username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Bianchini

in archivio dal 22 giu 2017

11 febbraio 1970, Torino - Italia

segni particolari:
Ho condotto la trasmissione radiofonica "Colazione da Tiffany" su Rai Radiodue fino al 2014.

mi descrivo così:
 Uno scrittore a tempo pieno, dalla bella parlantina.

22 giugno alle ore 14:17

Siamo solo amici

di Luca Bianchini

editore: Mondadori

pagine: 284

prezzo: 11.99 €

Acquista `Siamo solo amici`!Acquista!

Una Venezia dolciastra e amara come quella di Thomas Mann. Un inseguimento di solitudini, insicurezze e vanità. "Siamo solo amici", il romanzo di Luca Bianchini edito da Mondadori nel 2011, è un insieme di storie che si intrecciano, si sorridono, a volte si deludono anche, ma che sempre lasciano l'odore delle cose non spolverate abbastanza.

Da un concierge a una prostituta di lusso, a un mancato tronista di “Uomini e donne” brasiliano, passando per una bionda torinese che perdona troppo spesso le scappatelle del marito e una receptionist che regala drink card, i personaggi di Luca Bianchini prendono vita e sentimenti come se gli camminassimo accanto e origliassimo le loro conversazioni. Le loro azioni e I loro pensieri sono raccontati con scrittura gentile e sguardo acuto, che non rendono mai banali una catena che in fondo è classica: lui ama lei che non sa decidersi, ma forse è innamorato anche di un'altra che si innamora di un terzo che ama una quarta e così via. La semplicità con cui i personaggi si incontrano e si piacciono è disarmante, quotidiana, pulita.
Ognuno di loro, in fondo, ha un appuntamento con il destino, solo che non è quasi mai il destino che si aspettano. Consigliato a chi desidera un libro malinconico e leggero, come il francese “L'eleganza del riccio”.

"Giacomo pensò che noi umani non cambieremo mai. Che continueremo a cercare verità scomode. Che ci piace sapere degli altri anche quando gli altri non ne vogliono sapere di noi. Perché parlare ci consola, ci permette di stare ancora un po' insieme al nostro sogno, all'illusione che nel racconto si possa trovare una crepa, uno spiraglio, un piccolo gancio cui aggrapparsi per tentare una nuova strategia."

recensione di Cristina Mosca

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento