username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Linda Landi

in archivio dal 09 gen 2013

27 maggio 1965, Battipaglia (SA) - Italia

23 gennaio 2015 alle ore 10:17

Non date le perle ai porci

Intro: Non date le perle ai porci affinchè non vi si rivoltino contro
[da Matteo 7,6 ]

Il racconto

Cari amici ANAKI[1],
mi è venuta gana (ho letto un racconto di Camilleri su Montalbano di recente) di raccontarvi come mai, pur non dovendo fare l’amministratore di condominio di professione, mi saltò in mente di seguire il corso ANAKI: sentivo l’esigenza di capirne un po’ di più.
Nel 2002 non sapevo nemmeno che un amministratore fosse tenuto a presentare un rendiconto della sua amministrazione.
Andavo a vivere in una palazzina a conduzione quasi familiare e figuratevi se mi ponevo il problema.
A fine anno l’amministratore ufficiale, il vicino di casa Poldo Landri, mi presentò un “foglio contabile”, che io nemmeno mi aspettavo, in cui erano riassunte le quote che avevo versato, le quote spese di mia competenza ed il mio bilancio, cioè se fossi a credito o in debito. Fu mìo marito a spiegarmi che quello non era un vero bilancio, che un bilancio doveva contenere le informazioni su tutti i condomini e lo stato patrimoniale di tutto il condominio.
Comunque mio marito andò alla riunione ed, a quanto mi è stato riferito, chiese: “Quanto c’è in cassa?”, domanda da vero maleducato e malfidente, o no? Comunque pare che poco dopo, Furio Landri e Poldo Landri lo insultassero e cacciassero fuori dalla riunione. A quell’epoca non si tenevano verbali delle riunioni e di ciò non c’è traccia. Poco dopo sentii squillare alla porta. Il vicino Ferruccio Soldini aveva accompagnato Poldo affinché si scusasse. Mio marito fece entrare Poldo e gli offrì un liquore.
Nel 2004 diventa amministratore di turno mio marito. A fine anno presenta un bilancio per cassa (non per competenza come mi pare preferiate voi amministratori ANAKI) completo dei dati di tutti i condomini. Il bilancio è approvato. Ah, da fine 2003 si cominciarono a scrivere i verbali delle riunioni.
Quel condominio era stato sempre caratterizzato dal fatto che pur, essendo l’amministratore ufficiale un altro, Furio in pratica si occupava di tutto.
Mio marito non aveva bisogno del suo aiuto, ma Furio non se ne dava punto e continuava ad appropriarsi delle bollette del condominio e pagarle e continuava a tenere i contatti con la donna delle pulizie ed il giardiniere. Ricordo che nel 2004 si presentò a mio marito e gli chiese di compensare le sue rate ordinarie, che non aveva mai versato, con quelle spese . Per quieto vivere, mio marito gli compilò una bolletta di ricevuta per 200 euro. Anni dopo ho realizzato l’imprudenza di mio marito di non scrivere sulla bolletta “per compensazione spese”. La cosa si ripete nel 2005 e mio marito gli compilò una bolletta di ricevuta per 260 euro. La cosa non si ripeté nel 2006. Per il semplice fatto che mio marito scrisse esplicitamente sul bilancio approvato che, a seguito dell’approvazione dell’assemblea, al sig. Furio Landri veniva riconosciuto il versamento di 720 euro come compensazione di spese effettuate. 
Un’altra cosa che ha caratterizzato l’amministrazione di mio marito è che, dopo l’approvazione del bilancio 2004 all’unanimità e tutti i condomini presenti, Furio cominciò a contestare i conti e pretendere dei rimborsi presentando i suoi prospetti contabili. Mio marito, con estrema pazienza, controllava sempre, ma è sempre costretto a dirgli che non trova alcun riscontro. Nel 2006 Furio la smette con la richiesta che aveva presentato con insistenza per tutto il 2005, e, sempre dopo che l’assemblea aveva approvato anche il bilancio 2005, presenta nuovi conti e nuovi prospetti contabili. 
Alla fine della giostra, alla riunione di approvazione del bilancio 2006, Furio si limita a contestare un addebito di 198 euro (circa), dice che riconosce un addebito solo di 33 euro ma i rimanenti 165 non li paga. Per mettere a tacitare la cosa, l’assemblea approva che i rimanenti 165 euro vengano ripartiti in parti uguali tra tutti i 5 condomini. Ed amen.
Ma non finisce qui. Mio marito deve consegnare tutta la documentazone e la contabilità dei lavori straordinari al nuovo amministratore, ufficialmente la vicina Gina Pistoia. Ma noooo, gli dicono. Tu già sai tutto inoltre conosci il commercialista e già vai a Salerno. Per favore, finisci di vedertela tu e poi ci fai sapere. Per Gina sarebbe troppo complicato. Dai a Gina solo le carte che le servono per concludere la gestione ordinaria del 2007 e grazie. Siamo parenti, siamo tra di noi, che bisogno c’è delle formalità?
Tre mesi dopo ricevo un verbale di assemblea (commisi l’errore di non andare alla riunione, non le sopportavo più) in cui i miei vicini dichiarano “sospeso” il bilancio consuntivo che avevano approvato all’unanimità (tutti presenti) tre mesi prima. Inoltre si lamentano con veemenza del ritardo della consegna della contabilità dei lavori  straordinari. Ma non basta, al verbale è allegata una “relazione” che è un agglomerato di insulti, calunnie ed illazioni su me e mio marito.
Ma non finisce qui. Sei mesi dopo,marzo 2008, mio marito riceve una citazione.
Furio ci ha ripensato, adesso riconosce che doveva pagare 198 euro in quanto come “consolidata consuetudine” non versava le sue quote condominiali mensili, però aveva versato al giardiniere (mi pare, non ho le carte davanti e mi rompo di guardarle per l’ennesima volta) 216 euro e vuole i 18 euro di differenza. In più vuole indietro la sua quota parte dei 198 euro (sì dice 198, non 165) che avevano diviso in parti uguali tra i condomini. In tutto porta mio marito in tribunale per chiedergli circa 58 euro.
Ma non finisce qui. Dal 2004 al 2007, mio marito si era occupato di lavori straordinari di manutenzione che aspettavano da almeno vent’anni e tra intoppi, sorprese e richieste di lavori privati da parte dei condomini, la spesa totale era arrivata ad 80000 euro (la mia parte è stata di circa 16000). 
Il 5 aprile 2008, sabato, mio padre riceve una lettera in cui si insinua che mio marito abbia rubato 80000 euro e che abbia amministrato questi soldi senza mai mostrare un documento. La lettera è firmata da tutti i condomini.
Probabilmente i signori ritengono che gli operai che hanno visto lavorare per tre anni e le impalcature fossero gratis.
Io sì che quando c’erano stati lavori negli anni precedenti non solo non avevo visto una carta, ma non avevo visto nemmeno gli operai.
Mio marito invece aveva fornito:
• Copia computi metrici estimativi dei lavori;
• copia verbale del 16/04/04;
• copia convenzione d'incarico col direttore dei lavori;
• copia disciplinare di incarico delle ditte;
• copia documenti trasmissione centro Pescara;
• copia DIA;
• copia contratto ditta esecutrice;
• copia n. 3 computi metrici del direttore lavori al 25/11/04;
• copia riparto preventivo lavori al 25/11/04;
• copia verbale del 26/11/04;
• certificazioni e riparti detrazione IRPEF;
• riparti consuntivi al 07/09/05;
• riparto quote consuntivo al 28/09/05;
• relazione dell'amministratore al 29/09/05;
• prospetto lavori urgenti;
• copia scheda di richiesta dei lavori di completamento;
• copia richiesta capitoli di spesa dei lavori dall’amministratore al direttore dei lavori;
• riparto consuntivo lavori scala al 06/02/06;
• andamento cassa lavori al 21/02/06.
In più Furio aveva chiesto e ricevuto:
• copia dell'offerta ditta esecutrice lavori;
• copia contabilità del direttore dei lavori;
• copia fatture emesse dalla ditta esecutrice lavori;
• altre 56 (scrivo cinquantasei) fotocopie, tra cui tutti gli estratti conto del conto corrente condominiale e copie dei bonifici.
Ma la storia non finisce qui. 
Settembre 2008, mio marito riceve un’altra citazione. Questa volta è Gina che cita mio marito perché Furio aveva pagato bollette Enel o non so che altro (mi rompo di guardare le carte e vado a memoria) e non era stato rimborsato. Pare che Furio abbia dimenticato di informare l’amica Gina che per “consolidata consuetudine” non versava le sue quote mensili e chiedono 461 euro, guarda caso proprio quasi pari alla somma delle due bollette (200 e 260 euro) che mio marito rilasciò a Furio per compensazione delle spese sostenute. In più chiedono altri 1400 euro (più o meno) che mio marito avrebbe gestito per concludere le pratiche dei lavori straordinari senza averne titolo. [Ricordate? Per favore, finisci di vedertela tu e poi ci fai sapere. Per Gina sarebbe troppo complicato.]. Inoltre affermano che mio marito avrebbe causato “gravi danni”.

Ed il corso ANAKI? Nel 2009 arriva un amministratore esterno, un amministratore ANABBI[1]. Comincio a ricevere richieste che sembrano fotocopia delle richieste che era solito fare Furio.
Beh, visto che l’avvocato a cui si era rivolto mio marito mi era sembrato un po’ confuso, decido di apprendere qualcosa di più per vedermela da sola.
Dopo l’ennesima delibera che non mi piace (avrei dovuto versare 250 euro al mese, sì così magari mantenevo da sola tutto il condominio), riprendo ad andare alle riunioni, proprio nel periodo in cui inizio il corso ANAKI ed il corso mi è di aiuto nell’intervenire propriamente nelle riunioni.

E questo è quanto.
 
[1] Nome di fantasia per un’associazione di amministratori di condominio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento