username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Chini

in archivio dal 14 mag 2011

Roma - Italia

mi descrivo così:
Scrivo racconti e poesie... passioni a cui ho potuto dedicarmi maggiormente da quando, smesso l’abito di maestra elementare, sono pensionata…. Amo anche il disegno, la pittura e la musica ma soprattutto i due nipotini con i quali gioco e a cui leggo favole.

20 marzo alle ore 23:48

Ne abbiamo piene le tasche

Il racconto

Viene voglia di chiuderli tutti gli osannati, odiati, amati media, anche se, a ragion veduta, oggi sono il mezzo di comunicazione per eccellenza, moderni strumenti dei quali non si può più fare a meno. Chiudere anche la casa, le finestre sbarrate e le porte chiuse a chiave, poi chiudere “bottega” e spedire a chi di dovere una bella raccomandata con le nostre “dimissioni”.
Partire verso luoghi lontani, incontaminati, privi di antenne e paraboliche e di torri altissime supporto ai ripetitori.
Luoghi dove la mano dell’uomo non è arrivata a modificare e molto spesso a distruggere.
Luoghi regno del silenzio, dove i suoni della terra e le voci degli animali si mescolano creando una musica naturale… un paradiso dove tornare a vivere ci spinge ad abbandonare i luoghi dove siamo cresciuti, dove conosciamo tutti e tutti ci conoscono?
Fuggiamo il clamore che s’alza arrogante dalle tribune, dagli studi televisivi, dai circoli culturali, dai salotti-bene della società, dalle case, dalle strade… e comunque dovunque si ritrovino delle persone a parlare. L’etere è colmo del frastuono dell’uomo, nelle teste alberga un ronzio fastidioso come di api impazzite. 
Ogni convivio discute intorno a un tema, fine corretto che potrebbe essere funzionale alla ricerrca della verità e alla soluzione dei problemi e depone circa la bontà del metodo di lavoro in equipe.
Quando più menti discutono insieme, è noto, il discorso si amplia e si arricchisce del contributo di ognuno… assioma che oggi credo, però, sia un’utopia.
Il desiderio principe dell’uomo moderno di primeggiare, di apparire più di ogni altro diventa il suo sogno narcisistico che lo impastoia nella cura esagerata del corpo e nella parossistica ricerca della gioventù eterna… per la felicità dei chirurghi plastici.
Ed ecco questi salotti pubblici dove si discutono temi delicati e importanti condotti da personaggi in crisi di astinenza per l’altilenante flessione dei dati auditel, trasformarsi in arene dove opinionisti dell’ultima ora e esperti del settore lottano come fiere per conquistare uno spazio dove ripetere fino alla nausea concetti già espressi, alzando la propria voce per coprire quella di altri che spesso stanno dicendo la stessa cosa.
L’etere si riempie delle urla di uomini trasformati in lupi che si riempiono la bocca di frasi infarinate di demagogismo e fritte nell’olio stantio di un populismo a buon mercato che strappano applausi a scena aperta… cresce l’audience.
Registi, produttori e presentatori gongolano.
Tutti a ripetere giustamente:
─ I bambini non si toccano!
E ancora:
─ Le donne non si toccano!
Ma l’uomo, quello mite, quello che difende i deboli si può toccare? Ci saranno degli esemplari in giro… o si nascondono tutti perché non sono trendy e non fanno audience. E si può toccare il delinquente, l'assassino contro i quali si scagliano i presentatori, il pubblico, dalle case, dalle strade:
─ Chiudeteli nelle patrie galere e buttate la chiave!
Stiamo tornando indietro! Tute le conquiste della società moderna cancellate! L'uomo torna troglodita, rispolvera le leggi arcaiche del fai da te "occhio per occhio..."
Stiamo dimenticando che siamo tutti fallibili e che anche Cristo perdona il peccatore pentito. Non irrigidiamoci su posizioni estreme sclerotizzate, controproducenti che distorcono la realtà piegandola ai nostri fini. Al contrario diventiamo più elastici cercando di capire, andando incontro all'altro, senza ghettizzare e senza pregiudizio.
Per gli uomini onesti come per i peccatori, per le donne, per i bambini, per gli anziani, per i disabili ma anche per chi è sano, per i giovani… per tutti senza distinzione di sorta dovremmo gridare:
─ L’essere umano è sacro, non si tocca! Non se ne può più di urla che non si alzano per nessun'altro che per il nostro io egocentrico malato di protagonismo... una violenza da aborrire perchè ci macchierebbe dello stesso peccato che condanniamo negli altri.
Mettiamoci di buona lena e impariamo a rispettare TUTTI senza clamori inutili.
Impariamo a comportarci da “Uomini”.
Di violenza ne abbiamo piene le tasche.
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento