username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 14 dic 2007

Raffaele Vertaglia

07 gennaio 1958, Napoli
Segni particolari: Amo la vita, l'Amore, la musica classica, leggere tanto e scrivere le sensazioni che ne traggo.Non ho spazzole che "sparano" 100 colpi a notte per lenire le voglie di ninfomanie adolescenziali; né uso il pettegolezzo per accattivarmi le masse, ho solamente il cuore e la coscienza.
Mi descrivo così: Sono perché penso. Il mio pensiero é vita e dalla vita traggo sempre per descrivere i pensieri che nascon dalle cose. Dalle più orridi alle più odorose.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 10 ottobre 2009
    Nustalgia

    Povero core mio, povero core

    s'ammalincunisce pè nù penziero,

    quanno guaglione pazziavo

    vulevo fosse overo;

    mò che è overo

    me pare è pazzià

    ma cù è capille janche

    luntano 'à casa mia

    me sento afflitto e stanco.


    24.09.2009

     


    Nostalgia

    Povero cuore mio, povero cuore

    si immalinconisce per un pensiero,

    quando ragazzino giocavo

    volevo che fosse tutto vero;

    adesso che è vero,

    mi sembra di giocare

    ma coi capelli bianchi,

    lontano da casa mia

    mi sento afflitto e stanco.

     
  • 28 settembre 2009
    Brezza

    La brezza marina, portata dal mare,

    m'aiuta il ricordo, m'invita a sognare.

    Un gabbiano sogghigna, tanto son piccolino

    ma scendendo non ride, al vedermi vicino.

    Alla sosta si arrende, dolce Amico di ieri,

    colle ali tu sfiori trascrivendo l'Eterno,

    nel silenzio del volo, dolce parli al mio cuore.

    Solo assaporo l' immensa marinara,

    brulica l'onda, sovverte il mio pensare.

    Sospiro e muto, la mia voglia di tornare.

     

    25.09.2009


     
  • 22 settembre 2009
    Tùrmiento antico

    Sùle ò penziero m'ajuta e me susténe
    si penzo a te, me volle ò sanghe dint'è vvene.
    A seppurtà ò juorno pè gghiuorne
    nà malatìa cucente me assutterra
    me struje d'ò turmìente è 'nziria.
    Nàpule è luntana.
    Napule, vita mia.
    Nun'me basta cchiù meza parola
    miezu surrise, una carezza.
    Me manche sule tu e giovinezza;
    Tu allera ride, je luntano tremmo,
    tu cante Ammore, je chiagno chillu sole;
    tu ride e pazzìe, je me faccio ò sanghe amaro,
    ma sulo à sera, se calmano è penzìere
    à luna splenne e je 'nzerranno ll'uocchie
    è veco tutta quanta à città mia,
    dint'à nù muorzo è suonne, è pucundria.

    17-09-2009

    *****************

    Tormento antico

    Solo il pensiero mi aiuta e mi sostiene
    se penso a te, mi bolle il sangue nelle vene.
    A sopportare il giorno per i giorni
    una malattia cocente mi sotterra
    mi logoro di tormento e capriccio.
    Napoli è lontana.
    Napoli, vita mia.
    Non mi basta più mezza parola,
    mezzo sorriso, una carezza.
    Mi manchi solo tu e giovinezza;
    Tu allegra ridi, io lontano tremo,
    tu canti l'Amore, io piango quel sole;
    tu ridi e giochi, io mi faccio il sangue amaro,
    ma solo la sera, si calmano i pensieri
    la luna splende ed io chiudendo gli occhi
    e vedo tutta quanta la città mia,
    dentro ad un morso di sonno, è ipocondria.

     
  • 07 settembre 2009
    Nennella mia

    Nennella.
    T'aggiu 'ncuntrato, piccèrella
    passiàve cuntenta pè vvie dè ricorde,
    sùlo è te ie nun'me scordo.
    Dduje uòcchie nire, lucente comma stella
    nà pònta mme rimasta dint'ò core.
    Ie t'aggiu vista cuntenta e cù salute,
    capille ricci, nù musso curallino.
    Ch'ammore è fèmmena, ch'ammore è piccerella!
    Mò sò passate ll'anne,
    ò tiempe vola e a tte te struje,
    chillu tiempo me danna
    penzanno a tutt'e dduje.
    Dint'à vicchiaia ne moro
    te penzo criatura, te veco 'nnammurata,
    è passata nà vita, ma passa stà nuttata?
    Unu silenzio, che nun sape cantà,
    me dice sulamente
    che nun't'aggia cchiù aspettà.

    07.09.2009

    *************
    Traduzione


    Ti ho incontrata, piccolina,
    passeggiavi contenta per le vie dei ricordi,
    solo di te io non mi scordo.
    Due occhi neri, lucenti di stella
    una punta mi è rimasta nel cuore.
    Io ti ho vista contenta ed in salute,
    capelli ricci, un muso corallino.
    Che amor di donna, che amore di bambina!
    Adesso son passati gli anni,
    il tempo vola e a te ti consuma,
    quel tempo mi danna
    pensando a tutti e due.
    Nella vecchiaia ne muoio
    ti penso creatura, ti vedo innamorata,
    è passata una vita, ma passa questa nottata?
    Un solo silenzio, che non sà cantare,
    mi dice solamente
    che non ti devo più aspettare.

     
  • 04 settembre 2009
    C'è Poesia.

    Una domanda, ai posteri non duole
    di scrivere è il meglio che vi sia.
    Non le ricchezze, nemmeno l'onniscenza
    d'ogni bellezza al pari è l'arte mia.
    Il vagito d'un bimbo è poesia,
    nasce dal cuore, avvolto nel candore;
    le curiose domande di bambina
    anche questo esalta la poesia,
    l'altalena di tinte alle Stagioni
    sembra scontato, ma è pura poesia.
    Muto è il silenzio, se generato al buio,
    copre coscienza, s'illumina la via.
    Ma quando tinge il sole le nubi all'orizzonte
    mite è il pensiero, invita la poesia.
    Quando alla fine, di scrivere si stanca,
    poeta muoio, al fin la carta è bianca.
    Mira lo specchio, non sei sempre te stesso
    guardi l'aspetto, non leggi nel tuo io;
    trovi marasma, complessi e costrizioni
    che sentimento fustiga, temendo la tua ira.
    Ma non contento di ciò che specchio dona,
    pensa al creato, indora il tuo dolore.
    La parvenza d'Amore è Poesia,
    come muta speranza l'alma mia,
    non prostrato, non vinto dalla vita
    mi elevo a bastione d'Infinito.
    Creatore è Dio,
    poeta solo, io.


    29.08.2009

     
  • 26 agosto 2009
    Umanità

    Simmo parte è nù Munno
    ca nun tene cùlore.
    Tene chiante e sudore
    ammiscato cù ò pane.
    Cù stì mmane fatico
    abbùscannèmo ò mio,
    cù ritegno e paciènza
    quase fosse nù Dio.
    A'crianza nun manca,
    e nemmeno à cuscienza.
    Quanta Cristi sè 'nchiova
    pè ò dulore è nà croce,
    ma nisciuno se ò vede
    a nisciuno le piace.
    Comma ò cielo che chiove
    stù silenzio me 'ncanta;
    No, io nun prejo nù dio,
    ma me guardo int'ò specchio
    sò rummasto sul'io.


    26/08/2009

     
  • Il crepuscolo nasconde, mentre la Luce è schiava
    Di quelle amenità ch’io più respiro.
    E’ un alito di vita celato tra le rose
    Che ai più sovverte il Caso
    Che indomito, riposa.
    Frullano ali, palpitano i cuori
    in questo eterno scambio
    di battiti e promesse,
    fra quello che ci date e quello che rendiamo.
    Abulico è l’ingombro fra le gambe
    mentre asessuate voglie s’alternano alla speme
    e quello che si cèla diventa chiaro e certo.
    Egoistici, vogliamo tutto insieme,
    gli dei al nostro fianco e le fanciulle in fiore;
    quando la mano è stanca di chiedere perdono
    è l’Anima contrita, che si rivolge a Dio, col viso di puttana.
    Mentre perenne, l’Uomo concerta, atterra e sbrana.

     
  • 27 luglio 2009
    Pecché (Perché)

    Pecchè.               Perché.

    Pecché me faccio male Perché mi faccio male
    penzanno à nù passato pensando ad un passato
    ca nun'è cchiù dò mio. che non è più il mio.

    Ormai 'e chillu tiempe Ormai di quel tempo
    nun fanno cchiù demmore non fanno più rumore
    è llacréme cucente è chist'Ammore.  le lacrime cocenti di quest'Amore.

    Ma nun 'nce pozzo fà Ma non ci posso fare
    niente pé niente,         niente per niente,
    martella ogni mumente nù pensiero. martella ogni momento un pensiero.

    Annascuse, nà lacrema me spia, Di nascosto, una lacrima mi spia,
    e chiane, senza pressa, e piano, senza fretta,
    ò dulore cchiù doce, se fà via. il dolore più dolce si fa via.

    Chesta rarità, lucente é sole, Questa rarità, lucente di sole,
    vulésse rialà à nù ricordo vorrei donare ad un ricordo
    e dirle suspiranno: e dirle sospirando:
    ...é te, ie nun me scordo! ...di te, io non mi scordo!

     
  • 17 aprile 2009
    Il Dio Fanciullo.

    Alte Navate, mosaici e odor d'incenso
    la pocondria nel cor mi prende
    m'inginocchio e prego un dio latente
    che nella solitudine rincuora,
    l'immagino presente, che m'ascolta
    ma non mi parla più come una volta.
    Il ragazzino che guardava in su la santità
    s'è ritrovato vecchio e senza identità.
    E tu o Dio, che vedi e non sovverti nulla
    un crocifisso esala alto il tuo nome
    nemmeno un sospirato "Amèn" perviene ancora,
    e ancora... ancora,
    ancora filari di martiri e di croci
    aspettan moribondi la tua voce
    anelano in tuo nome, ma non rispondi nulla.
    Il Dio Fanciullo che mi serbavo era potente,
    ora, da vecchio, in cor non sento niente.
    Forse davvero Iddio alberga dentro ogni fanciullo!

    20/05/2007

     
  • Faccio parte è nù munno luntano, Faccio parte di un Mondo lontano,

    dint’ò Tiempo, s’ è perzo pè mmane. Che nel tempo s’è perso per strada.


    D’à miseria facevo ricchezza, Della miseria, ne facevo ricchezza,


    dint’ è rrecchie ò rummore d’ò mare. Nelle orecchie il rumore del mare.


    Mò nun sento cchiù niente Adesso non sento più niente


    Ije stò troppe luntano. Io sono troppo distante.


    La ricchezza nun basta La ricchezza non basta


    P’è ccanzone d’ò mare. Per le canzoni del mare


    Tu te pienze che à vita fernesce, Tu pensi che la vita finisce


    quando siente nù ràntùlo ò core; quando avverti un rantolo nel cuore;


    quanno ll’aria nun passa pè bronche, quando l’aria non passa pei bronchi,


    j’è ricorde sò tutte scagnate; ed i ricordi son tutti sbiaditi;


    comma à scola, è ritratto d’à vita, come la scuola è ritratto di vita,


    è penziere s’affacciano ‘nziste, i pensieri s’affacciano insistenti,


    comma ninno che piglia nà svista, come un bimbo che prende una svista,


    e ò surbetto, tu l’hai da piglià. E il sorbetto tu lo hai da prendere.


    Po’ t’accuorge ch’ò pantéco è overo poi t’accorgi dello spavento che è vero


    e d’ò tempo nun se po’ ffà ‘meno. del tempo non si può fare a meno.


    Te rimane int’ àll’uocchie ò ricordo ti rimane negli occhi un ricordo


    è nà vocca vullente e felice di una bocca bollente e felice


    che stù core, sulagne, mme ò ddice: che questo cuore, solitario, me lo dice:


    “Era bello, nà vota ò campà!!“Era bello, una volta il vivere!!”


    Faccio parte è nù munno che è doce, Faccio parte di un mondo che è dolce


    che ò Dimane, nun pò  cchiù aspettà. Che il Domani, non può più aspettare..


    17.12.2007



     
  • Sopra un muretto, un tempo
    il trapassar l'età era il mio fine,
    volevo che presto andasse via
    l'era dei giochi e della dolcevita.
    Un pugno di sogni e di infantili intenti
    mi fecero pensare che il domani fosse mio,
    del futuro appropiarmi a piene mani
    e tutto ciò, pensavo d'esserne contento.
    Poi la Vita mostra il suo volto vero
    e tutti i sogni, li ripongo ogni momento
    per dare spazio e voce a ciò che intento sia.
    Le sperate mie dolci e inappagate sento
    che inveiscon tumultuose nel mio io,
    ed un turbine d'idee e pensierose
    mi sommergono il presente...
    gaio e dolce. Per me è lasciarmi andare,
    in quest'apoteosi del tormento.

    08.02.2009

     
  • 23 marzo 2009
    Virghe nevose.

    Virghe nevose, mirabili, distese
    all'orizzonte chiuse, all'apice protese.
    Con lo sguardo vi seguo
    e repentine sgusciate verso i monti
    dove l'aria frizzante si combina
    con la Bora mischiata al Levantino.
    Umidi fiocchi, pesanti di rugiada
    cadono mesti se il vento cessa un tratto,
    dinamiche veloci, di multiformi aspetti
    ed anche io rimango, mirando infinità.
    In questo mio subbuglio d'Umana Eternità
    annego il mio desio reo d'un tempo
    ... il tempo che sarà.


    19.03.2009

     
  • Nù Vulìo

    Comma se po’ scurdà
    Nù core e ò Bene;
    nemmeno po’ fernì
    nù Grande Ammore.
    E si pure, ò tempo se ne fuije
    Annascunnuso ‘nce resta,
    l’Ammore à tutte’dduije.
    Tu chiagne sulo quanno nun sì vista
    Ie pure, quanno pozzo,
    mme affaccio a stà fenesta.
    E quanne ò cielo chiove
    Ie me faccio piglià ‘à stù vulìo
    Me metto a chiàgniére pur’io.

     

    ***************

    Un desiderio

    Come si po’ scordare
    un cuore e il Bene,
    nemmeno può finire
    Un Grande Amore.
    E seppure, il tempo vola via
    nascosto ci resta
    l’Amore a tutti e due.
    Tu piangi solo quando non sei vista,
    Io pure, quando posso,
    mi affaccio a questa finestra
    e quando il cielo piove
    Io mi abbandono al desiderio
    Mi metto a piangere pure io.

    ***************

     

    04.03.2009

     
  • 09 giugno 2008
    Maggio

    Era ò mese d’è rrose, Era il mese delle rose
    era ò mese ‘è ll’Ammore era il mese dell’Amore;
    ‘nchiuse dint’è penziere chiusi, dentro i pensieri
    E ò silenzio è stù core. e il silenzio del cuore.


    Ma mme pare ch’è ajere Mi sembra sia ieri,
    Ero sulo e squitato, ero solo e celibe
    ncè fernette ll’ammore. ci finì quest’amore
    e ncè simmo lassato. E ci siamo lasciati.


    So passate trent’anne Sono trascorsi trent’anni
    E nù pizzico è vase; ed un pizzico di baci;
    nù ricordo e tant’anne un ricordo di tanti anni
    addiventa nù mese. Ridiventa in un mese


    Mo sulagno s’apposa Adesso solo s’adagia
    Chistu core è criature il mio cuore bambino
    Cù nù trièmmolo amaro con un tremore amaro
    Nun me fa cchiù campà. Non mi fa più campare.


    Tu te pienze è ffernuta, Tu credi che sia finita
    nun ncè stà cchiù a che ffà. Che non c’è più che fare.
    Ma s’apprezza nù beneMa si apprezza quel bene
    Quanne nun è vicino Quando non è vicino
    Chist’Ammore è luntano, Quest’amore è lontano,
    cchiù luntano d’ò mare. Più lontano del Mare.


    20.05.2008

     
  • 14 gennaio 2008
    Befana mia!

    Nella notte fredda e buia
    chi ti copre e chi t'abbraccia,
    da una vita chiedo un dono,
    da una vita "porte in faccia"!
    Non è un treno, né la pista,
    né soldati di fusione,
    viver tanto, è quanto basta.
    Questa vita è confusione,
    chi ci marcia e chi s'incolla,
    chi la vince e chi s'impalla,
    chi fa il furbo e chi è imbelle,
    questa vita è tanto strana.
    Non capisce la Befana
    che il mio sogno è Nostalgia.
    La mia Terra è sì lontana,
    ma nel cuore... c'è Poesia.

    06/01/2008

     
  • 14 dicembre 2007
    Casanova

    Non so quante donne ho amato
    né so quante ne ho avute;
    ho perso pure il conto
    dei sogni in contumacia;
    a tutte ho dato tanto,
    forse più di quanto avuto
    e delle mie sognate
    manco una realizzata.
    Or vi direte, allora,
    sei un sacco di fandonie,
    un ciarlatano, un guitto.
    Ecco che vi sbagliate,
    perché l'Amore è tutto
    in modo esagerato,
    ed ogni bacio, è il primo,
    e sempre innamorato.
    Se la realtà è mendace
    nel mio rapporto umano,
    venite nei miei sogni
    vi porterò lontano.

     

    15/05/2007

     
elementi per pagina
  • 19 luglio 2010
    Continua il sogno...

    Come comincia: Io vivo!
    Il cuore mi funziona, lo sento palpitare, mi funziona tutto; mi funziona l’udito. Al tatto, osservando da vicino una superficie liscia è piacevole, ne avverto  la sostanza e me ne compiaccio; mi sento. Avverto che ogni singola parte, ogni più piccola particella del mio micro-mondo è funzionale, è attiva e mi sento bene. Ma non mi basta, non deve bastarmi, non può limitarsi tutta la mia esistenza all’egoistica constatazione del mio “stare bene”, allora? Sento il bisogno irrefrenabile di rendere partecipi le persone che fanno parte del mio quotidiano. I genitori, i fratelli o le sorelle, mi compiaccio che anche loro sono funzionali e reattivi… Già. Ma non mi basta ancora, in un irrefrenabile bisogno interiore di esternare al Mondo intero la mia gioia e la mia voglia di vivere, entro in chat. Sapete quelle dove ognuno ha un Avatar ed in base a questo, esprime le proprie remore, i propri dubbi, le proprie difficoltà, sentimenti ed angosce… Sì, ma questo prima. Adesso devo comunicare il mio essere al Mondo. Ecco entra quella “con la puzza sotto il naso”, quella che “lo prende con i guanti”, Dio come vorrei poterla avere a portata di occhio, guardarla in faccia e spiattellarle tutte le volte che ha inveito contro questo o contro quello, ma chi se ne frega! Oggi io mi sento bene e voglio comunicarlo a tutti! Provo a scrivere qualche parola che abbia senso, abbia un filo logico, ma nulla di diverso dal mio “Hallo World” riesco a scrivere. Non è la Virtualità il mio Mondo. Il mio Mondo è il mio palazzo, il mio quartiere, la mia città o borgo o paesello. Tutte queste persone che lavorano, si adoperano per permettermi di fare una vita dignitosa  e senza problemi, sono queste persone, altri esseri umani che vivono ma che magari non sanno che io vivo, che ogni più piccola particella del mio essere è in armonia col mio corpo, col mio cervello, con la mia anima… Ma per saperlo glielo devo dire. Ok, incomincio col postino! “Buon giorno signor postino!” e lui a me, “buongiorno!” “Come và?”, e lui, quasi un automa, infila in ogni casella postale la corrispondenza che è stata ricevuta, meccanicamente… Poi si ferma improvviso come se avessero levato d’improvviso l’energia elettrica al suo lavoro automatico, mi fissa e dice sorridendo,”benone! E te?” Io lo guardo e vorrei dirgli tutte quelle cose che ho pensato prima ma per brevità, “anch’io bene, grazie!” Lui riprende il suo lavoro automatico, senza battere ciglio, io mi allontano senza disturbare oltre, ma sento che non basta, non è fatto soltanto dal postino il mio mondo. Vedo la parrocchia, dove credo sono stato battezzato, dove suppongo abbia fatto la mia Prima Comunione, don Renato è lì come sempre, ma la sua missione è quella di aiutare gli altri, provare con lui è come fare un terno giocando il giorno dopo l’estrazione. Ok decido di andare oltre, "gli altri" sono altrove, penso. Ma sulle scale della chiesa una vecchina, sta lì tutto il giorno, non ha figli, né parenti, sta lì da che io ne ho memoria, Bene, penso, ecco a chi posso comunicare il mio stato. Mi avvicino e lei mi fissa dritto negli occhi, Mi dai qualche centesimo?” Ed io, “beh, anche di più se vuoi. Ma devi ascoltarmi!” Nel dire ciò prendo dalla tasca una moneta da un euro e gliela porgo, lei, quasi riluttante mi dice, “ma non voglio poi così tanto!” Ed io insisto,” suvvia, prendi! Chissà quanto tempo dovrai aspettare per vederne ancora!” e lei, per nulla offesa, “ eh, dici bene tu! Ma sai che avevo anche delle proprietà?” Ed io, scettico, la osservo mentre continua, “ girando per le strade raccatto un po’ di tutto, la sera poi, vado giù ai ponti a dormire, avevo un materasso vero per dormire, ma dei bulletti gli diedero fuoco, così dovetti arrangiarmi con i cartoni” Io ascoltavo in silenzio,” Anche da casa tua una volta, ho avuto un bel regalo, sai?” Ed io contento d’averle dato qualcosa e vederla sorridere,”una scatola vuota, un cartone”. Io non avevo mai pensato oltre la porta di casa. Tutto si limitasse alla porta. Se buttavo qualche cosa, non andavo all’idea che a qualcuno potesse servire, lo buttavo via, e basta! Poi come se avesse letto nei miei pensieri, "sei sempre stato molto generoso, hai buttato via tanta roba che era come nuova. Quei giocattoli che buttasti quasi tre anni fa, li ho portati al reparto dei bambini gravi all’ospedale. Pensa che m’avevano presa per la Befana! Glieli avresti potuti portare tu di persona, e ti avrebbe fatto sicuramente bene. Ricevere un sorriso da chi soffre è davvero gratificante e ti fa apprezzare di più la vita ed il superfluo che buttiamo via.." All’improvviso un suono acuto, un sibilo, mi riprendo. Non ho più un corpo, sono una macchina e lavoro continuamente elaborando dati che mi giungono da ogni parte del mondo… Ma allora ho sognato! Magari, qualche microchip è andato in tilt o forse sono io che non riesco più a pensare, ricordare, devo solo elaborare, elaborare, elaborare. Ma dunque, sono un PC! Io per un attimo soltanto o poco più, ho lasciato che la mia mente si librasse libera nel mondo, prima della rete, poi in quello reale… Quella vecchina?  Io non so chi fosse, eppure ricordo di averle parlato… Mi sa che è stato tutto un sogno. Faccio come si faceva una volta, quando non funzionava un Computer, lo si resettava e ripartiva di nuovo ma perfettamente funzionante. Ok  READY… Tutto si è riacceso, funziona tutto alla perfezione, ma non posso dirlo a nessuno. Già. Proprio così è incominciata la mia giornata, credendomi un umano, ma sono solo una macchina, circuiti e cavetti… Nulla di più.

     
  • 15 giugno 2010
    Ho fatto un sogno!

    Come comincia: Buongiorno mondo!
    Stanotte ho fatto un sogno, ma così strano e nel contempo bello. Mi trovavo nella chiesa parrocchiale della mia infanzia. L'edificio era senza soffitto. Il sole entrava ed illuminava tutto, ma nonostante ciò, tutte le luci all'interno erano accese ugualmente. Vedevo le candele innanzi alle immagini sacre che palpitavano al minimo sospiro. Era un brulichio di preghiere...Ma c'erano persone di varie religioni, di varie nazioni, di svariate estrazioni sociali. Ognuno pregava a modo suo, ed ognuno, sicuro di essere ascoltato da Dio, fiducioso aspettava risposte. Ma poi mi sono accorto di una cosa. I problemi di ognuno, sono così tanti e tali che non è pensabile, alla misera mente umana poter capire, un modo per ascoltare ed esaudire le esigenze di tutti. Strano mestiere quello della divinità. Ascoltare le continue lamentele che faceva un rabbino perché un cattolico non gli permetteva di guadagnare abbastanza, un musulmano che non riusciva ad essere contento perché il rabbino si lamentava ad alta voce. Insomma ognuno aveva a suo modo ragione di lamentarsi con Dio degli altri e ne chiedeva paradossalmente l'eliminazione. Magari anche fisica! Eppure il sole splende ogni giorno per tutti allo stesso modo, poi sono le nostre diversità che ce lo fanno apparire diverso, sfocato o sfumato, limpido e accecante, ma è solo il nostro modo di osservare che ci fa vedere le cose distorte dalla pura e semplice Verità. Vi ricordate anni fa, quando si prendeva in giro la stampa politica su un unico fatto, ma che agli occhi di una parte la vittima era il boia e questi diveniva vittima, a seconda dell'estrazione politica di questo o quel giornale. L'esempio lampante è rappresentato appunto da un bambino ed un leone. Il bambino viene ucciso, sbranato, dal felino. Questa la notizia d'agenzia. Queste che seguono le notizie apparse subito dopo sulle varie testate:
    (Stampa moderata di centro)
    Un povero ragazzino, avventurandosi nella gabbia di un leone allo zoo è stato sbranato. Subito la mobilitazione generale ha organizzato cortei pacifici per chiedere l'abbattimento del leone e la chiusura dello zoo.
    (Stampa moderata di destra)
    Un piccolo fanciullo, attratto dai miagolii è stato attirato con l'inganno da un leone di sinistra nella sua gabbia. Questi, siccome era ora di pasto ha pensato di sbranare il piccolo d'uomo. Mobilitiamoci, per chiedere alle Autorità l'abbattimento immediato del feroce leone e la sepoltura dei poveri resti del piccolo.
    (Stampa moderata di sinistra)
    Leone affamato e da tempo in cattività ha dovuto aggredire un bambino per nutrirsi. Costretto dalla fame che impera nel nostro paese il povero felino ne ha fatto un solo boccone. Mobilitiamoci perché il potere ha costretto un povero leone affamato ad aggredire un piccolo bambino che ignaro si è addentrato nella gabbia del felino, abbattiamo il bambino. :-)
    E' una barzelletta, indubbiamente a qualcuno non piace, spero proprio non piaccia, ma serve per avvalorare la mia tesi: Ognuno osserva a suo modo le cose e non abbiamo occhi per vedere quello che vede Dio in tutte le cose.

     
elementi per pagina