username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Gamberini

in archivio dal 29 apr 2008

30 maggio 1967, Bologna - Italia

segni particolari:
Mi sono fatto da me, raramente in compagnia.

mi descrivo così:
Chi siamo ce lo dice l'avverso, chi non siamo ce lo dice lo specchio.

09 febbraio alle ore 12:49

Assolo

Il racconto

Ogni alba è una liberazione, non esiste uno spazio di fuga tra la paura del tormento e il tormento, la luce del buio acceca la speranza, l'aurora è utopia. Solamente l'alba riesce a trasmettere la dolce sofferenza di un pianoforte. L'estrema unzione di tutte le cose è la casa, una città a ferragosto con ogni cosa al suo posto e nessuno che transita, un delirio di onnimpotenza, nessun avamposto, terribile voler essere qualcuno ad ogni costo. Immagini deglutite a colazione, i ponti riprendono a sostenere la fretta, mostrano gli umidi muscoli come cavalli tra i nastri, raccordo tra ceti asociali, ogni goccia a quest'ora va persa, che sia d'acqua, di sudore o di vino. Dal fondo di un fumo incornato emerge il viso di una donna che parla col vento, l'incapacità di ascoltare traduce ombre vaghe di similitudini, essere giovani e non sapere di esserlo, accorgersi soltanto di esserlo stati, come quando di un fuoco rimangono solo le braci. La paura, che torna, annuncia la fine della primavera, a breve mancherà l'aria sotto il salice che non piange più, che non ride più. Ci sono sere in cui ti illudi di aver avuto tra le mani cose che non ti sono mai appartenute, tipo il riverbero del pomeriggio o il suono acustico di una chitarra all'equinozio, ma tua era solo la voce che ora tace. E il basso, sempre più in basso, suono cupo a introdurre versi di denominazione di origine incontrollata, pavimenti in bilico sotto i piedi, vibrazioni di suppellettili in disuso, frammenti di vapore a congestionare l'assenza, chi è fuori è fuori, chi è senza è senza, futile parvenza una grancassa in astinenza. Torneranno a brillare le stelle, sopra gli occhi di chi non ha palle per guardare il buio, dentro le città murate si spalancheranno i silenzi, cantine ormai svuotate a emulare periferie abbandonate, tornerà a fiorire la vigna e sarà di nuovo un piacere distendersi sotto un sole elegante, quanto un sassofono soprano, quel sole gentile che non fa male, non inquina la mente e che non lascia appassire un cuore.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento