username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Laura Di Vincenzo

in archivio dal 31 mag 2016

Policoro - Italia

mi descrivo così:
Io sono le parole che scrivo, loro sono la mia essenza e abitano in un posto meraviglioso chiamato anima.

03 giugno 2016 alle ore 17:18

Stimoli visivi (parole dettate da un'immagine)

Intro: Guardando un’immagine, presa sul web, sono scaturite queste parole, partorite dalla mia immaginazione.

Il racconto

Siamo qui, distesi pelle contro pelle, in un incastro d’anima, divorati avidamente in ogni fibra, avvolti dalle molteplici sfumature del nostro essere, immersi nella magia della notte. Tra le mani il libro intinto d’inchiostro rosso, dove le parole disegnano lo spazio occupato dal mio tempo nel tuo tempo, ermetici suoni sul pentagramma di privilegiate note solo per il tuo udito. Tu che leggi per me variando il timbro vocale a ogni cambio d’intensità, scivolandomi dentro in un susseguirsi di vibrati, colorando ogni sillaba di gesti; la somma delle mie parole, fluttuante, racchiusa in quegli attimi infiniti, mischiata al sangue preme impetuosa nelle vene, complice dei sensi. Una sensazione indescrivibile, una sorta di vuoto pieno di emozioni che pulsano dall'interno fino ai confini esterni della pelle, un solletico di un avido bacio sul ventre.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento