username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lucio Paolo Raineri

in archivio dal 23 mar 2007

08 dicembre 1938, Genova

mi descrivo così:
Amo il bello dovunque e comunque

03 marzo 2014 alle ore 19:53

Un pomeriggio d'estate ligure

Il racconto

Un pomeriggio d'estate ligure. Quando cicale invisibili sono suoni metallici di una segheria impazzita.  -"Coprono il passaggio di un treno, nella mia Provenza"- Mi dicevi. La non ombra di esili pini marittimi, sorti, per caso, tra massi scoscesi, ci dava riparo, in una sosta desiderata, zuppi di salino. Il mare, in frantumi, tra spuma e alghe odorose, ci aveva dimenticati. Le tue gambe, nude, tracciavano un nastro dorato sulla terra arsa. Gabbiani, in numero dispari (ci piaceva contarli, ricordi?) passavano al largo, ritmici, nel loro colpo d'ala, stanco. Mi bastava guardarti, gioventù. Le tue mani giocavano sapientemente con minuscoli fossili, abbandonati dal tempo.
-"Noi, neanche questa sopravvivenza, avremo"- A mezza voce, lo dicevi, come un avvertimento ultimo e inutile. Il tuo sguardo, distratto dal troppo azzurro, mi sfiorava appena. Quel neo, vicino all'areola del capezzolo, è fuggito dal tempo, per me. 
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento