alle ore 14:32
    Jolin e Rael

    Come comincia: Ore 11: 25 – Magazzini commerciali EUS
    Jolin, uno dei due vigilantes del settore Lambda osservava con meticolosità il via vai della gente intorno, analizzando ogni singolo gesto, ogni singola movenza dei passanti, cercando possibili anomalie in quel settore.
    Trascorsero parecchie ore.
    Nulla di strano o irregolare tra la folla.
    Jolin cominciò a sbadigliare, stiracchiandosi.
    Cadde inaspettatamente in un sonno profondo, dritto sulla scomoda poltroncina assegnatagli.
    Tutt'intorno l'atmosfera era calma, silenziosa, come se la gente avesse percepito che Jolin stesse dormendo.
    Si udiva infatti solo un lieve bisbiglìo, utile a non destare il vigilante dal sonno in cui era caduto.
    Dal canto suo, Jolin cominciò a ronfare vergognosamente.
    L'interfono, ancora acceso, trasmetteva indistintamente nell'etere quel continuo e sonoro russare per l'intero settore Lambda.
    La gente cominciò a sghignazzare in preda a interminabili e convulse risa.
    Rael, avvenente neo-direttrice dell'intero reparto, corse infuriata verso la postazione di controllo di Jolin.
    Sbraitando come un'ossessa, diede un sonante ceffone sulla nuca di Jolin, il quale ancora intontito dal torpore del sonno la osservò straniato sbadigliando a bocca spalancata.
    <<Bene! Vedo che lei è una personcina davvero attenta sul posto di lavoro!>>, esclamò sarcasticamente e con evidente irritazione Rael.
    <<Deve perdonarmi signorina direttrice...prometto che non accadrà più...non mi era mai accaduto prima... lei sa che ho lavorato sodo ultimamente...e penso sappia bene che lavoro qui da parecchio tempo ormai...Mi perdoni, mi perdoni ancora..sono veramente mortificato!>>, rispose con sincera umiltà Jolin, con tono basso, tra vergogna e scusa.
    Stranamente, lo sguardo della neo-direttrice in carica, aveva assunto improvvisamente un espressione più serena. I tratti somatici di quell'avvenente creatura, apparentemente gelidi, indecifrabili, adesso mostravano chiaramente palesi scorci d'umanità e comprensione, come se, nel giro di pochi secondi quel velo, quella patina che solo i 'superiori' riescono ad assumere alla perfezione per dissimulare i propri sentimenti ai dipendenti sul posto di lavoro, si era volatilizzata d'incanto.
    Effettivamente, l'autoritario 'pugno di ferro', la mordacità tipica di Rael erano state del tutto inaspettatamente allontanate.
    A volte, è strano. La nostra mente, seppur risoluta, tenace nei suoi propositi, ci porta stranamente a compiere delle 'inversioni di marcia', o, come in questo caso dei veri e propri capovolgimenti d'umore, che, solo la forza del caso ha il potere di istigare nei momenti 'meno opportuni', rendendoci chi più chi meno, dei perfetti lunatici soggiogati alla ruota della sorte.
    Ma, quello che realmente riusci ad accecare la corazza impenetrabile di Rael, fu proprio l'aver intravisto qualcosa di luccicante sul volto del povero Jolin.
    Sì, si trattava proprio di una lacrima, che, adesso cominciava a distinguersi nitidamente scendendo netta tra i frastagliati lineamenti del vigilante, giù, sino ad inumidirgli le ruvide labbra.
    Rael, come 'affetta' da improvviso istinto materno e protettivo, si chinò verso Jolin, genuflettendo la sua sinuosa figura.
    Lo osservò intensamente per diversi secondi, che sembravano interminabili, e gli lanciò un sorriso affettuoso, senza alcuna malizia.
    La neo-direttrice, adesso aveva la bocca a pochi centimetri da quella di Jolin.
    I due si fissarono ancora.
    Come se si conoscessero da sempre, si baciarono teneramente, ma con decisione.
    Chiunque avesse osservato quella scena dall'esterno, come in una visione d'insieme, non avrebbe affatto percepito che i due astanti erano dei perfetti estranei, e precisamente, un vigilante e il suo diretto superiore durante un turno lavorativo.
    Uno spettatore esterno avrebbe potuto solo vedere due esseri umani qualunque, che il cuore, la passione, avevano adesso deliberatamente e alla vista di tutti , tramutato in due amanti, che non nascondevano affatto i loro sentimenti reciproci, e trasmettevano anzi anche ai casuali osservatori una innata, energica voglia d'amarsi, di volersi bene per davvero, gettando via almeno per un po' asti, rancori, che purtroppo affliggono ogni coppia, anche quella che si reputi la più fortunata.
    Quello fu il più strano colpo di fulmine che mai Jolin e la stessa Rael avessero mai provato nell'arco della loro intera esistenza.
    Successivamente, pur sapendo entrambi a quali critiche sarebbero andati incontro, tra  colleghi e familiari stessi, a causa del loro diverso tenore di vita, dei loro rispettivi ruoli e gradi sul posto di lavoro, decisero all'unisono che non avrebbero mai più chiuso lo spiraglio ai sentimenti veri dopo quell'inaspettata occasione.
    Con coraggio avrebbero intrapreso quell'insolita relazione a testa alta, sapendo in cuor loro che ormai nessuno sarebbe stato loro d'intralcio.
    Le loro anime adesso, intrecciate in quella comune empatia avrebbero sempre camminato di pari passo.

     
  • 25 febbraio alle ore 14:13
    Herbert

    Come comincia: Herbert, uomo sulla trentina, adagiato sulla sabbia fissava inquieto l'infinito orizzonte che si estendeva ben oltre la sua fervida immaginazione.
    L'uomo cominciò a volare, in alto con la fantasia, mischiando sogno a realtà, mentre le sue nude ossa toraciche erano a contatto con delle garze imbevute di una sostanza bluastra, il Placebo.
    Quello sì che era un toccasana per un sognatore come Herbert, il quale cercava assiduamente uno sprazzo di appagante illusione tra la realtà che lo circondava, suo malgrado.
    Dopo le prime applicazioni epidermiche di Placebo, egli si sentì come rinascere, o meglio come sgusciar fuori dal baccello crisalideo per tramutarsi in agile farfalla.
    Passati circa trenta secondi dall'applicazione di Placebo, Herbert cadde in un piacevole torpore.
    Come in dormiveglia, vide d'improvviso una luce verdognola avvicinarsi a sé.
    Questo strano bagliore lo accecò, creandogli degli stati confusionali che gli fecero balzare alla vista dapprima fiale variopinte, disposte ad arco, e subito dopo delle mani con lunghe dita affusolate di una tinta argentea, che sapientemente imbevevano tali fiale in strani fluidi giallognoli con l'esperienza, la saggezza arcaica di un vecchio sciamano.
    Mentre Herbert giaceva ancora supino sulla spiaggia, sotto l'effetto Placebo, due tizi gli si avventarono contro frugando nelle sue tasche vuote.
    Non trovando nulla di cui appropriarsi, i due decisero di darsela a gambe mollando il povero malcapitato, il quale, come un sacco di patate, ripiombò inerme a terra.
    Passarono diverse ore.
    Si fece buio, ma nessun passante notò il corpo accasciato di Herbert.
    Nel corso della notte, sinistri ululati fecero presagire che di lì a poco un violento temporale si sarebbe scagliato su tutto il litorale.
    In effetti, dopo qualche istante, un imponente nubifragio si scatenò inondando la costa orientale di Romville, creando non pochi ingorghi nella superstrada adiacente il lido Sundee, dove Herbert suo malgrado giaceva.
    Intanto, le palpebre di Herbert cominciarono a sussultare a contatto con la pioggia che le bagnava, quasi ad indicare a chiunque lo avesse visto, lì, sul lido che lui era ancora vivo.
    Difatti, Herbert si trovava in uno stato di piacevole dormiveglia, e nemmeno i morsi della fame lo avrebbero scomodato.
    Quando il temporale si fece più minaccioso, e la pioggia si tramutò in grandine, anche gli occhi socchiusi di Herbert si spalancarono, mostrando tutto lo stupore, l'angoscia di chi dopo un bel sogno si risveglia nell'incubo agghiacciante della dura realtà, in preda allo smarrimento più totale.
    Herbert gettò un possente urlo, che, nonostante i tuoni riecheggiò lungo il solitario lido, mentre gli squarci giallastri di un lampo illuminavano come in pieno giorno il suo volto tremante, i suoi occhi stralunati che imploravano aiuto.
    Le labbra del povero disgraziato erano del tutto screpolate, sanguinanti.
    I capelli arruffati, sudici di sabbia.
    Era a torso nudo.
    Sul torace recava ancora le garze incriminate, colpevoli di lì a poco della sua tragica e isolata fine.
    Sì, proprio quell'apparente toccasana, che altri non era se non il Placebo, consumò le sue logore carni, dapprima immobilizzando i suoi arti oramai gelidi, e poi, a poco a poco fagocitando i suoi neuroni, i centri pulsanti del cervello e del cuore, spazzando via in men che non si dica un'altra inconsapevole e giovane vittima dal lido Sundee, tristemente noto anche come Last Placebo.

     
  • 25 febbraio alle ore 13:59
    Uragano

    Come comincia: "Uragano in arrivo", esclamò Sam, mentre il capitano attraverso le sue opache lenti scrutava avidamente la sua personalissima copia della Monnalisa.
    Intanto, la nave cominciò a sobbalzare sulle onde.
    Il capitano non poté fare a meno di distogliere lo sguardo dalla sua 'amata del dipinto'. Immediatamente, fu dato l'ordine di cambiare rotta verso una zona più calma, ma l'uragano imperterrito continuava ad avvinghiare a sé la nave quasi a volerla inghiottire nelle sue invisibili ma letali fauci.
    L'equipaggio faceva il possibile per arginare l'ostacolo, ma dal canto suo il capitano si riteneva già spacciato, al punto da voler lanciare un ennesimo languido sguardo alla sua 'amata', prima di soccombere da eroe in mare.
    Sicuramente, gli unici veri eroi, in quel frangente temporale, erano i ragazzi dell'equipaggio, i quali, come forsennati cercavano di fare il possibile per salvare la pellaccia; mentre il capitano, forse stanco di un'esistenza grama e meschina, aveva trovato invece nell'uragano improvviso la giusta occasione per mettere fine ai suoi dolori esistenziali, ai patimenti morbosi che provava per l'unica 'donna' della sua vita, la Monnalisa.
    L'equipaggio, al limite della sopportazione umana, cercava in ogni modo di virare verso porti più sicuri, ma, la faccenda sembrava assumere una brutta piega.
    Il capitano, immerso nella contemplazione della sua 'amata', si sedette sul legnoso pavimento della cabina, abbandonato, come in estasi, ignorando la tormenta che dall'oblò dello stanzino sembrava voler risucchiare nel suo vortice letale ogni singola forma di vita in quella nave.
    D'improvviso, un lampo interno, una scintilla negli occhi del nostromo.
    Si alzò di colpo, corse verso l'esterno, prese un secchio ed iniziò furiosamente a spalar via tutta l'acqua che poté dal pontile dell'imbarcazione, ormai fradicio e allagato.
    Gli uomini dell'equipaggio, vedendo il loro capitano e la sua inaudita tenacia, come rinvigoriti da nuova energia, continuarono così con nuova lena a virare.
    L'uragano sembrava quasi essere cessato, dopo aver riversato tutta la sua furia temporalesca sull'imbarcazione, che, nonostante tutto, aveva resistito abbastanza bene al forte impatto burrascoso, senza riportare gravi perdite allo scafo.
    Il sole cominciò a brillare sul pontile.
    I volti spossati dei marinai, da terrorizzati che erano qualche istante prima, ora brillavano radiosi.
    Sam si avvicinò con perplessità al capitano, scrutandolo con riverenza e incertezza.
    Gli chiese quale fosse stata la 'molla' che lo aveva spinto ad andare avanti, a infondergli quell'inaspettata audacia che mai prima d'ora egli aveva mostrato ai suoi uomini.
    Il volto del nostromo assunse una nuova espressione, che lo fece sembrare più giovane, arzillo più che mai, e un magnifico sorriso da adolescente si stampò sui suoi zigomi.
    "Sam, ricordi quel famoso detto ? 'Finché c'è vita, c'è speranza'.  Ebbene, adesso questa speranza non mi abbandonerà più, almeno credo!"
    "Non capisco... cosa intendete dire, capitano ?"
    "È semplice, Sam! Ci sono momenti nei quali un uomo deve scegliere quale valore mettere al primo posto, a cosa più tenere realmente per andare avanti. Bene! Mentre mi trovavo lì sotto, in cabina, ho fatto una scelta decisiva. Il mio equipaggio è più importante di una 'donna'. E così è stato!"
    "Capitano, ma allora lei è... lei è... g-guaritooo!"
    "Direi proprio di sì! Sì, sto benone! Mi sento davvero rinato! Si torna a casa! Forza miei prodi!".