username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Linda Landi

in archivio dal 09 gen 2013

27 maggio 1965, Battipaglia (SA) - Italia

13 aprile alle ore 13:27

Quattro amici burloni

Intro: Scherzi di condominio

Il racconto

Furio, ragioniere, settantenne ex-bancario in pensione.
Gina, sessantenne, insegnante in pensione.
Poldo, cinquantenne, dirigente amministrativo (sarebbe l’ex-segretario scolastico, ma Poldo ci tiene a precisare che lui è dirigente, una persona di tutto rispetto).
Ferruccio, quarantacinquenne, ingegnere, ricercatore universitario.
 
Cosa hanno in comune queste persone, oltre che essere persone probe, pilastri della società? Sono vicini di casa, in una palazzina di cinque appartamenti.
La circostanza li ha portati alla reciproca frequentazione ed a diventare amici.
In più i quattro amiconi sono dei buontemponi ed amano organizzare scherzi, soprattutto alle spalle del quinto vicino, ultimo arrivato e mai integrato realmente. Inoltre Liliana, la moglie del quinto vicino e proprietaria dell’appartamento, è antipatica e dimostra di avere poco senso dell’umorismo. Quindi è un piacere organizzare scherzi alle sue spalle.
Liliana è l’unica che lavora per un’azienda privata, sta fuori tutto il giorno, ed è l’unica, al contrario loro, pensionati e dipendenti statali, a rischiare ogni giorno il licenziamento per dismissione delle attività o riduzione del personale.
 
L’occasione per un divertentissimo scherzo è un’assemblea di condominio. A sorpresa nè Pino, marito di Liliana, nè Liliana si presentano. Furio all’inizio ne è un po’ risentito. Come condomino anziano si ritiene il papà/padrone del condominio e quell’assenza gli sembra un affronto ed un palese disconoscimento della sua autorità. Ma non tutti i mali vengono per nuocere. In quell’assemblea devono deliberare su dei lavori al terrazzo asfaltato. Furio ha portato una proposta di preventivo della sua ditta preferita, Massimo Oro, mentre quell’importuno di Pino, pur assente, ha fatto pervenire un preventivo di una certa ditta Amato che nessuno conosce. Gli amici risolvono di aprire le buste. Accidenti! L’offerta della ditta Amato è di poco inferiore a quella della ditta preferita da Furio. Ma Furio non si perde d’animo. L’assenza di Pino capita a fagiolo! Strizza l’occhio ai suoi amici e presenta la soluzione: sulla linguetta della busta della ditta Massimo Oro scrive: se accettata, la ditta effettuerà uno sconto del 10% sull’offerta. Ed il gioco è fatto. Ora l’offerta della ditta Massimo Oro è inferiore di circa 100 euro a quella della ditta Amato. E Furio con i suoi amici è contento. Hanno fatto proprio un bello scherzo!
Ma Furio decide di perfezionarlo. Non è necessario informare la ditta Massimo Oro. Convince l’amica che abita sotto il terrazzo che è sufficiente passare una mano di catrame dove l’asfalto è lesionato. Chiunque può farlo. Costo del materiale e della mano d’opera: 200 euro circa.
Qualche settimana dopo, Liliana torna a casa la sera e suo marito la informa che è passata la signora Gina a portare il verbale dell’ultima assemblea. Liliana, pedante persona ligia alle regole, sale dalla vicina per portarle la ricevuta e per chiedere un attestato di consegna con la data. Sarà che la signora Gina dimentica che è tutto uno scherzo, forse ha paura di qualcosa, fatto sta che si innervosisce ed afferra Liliana per un braccio, la strattona e la spinge verso le scale gridando:<<Io non firmo niente! Mi ridia il verbale!>>.
Liliana è scioccata. Pino vorrebbe farle presentare denuncia. Ma Liliana preferisce non dare seguito alla cosa.
Ci pensano i quattro amiconi a dare seguito allo scherzo. Furio detta all’amica Gina una relazione in cui attesta di essere stata presente quando la ditta Massimo Oro ha operato l’intervento, dichiara che Liliana avrebbe voluto farle firmare una dichiarazione che attestava che lei avesse consegnato il verbale in ritardo, che Liliana l’avrebbe aggredita e che Liliana non aveva pagato la sua quota di 240 euro per i lavori al terrazzo. E quando gliel’aveva chiesta?
Dopo di che i quattro amiconi si riuniscono nuovamente in assemblea. Approvano la relazione di Gina. Approvano e presentano per la prima volta il riparto spese dei lavori già effettuati. In più Furio ha una magnifica idea, che poi è una vecchia idea: dall’ultimo bilancio di condominio approvato da tutti i condomini, nessuno assente, risulta che Liliana è in credito di 140 euro, mentre Gina è in debito di 60 e Furio di 80. Furio fa dichiarare agli amici di considerare “sospeso” il bilancio già approvato in attesa di esaminare la documentazione. Dopo di che impacchettano il tutto in un bel verbale di assemblea e lo fanno pervenire a Liliana.
Liliana non capisce cosa vuol dire quel “sospeso” e, proprio non ci sa stare agli scherzi, chiede di vedere la fattura dei lavori.
Niente paura. Furio sa come trattare questi pivelli.
Liliana riceve un decreto ingiuntivo di 240 euro. I documenti che giustificano tale decreto sono:
Bollettino di ricevuta compilato da Gina;
Il verbale di assemblea successivo ai presunti lavori con tanto di riparto spese;
Riparto spese compilato da Pino 2 anni prima per lavori eseguiti a quell’epoca, incoerente con il riparto degli ultimi lavori.Liliana conclude o il giudice che ha emesso quel decreto è amico loro o era distratto.
Poi Liliana riceve un altro verbale: gli amiconi hanno approvato un nuovo bilancio condominiale in cui il suo credito di 140 euro è sparito così come è sparito il debito di 60 e di 80 di Gina e Furio.
Liliana non ci sa stare proprio agli scherzi.
Presenta ricorso.
Sono passati 8 mesi dai famosi lavori al terrazzo. Dopo 15 giorni Gina le spedisce copia della fattura dei lavori. La fattura puzza di falso lontano un miglio. È la fattura n.01 del 13-09-2007. L’IVA indicata è del 20% mentre a quell’epoca per quella tipologia di lavori l’IVA era al 10%. Manca la ritenuta d’acconto. Liliana avrebbe ampi motivi per recarsi alla guardia di finanza. Ma, inspiegabilmente, non lo fa. In realtà quello che Liliana vuole è essere lasciata in pace ed in fondo è un cuore buono.
Ma gli amiconi hanno preso gusto ad organizzare scherzi alle spalle di Pino e Liliana.
Furio orchestra una lettera in cui insinua che Pino abbia frodato il condominio mentre era l’amministratore di turno e la spedisce ai parenti di Pino ed ai propri.
I quattro amiconi si ritrovano tutti riuniti davanti al portone della palazzina, divertiti ed attenti ad ascoltare la relazione di Furio sulla reazione dei suoceri di Pino quando avevano ricevuto la lettera.
Ma gli scherzi non finiscono qui. C’è un momento d’empasse quando Gina si stanca e non vuole più fungere da amministratore del condominio. Ma niente paura, gli scherzi possono continuare. Poldo chiama un amministratore professionista amico suo.
Ed organizziamo un altro bello scherzo. Occorre di nuovo fare dei lavori al terrazzo. Ma questa volta lo scherzo organizziamolo bene. Decidiamo che in attesa di fare i lavori ogni condomino deve versare 200 euro al mese in un fondo cassa. Liliana tra quota condominiale mensile e fondo cassa dovrà versare 250 euro al mese, il fondo cassa durerà a lungo, lo gestiamo noi ed in attesa di fare i lavori Liliana verserà mensilmente da sola la quota che serve per la gestione ordinaria del condominio. Non è uno bello scherzo?
Ma Liliana fa resistenza e dice che i soldi per il terrazzo li darà in un’unica soluzione quando l’amministratore informerà di cosa deve essere fatto e quando.  Con certe persone non si può proprio scherzare!
Ma il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Ed il capo dei buontemponi continua a tessere le sue tele ed ideare scherzi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento