username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 16 feb 2012

Enza Iozzia

16 aprile 1972, Modica - Italia
Segni particolari: Nel Comitato dei Lettori dal 2012.
Mi descrivo così: Io sono il prototipo della persona normale, ma con qualcosa di speciale: spontaneità, entusiasmo e voglia di imparare, il tutto accompagnato dalla consapevolezza dei miei limiti. Sempre sorridente, nella speranza che ogni mio sorriso porti "letizia" nel cuore di chi soffre.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 25 aprile 2016 alle ore 21:32
    Giorni

    Non conto i giorni che ci hanno separato... perché mai ci siam lasciati! Non mi mancano i tuoi abbracci... perché mi sono sentita sempre avvolta da quel manto d'amore! Non desidero ardentemente i tuoi baci mancati... perché essi mi sorprendono la notte! Non bramo delle tue carezze distanti... perché sono rimaste intrappolate sulla mia epidermide!

     
  • 25 aprile 2016 alle ore 21:31

     
  • 09 giugno 2014 alle ore 7:52
    Soffio ardente

    Accade che il vento soffi ancora,
    e ti celi dietro un grande albero
    per proteggerti.
    E lui soffia forte, impetuoso,
    non hai le forze per reggere.
    Il vento ti lascia lì inerme,
    cambiando direzione.
    Ma era il tuo vento,
    lui furioso alimenta quel fuoco sopito in te.
    Tu nascosto dietro quella quercia che adesso arde come fosse un ramoscello, ti lasci quasi cullare da quel vento che tanto temevi.

     
  • 16 maggio 2013 alle ore 23:21
    Stregati dall'amore

    Sei meraviglia incastonata nella roccia,
    questa dolce presenza che non è semplicemente stare
    ma quel mal di pancia che ti avverte che la centrifuga delle emozioni è oramai azionata, nessuno la può arrestare.
    Sensazioni sublimi, vita vera e sogni che viaggiano paralleli.
    Sogni che illudono l'anima. Forse sognare è roba per poveri illusi, ma sognare è magia.
    Un bacio che ti rapisce, occhi stupiti che ti osservano come se fossi un ufo, gocce di rugiada su fili d'erba che danzano voluttuosamente, una mano che ti sfiora come se fossi un raro fiore di montagna, semplicemente stregati dall'amore.

     
  • 16 maggio 2013 alle ore 23:18
    U ritrattu( il portafotografie)

    Ogni matina m 'arrisbigghiu cu na miludia,
    na punta ri suli trasi ra finestra
    e si posa supra a tia.
    du ritrattu n'capu o cantaranu
    ri du juornu filici ca a nozzi vi purtau
    Oh mattri comu si surridenti
    cu l'uocci cini ri felicità,
    a braccettu co ma papà,
    Nu surrisu anticu senza malizia,
    nu sorrisu ca mai ciu vitti
    n'tì la facci ri la terra.
    lu raggiu ri suli stamatina
    bi fa ciù beddi,
    i capiddi ri ma matri a tuppu cugghiuti
    e lu ciuffu ri lu ta sposu pattri miu
    mi potta lu pinzieri a lu cinema ri di tiempi.
    E' comu nu proiettori,
    stamatina ntì du fasciu ri suli viru
    ma matri ca travagghia a machina,
    pi cusiri a cammisa a ma patri e,
    a sira che ugghi a causetta ci fa!
    e mentri lustru a cunnici
    taliu cu pinsieri r'amuri,
    i sa labbra sempri surridenti
    si muovunu e aciddu aciddu mi rici:
    grazzi ri cori figghia
    si tutta a vita mia.

     
  • 16 maggio 2013 alle ore 23:08
    A ciaraula(la zingara)

    Mentri caminava pi la strata,
    na ciaraula mi pigghiau la manu
    mi voli legghiri la vintura
    a mia mi fa pena sta criatura.
    Taliu i sa uocci e viru
    ca è na picciuttedda senza futtuna.
    A casa quattru nuccintuli
    e maritu ca nu canusci travagghiu
    ntì lu vinu antrummia senza rispittari
    la so ciaraula ca va pà via
    e se nun potta cocca spicciulu
    a fini ri la jurnata su cauci e pugna
    inveci ra minestra cauriata,
    Ci strinciu la manu e cu l'uocci
    ci mannu masuni
    cu la spranza ca stu turmientu finisci
    pi sta fimmina
    ca nu nè comu all'autri,
    ma na gran fimminuna cu la fozza
    ri crisciri i sa criauteddi.

     
  • A FIGGHIA RI LU CIUMI IRMINIO
    A lu tramuntari ri lu suli
    na picciuttedda si sprogghia
    pa rifriscarisi ni l'acqua ri lu ciumi,
    Nun lu fa pi siri taliata,
    idda voli sulu n'suonnu
    e nun ci riciti ca è miegghiu u mari
    picchì nun voli natari
    ciabbasta sulu ca lu ciumi la fa n'acari,
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    Ogni sgricciata r'acqua alluntana li pinzieri ra jurnata,
    taliatila ri luntanu,nu vi pari na fata?
    Si fici tanta strata p'arrivari finu a ca'
    attravirsannu munti e cuticci.
    Nun faciti i miscammicci!
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    Canta li sa sonna,
    scurdannisi qual è a virità e pinzannu a lu futuru
    ri tanti culura,
    abbatti ogni muru.
    S'abbrazza sula forti forti,
    chi sapiti quali sarà a so sorti?
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    e mentri u suli s'arriposa.

     
  • 25 aprile 2013 alle ore 12:12
    Il vestito rosso

    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Semplice, anche del mercato, ma non me lo comprarono.
    Non lo volevo stretto, ma lo volevo tutto mio.
    Lo volevo sbracciato e scollato,
    un vestito per farmi guardare.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Semplice e senza malizia, ma non me lo comprarono.
    Lo volevo per essere unica, nessun'altra lo doveva avere come me.
    Lo volevo davvero quel vestito.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Mi dissero che il vestito rosso era per le donnacce.
    Lo volevo davvero quel vestito.
    Ho comprato quel vestito,
    e lo indosso come la mia seconda pelle,
    non importa se sembro una donnaccia,
    ma con quel vestito
    mi sento la bambina che ha ottenuto il suo regalo.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Lo voglio anche per quel giorno, quando mi seppelliranno
    per sempre!
    Lo volevo davvero quel vestito.

     
  • 25 aprile 2013 alle ore 12:01
    Il cuore come una stanza

    Non soffocarmi il cuore, ogni tanto lasciami respirare... Il cuore è come una stanza, ogni tanto va arieggiato!

     
  • 21 gennaio 2013 alle ore 22:40
    Cuori imbalsamati

    Cuori imbalsamati incapaci di piangere,
    cuori senza il battito dell'amore.
    Una sola anima in apnea, incapace di ascoltare l'amore.
    Cuori imbalsamati, incapaci di urlare, reagire, illudersi, respirare il profumo dell'amore.
    Cuori imbalsamati che non conoscono che cammini tortuosi, vie ripide.
    Cuori imbalsamati oggi disposti a un sorriso, un sorriso che vi addolcisca anima, corpo, mente e palato!

     
  • 15 gennaio 2013 alle ore 18:37
    Un vestito su misura

    Prendimi per mano, scortami nel grigiore della nebbia che mi avvolge. Il vuoto intorno impoverisce la mia anima, stammi vicino, addosso come un vestito fatto su misura, che mi avvolga e mi coccoli. Percorriamo lentamente la via, a piccoli passi, in quel percorso troveremo quella luce che da tempo cercavamo.

     
  • 26 dicembre 2012 alle ore 11:45
    La porta della vita

    Si rici ca si ciuri na porta e si rapi nu purticatu.
    Ma l'amuri si po' paragonari a na porta?
    Nun sacciu a viatri ma a mmia picca m'amporta.
    Tuppulia accussì forti
    u ma cori ca mi pari ri nun sentiri a morti.
    A ma porta è sempri spalancata
    e c'è puostu pi amici e pi cu si senti scunsulata.
    Rapitimi u purtuni, cu firucia trasiemu
    e cu alligria nisciemu.
    Purtati a vostra pacienza
    e nun vi fati fregari ra indifferenza.
    Accomodatevi, lievu puri u tappitu
    e mettu pampini ri ciuri profumatu.
    Lassu a porta a filazza,
    ma nun mi faciti nesciri pazza!
    TRADUZIONE: Si dice che si chiude una porta e si apre un portone. Ma l'amore si può paragonare ad una porta? non so a voi ma a me poco importa.Bussa così forte il mio cuore che mi sembra di non sentir la morte.L mia porta è sempre spalancata e cè posto per amici e per chi si sente sconsolata.Apritemi il portone, con fiducia entriamo e con allegria usciamo.portate la vostra pazienza e non fatevi fregare dall'indifferenza.Accomodatevi, tolgo pure il tappeto e metto foglie di fiore profumato.Lascio la porta socchiusa,ma non mi fate uscire pazza!

     
  • 28 novembre 2012 alle ore 21:34
    L'orologio della vita

    Si scaricau a batteria no ralogghiu a cangiai, ma u stissu nun funzionau.
    I lancetti accuminzaru
    a girari o cuntrariu. Ma c'agghia fari pi firmarli? Cangiu a batteria arrieri, e u tiempu a riturnau a scurriri , pari ca voli curriri, pi farimi divintari veccia ma spieru senza suffriri.
    Ci rimettu a batteria ca o facia iri o cuntrariu e addivientu na picciuttedda cuntenta e senza pinzieri.
    'Nsuonnu riciti? ma ci voli accussì picca pi siri filici!

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:33
    Pioppo

    Sutta na maccia ri Pioppo m'arripusai.
    I sa pampini o viestunu a festa, si pripara pi na estati ri piaciri.
    Sutta na maccia ri Pioppo 2 ziti si talienu e s'annamurunu.
    Si senti na musica, è lu vientu ca accarizza li sa pamipini, mi veni na nostalgia, ora ca estati si finisci e li sa pampini si ni vuolunu luntanu.
    Ma è la ligghi ri Matri Natura, arriva l'autunnu e puoi attorna a primavera, e ri pampini nuovi si vesti u Pioppo...e ancora autri ziti si mettunu sutta a maccia a parrari, e progettari u futuru ca li aspetta.

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:26
    la nuova alba

    Osservo l'orizzonte e scorgo una nuova alba
    dopo tanta sofferenza
    e tanta indifferenza.
    E' la natura, non esiste notte senza alba.
    Non esiste buio senza luce.
    Non riesco a piangere, e cerco di reagire
    per affrontare una nuova vita intensa
    che va vissuta con la luce del mattino
    senza pessimismo ma tanto ottimismo
    e sono certa che essa stessa mi offrirà una ricompensa.

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:24
    A ficu

    A tia ca ti pari ca iu aspiettu a ficu ca scinni na ma ucca.
    E vossia ni voli assaggiari rui prima ca si va cucca?
    Ci a puozzu offriri janca o nivira.
    Oppuri prifiriti gustarla direttamenti ra maccia?
    Nun pigghiativi pena continuati ca vostra caccia!
    Iu va cuogghi no mumentu giustu pi pripari a marmillata,
    e se aspittati vi cuntu na passata.
    Turnati appriessu ca ni lassu o suli quarcaruna
    e vi fazzu truvari li passiluna.

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:23
    muru a siccu

    Lu suli forti ogghi spacca li pettri,
    e 'na lucertola spunta ogni tri mettri,
    ma li mura a siccu fatti
    cu pitruddi arricughiuti 'nte vignala e puoi 'ncugnati
    nuddu li smovi , parunu disignati.
    Li vavaluci s'ammucciunu ne cantuneri
    e ogni tantu affacciunu li corna e si ni vannu pieri pieri .
    'Ntiempu ogni quattratu avia statu lassatu
    e nuddu riclamava stu turrinu scunfinatu.
    Li mura a siccu nun parrunu sulu a cu li sapi capiri
    e la terra arraccamunu cu disigna a nun finiri.
    Ah se putissi 'n juornu siri vurrucatu 'nta la gnuni terra mia ca mi rasti sulu l'Amuri.

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:20
    U basilicò

    U basilicò
    nun ce nuddu ca nun ni vò!
    Fu purtatu ri Alessandro Magno nei tiempi antichi
    accussì priziusu ca o mintunu macari ne viddichi.
    E sienti u sa ciauru
    quannu c'è cauru.
    U cianti no tirrazzu co friscu
    e unni o metti e metti sienti nu arrifriscu.
    A morti sua è na pasta co pummaroru
    ma atu provatu ammienzu o bruoru?
    Se puoi u vuliti pistari
    veni fora na pietanza ca vi fa arricriari.

     
  • 11 novembre 2012 alle ore 18:16
    Oltre la normalità

    Altro che passione
    e pentole a pressione.
    Mi basta un tuo sorriso
    e si illumina il mio viso.
    E mi rendo conto
    e non vuol esser un affronto
    che non sei tu ad aver bisogno di me
    ma sono io che ho bisogno di te.
    Tu che non guardi alla tua sorte
    e mi insegni a vedere oltre.
    Arruga la tua fronte
    e osserva oltre l'orizzonte.

     
  • 10 novembre 2012 alle ore 22:31
    Dolce dondolio dei ricordi

    Nella valigia dei miei sogni, odo un dolce dondolio proveniente dalle onde del mare,
    nella borsa dei ricordi, osservo il triste dondolio della bambina strappata alla culla,
    nella cesta della fortuna, sfioro il profumato dondolio di amori passionali,
    nella cassetta della vita, tocco attimi di felicità dondolandomi qua e là.

     
  • 04 novembre 2012 alle ore 20:28
    40... un fior che si vanta

    Ebbene sì, sono quaranta
    e sfido a chi non se ne vanta!
    Vivo i miei anni come petali di fiore
    e ogni giorno ne scopro un singolo colore.
    Forse non sarò all'altezza
    ma respiro tanta saggezza.
    Non li lascerò correre via,
    scatenerò la mia fantasia.
    E a chi mi dice che la bellezza sfiorisce,
    io rispondo che un fiore amato non appassisce.

     
  • 28 ottobre 2012 alle ore 21:55
    Candido fiore

    Sei stata bambina
    ma non lo ricordi.
    Alla tua memoria riaffiora
    la trappola nelle sue mani callose.
    Scappa, scappa bambina e la bestia non ti troverà.
    Nei tuoi occhi da cerbiatto tanta paura, tanto dolore ma lui non si fermerà.
    Ora il tuo candido fiore è macchiato di rosso, ma l'innocenza
    rubata mai sarà dimenticata nella tua esistenza.
    Scappa, scappa bambina e la bestia non ti troverà.
    Non vergognarti, diventerai donna e il tempo
    saprà lenire la tua rabbia, non è colpa tua.
    Alza lo sguardo e sii fiera di te stessa, nel mondo
    non solo bestie, ma in mezzo a loro si nasconde anche l'uomo che ti amerà 

     
  • 04 agosto 2012 alle ore 1:05
    Peperoncino

    Appena sfiora il tuo palato percepisci il suo sapore piccante,
    sincero, verace.
    Lo osservi nel suo magnifico color rosso rubino,
    e ti accende quella voglia di gusto sopraffino.
    Chi sa accogliere il suo gusto rimane incantato da quel pizzicorino
    che incendia le labbra
    e scioglie gli indugi alle tenere voglie.

     
  • 25 luglio 2012 alle ore 22:25
    Ricordi

    Non posso più sentire la tua voce, 
    ma le tue parole echeggiano 
    nel mio cuore,
    Non posso più guardarti negli occhi
    ma il tuo sguardo continua
    ad accarezzarmi.
    Non posso più sfiorare le te labbra,
    ma il ricordo dei tuoi baci 
    scalderà per sempre
    il mio animo.

     
  • 20 luglio 2012 alle ore 8:36
    Cuvuna ruci ruci

    Lu suli iautu 'ndi lu cielu azzurru m'accarizza ruci ruci,
    nu ciauru si senti ri luntanu, e si ni acciana iautu iautu. E' lu ciauru ri lu frienu.
    E pienzu ca rarrieri a sti cuvuna ci possiri ammucciatu nu picciriddu ca joca, nu jattarieddu ca fa li fusa, o nu zitu cu na zita ca si vasunu, ma sicuru rarrieri a stu frienu c'è lu sururi ri nu contadinu annamuratu ra sa terra.

     
elementi per pagina
  • 27 agosto 2013 alle ore 16:16
    La sorpresa

    Come comincia: Le tende di organza ondeggiano leggermente, il fresco profumo primaverile della lavanda soffia attraverso la finestra. I delicati colori blu e violetto trasformano la stanza in un tranquillo bozzolo di quiete. Sofia preparo tutto con grande cura, la fiamma delle candele fa apparire la stanza brillante, la note dei Led Zeppelin si diffondono armoniose. Dalla cucina esala un profumino inconfondibile, la torta di cioccolato è quasi pronta, sa che non mangia mai fuori pasto, ma stamane quando Tommaso l'ha avvisata che sarebbe arrivato le ha anticipato che oggi è un giorno speciale e vuole farle una sorpresa.
    E’ la prima volta che cucina per lui ,vuole dargli piacere totale a partire dal palato!
    Tommaso per lei è il suo unico “amore” anche se lui vive una vita parallela, lo ha saputo quasi subito ma non ha chiesto nulla, lui è stato sincero e spontaneo a volerla tenere informata, sa che da qualche parte c’è una moglie che lo aspetta, e questo inizialmente la faceva sentire in colpa, ma con il tempo non è riuscita a rinunciare al suo amore, viene a trovarla tutti i mesi per un solo giorno, ma è un giorno solo loro, ed il mondo chiuso fuori. Nel loro piccolo cercano di vivere la quotidianità scambiandosi mail, sms, telefonate, ma quando sono inseme, solo sguardi, intese, coccole, abbracci, e silenzi, perché i silenzi parlano. 
    Dalla finestra lo intravede, Sofia prende un calice versa il Cognac, e gli va incontro alla porta. 
    Indossa il tubino rosso, sa che le risalta le forme del corpo.
    Lo sguardo intenso di Tommaso le trasmette subito che apprezza il suo abbigliamento.
    La bacia sulla fronte, lei adora questa intimità dolce, ma è l’abbraccio stretto che le parla più di ogni cosa, solo da questo capisce che c’è ancora sintonia fra loro.
    -Sei bellissima oggi, le sussurra all’orecchio. -
    Ecco, questa sua frase ha rovinato la poesia, se ne frega se è passato un mese che non si vedono, non le serve sentirsi dire che è bellissima,, ma il fatto che lo ha rimarcato oggi, le dice che sta mentendo, forse si pentirà della ramanzina che gli farà, ma non sarebbe se stessa se non gli dicesse subito cosa la infastidisce. Consuma la torta in silenzio, ma lui sembra non notare che lei si è irrigidita, sono abituati a stare in silenzio.
    Con un colpo di tosse lui rompe il silenzio, abbassa lo sguardo e quasi con un filo di voce le dice: - Mia moglie è incinta-
    Le crolla il mondo addosso, quel mondo che tutti sempre descrivono che va a pezzi, si è ricomposto per crollarle intero sul suo corpo, non aveva aspettative da lui, ma un figlio è un figlio, poteva “rubarlo” alla moglie per un giorno al mese ma da un figlio no, lei che madre non lo sarebbe mai diventata per quel maledetto fibroma a ventanni.
    Lo abbracciò, lo baciò, lui si lasciò accarezzare, forse aveva già capito che gli stava dando l’addio, ma non poteva odiarlo per aver desiderato di diventare padre con una donna che non amava, ma che comunque era pur sempre sua moglie e da oggi la madre di suo figlio.
    -Ti amerò per sempre- le disse prima di uscire.
    Non rispose.
    La pensava diversamente, “vita” e “per sempre” non sono due sinonimi e non possono viaggiare insieme. Rimani nel cuore di una persona solo il tempo che lo vivi, non esiste il “per sempre” le suonava quasi come una minaccia. Preferiva vivere il presente, e lui le ha donato tanto amore senza chiederle nulla in cambio, è stato bello finché è durato, è stato parte di lei, della sua storia, l'ha aiutata a crescere, insegnandole delle cose, ridato fiducia nella vita stessa ma ora lui ha un figlio che lo aspetta e lei ha voglia di sentirsi ancora libera di amare senza riserve

     
  • 29 gennaio 2013 alle ore 15:26
    Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?

    Come comincia: -Non ce la farò mai. –
    Pensai ad alta voce. Avevo trascorso due ore e quarantacinque minuti a osservare la riproduzione del quadro di Gauguin, posto sopra il mio pianoforte della mia camera dove studiavo in quelle giornate in cui non potevo recarmi in conservatorio, cercavo di dargli un senso, come se sperassi che di punto in bianco il quadro prendesse forma e mi desse delle risposte al senso della vita...
    Mi sentivo confusa, frastornata, forse la colpa era della notte insonne, dopo aver ricevuto una telefonata dal mio ex. Non si dava pace da quando gli avevo detto che non provavo più nulla per lui. Mi avevano detto che statisticamente è dimostrato che l’uomo non accetta di esser lasciato, ma pensavo non sarebbe stato il mio caso, Andrea non mi lasciava più vivere. Secondo lui io avevo un altro, ma non era così, a quarant’anni non avevo paura di stare da sola. E prima di fare quella scelta ho riflettuto a lungo, non avrei mai sposato un uomo solo per abitudine. Avevo bisogno di una scrollata per svegliarmi, e solo un caffè poteva aiutarmi!
    -Chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo.- era la domanda che continuavo a canticchiare quasi come fosse un tormentone estivo, invece mi ossessionavo a cercare di comporre un brano gnomico cercando di ispirarmi ad un compositore del 1300. Dovevo distrarmi, rigenerarmi prima di immedesimarmi nel brano. Dieci minuti dopo il mio caffè era pronto. Presi la tazzina e tenendola stretta tra le mie mani mi sedetti sulla ringhiera del mio balcone al quinto piano di un’anonima palazzina del centro storico. Chi mi osservava da giù avrebbe potuto pensare a un mio possibile suicidio, ma non avrei avuto mai il coraggio di farlo almeno non prima di aver bevuto il contenuto della mia tazzina e comunque non con quel metodo; se avessi dovuto fare una scelta, avrei preferito un cocktail alla Gauguin. Mi lasciai sedurre dall'aroma del liquido nero. L'intenso profumo di caffè mi rilassò sull'istante. Osservai verso la mia sinistra, al di là dalla strada. Forse era questo il senso della vita: una tazza di caffè tra le mie mani come a trattenere il mondo e fuori dove c'erano dei bambini sorridenti che giocavano in un piccolo parco. Mai come quel giorno gli schiamazzi dei bambini mi facevano tanta compagnia. Amavo osservare il simbolo della gioventù che coglie la parte migliore dell'esistenza. Rientrai con le idee più chiare. Ripresi a comporre le note come stregata da quel quadro che sembrava sempre più vivo, il testo avrei dovuto consegnarlo per le ore sedici e mancavano solo due ore altrimenti addio alla borsa di studio di tremila euro.
    -Ti aiuto io, se mi lascerai sfiorare il tuo corpo. –
    Chi aveva parlato?
    Che stessi diventando pazza e sentivo delle strane voci?
    -Abbandonati a me lasciati coccolare dolce Erica. –
    Alzai lo sguardo verso il quadro e…
    l'uomo mi afferrò la mano e mi fece entrare nel quadro, era calda e decisa, mi teneva stretta e mi dava sicurezza. Mi sussurrò :- non aver paura- Cominciammo a camminare, a sinistra c'erano due donne seminude, bellissime, provavo invidia nel vedere i loro seni perfetti, turgidi; a destra c'erano altri due uomini, vestiti solo nella parte inferiore del loro corpo, sembravano scolpiti nel marmo, avevano dei toraci bellissimi, non potevo distogliere i miei occhi da loro. L'uomo che mi teneva la mano si spogliò e si mise nudo, non provavo alcun imbarazzo, anzi, mi deliziava e mi eccitava guardare il suo corpo muscoloso e perfetto, i suoi glutei tonici, il suo forte petto, il suo membro imperioso. Si avvicinò a me e delicatamente mi tolse i vestiti, provai a ribellarmi, il mio pudore sembrava vincere sulla mia eccitazione, ma lui mi ripetè sorridendo:- se mi lasci accarezzare il tuo corpo ti aiuto a vincere la tua borsa di studio- Iniziò a sfiorarmi con le sue mani possenti, le sue carezze provocarono un brivido lungo tutto il mio corpo, lo lasciai fare come ipnotizzata. Ci lasciammo travolgere dalla passione e dai baci,noncuranti dei due uomini e delle due donne che ci guardavano, forse i loro sguardi mi eccitavano ancora di più, urlai quando il suo membro marmoreo entrò dentro di me,in quel momento entrò tutta la sua passione...e mi prese completamente chiusi gli occhi assaporando l'imminente orgasmo.
    -Erica, Erica!-
    All'improvviso mi sentii chiamare, aprii gli occhi e mi trovai sdraiata sul mio divano, vestita, il quadro era al suo posto inanimato, e la mia amica mi urlava:-Ma, sbaglio o hai scambiato le mie gocce benzodiazepine con le gocce di aspartame erano messi accanto nella mensola della cucina.-

     
  • Come comincia: Le afferrò i capelli. Lei non lo sentì arrivare. Egli Apparve all'improvviso, proprio dietro le sue spalle. Roberta stava guardando fuori dalla finestra. Lo faceva spesso, osservare i fiori, l’aiutava a rilassarsi.
    Quindi cercò di scuotere la testa per liberarsi, ma la morsa dell’orco era così stretta che nulla poté fare. A raccontarla tutta però, bisogna anche ammettere che nulla avrebbe voluto fare. Il dolore che le stava provocando le dava piacere. Un piacere che nasceva non da una pulsione masochista, ma dalla rassicurazione che anche questa volta avrebbe picchiato lei, e da questo pensiero nasceva la consapevolezza che il piccolo Edoardo l’avrebbe scampata.
    L’orco con la mano sinistra tra i capelli, le teneva il capo immobile, fu in quel frangente che con la destra le mollò un gancio, colpendola in pieno l' occhio destro. Cadde. In bocca avvertiva un sapore insolito, come se avesse mangiato della polvere di ferro. -Che strano- pensò -come è possibile che mi sanguini la bocca se mi ha colpito sulle ciglia-? Lui si allontanò. Era rimasta sola, distesa sul tappeto della cucina, era tutto finito; la manifestazione violenta quotidiana di quell’uomo che in passato giurò davanti a Dio di proteggerla era così, almeno in apparenza, terminata. -Anche oggi siamo sopravvissuti- pensò.- Invece si sbagliò. Lui stava tornando. In mano aveva un enorme coltello da cucina, teneva lo sguardo perso, un sorriso plastico. I suoi occhi avevano un’espressione inebetita ma terrificante. Lei non riusciva a muoversi e non era neppure in grado di gridare. Lui si avvicinò tanto lentamente quanto inesorabilmente. Era ormai a pochi centimetri da lei. Chinò il busto, tirò indietro il braccio, fece un lungo respiro, convogliò tutta la sua brutale forza violenta in quella mano in cui impugnava il coltello e sferrò il colpo mortale. Roberta aprì gli occhi. La sveglia segnava le 3.35, suo marito era accanto a lei e dormiva come un angioletto. -Meno male è stato solo un brutto sogno-Pensò. Un incubo spaventoso. Roberta si tranquillizzò e riprese a dormire sonni tranquilli. Questo mio racconto per "ricordare" che non è così per tante altre donne. Infatti una donna su quattro (dicono le statistiche), almeno una volta nella vita, subisce violenza e quasi sempre da mariti, fidanzati o compagni di vita. La violenza domestica continua ad essere un problema culturale che viene a mio avviso mal gestito. Certo, si sono fatti tanti passi in avanti se si pensa al recente passato. Fino al 1981 infatti, nella nostra legislazione esisteva ancora il cosiddetto delitto d’onore, cioè il riconoscimento dell’onore come valore socialmente rilevante di cui bisogna tener conto anche a fini giuridici, e in particolar modo in ambito penale.
    Oggi le leggi sono cambiate, ma purtroppo non i numeri. Ancora moltissime persone di sesso femminile devono sottostare alla brutalità della cosiddetta violenza domestica . Una indagine ONU attesta inoltre, che la violenza contro le donne è il crimine più diffuso nel mondo, ma purtroppo anche quello meno denunciato. Tuttavia ( e per questo ancora più grave) non è una situazione che si limita al nostro Paese, o a quelli considerati “meno civili” . La violenza, oggi, resta una fra le prime cause di morte per le donne dai 16 ai 44 anni per tutto l’Occidente. A questo punto mi sorge spontanea una domanda: Per quale motivo astruso, o perverso una donna non dovrebbe denunciare la violenza subita da un partner? Psicologi, psichiatri, sociologi, scrittori , avvocati e “tuttologi” si sbizzarriscono nell’asserire supposizioni, e lo fanno talvolta scomodando perfino illustri pensatori di diverse epoche e infinite dottrine, ma credetemi, la motivazione sostanziale resta unica, e cioè che la società moderna non è capace di garantire sufficientemente protezione a tutte quelle donne che restano vittime della forma più subdola di violenza esistente nel mondo: quella domestica.
    In conclusione prendo a prestito le parole dello scrittore Antimo Pappadia che quando fu nostro ospite alla biblioteca Passerini Landi di Piacenza disse che il grado di civiltà all’interno di una società, si denota dal ruolo e dal modo in cui una donna viene considerata dalla comunità in cui vive. Finché ci sarà violenza domestica sulle donne, nessuna società potrà mai considerarsi per nessuna ragione completamente civilizzata.

     
  • 22 agosto 2012 alle ore 22:38
    Le elemosine emozionali non aiutano i disabili

    Come comincia: Il mio istintivo interesse per i problemi sociali, supportato da approfonditi studi della materia, mi ha portato a constatare che i disabili e, in genere, i diversi continuano a essere discriminati. Da sempre l'essere umano ha temuto non solo il diverso, ma più in generale ciò che non riesce a spiegarsi immediatamente. Anche se studiosi come Freud, Winnicott e tanti altri hanno tentato di illustrare le motivazioni psicologiche, sociologiche e evoluzionistiche di questo fenomeno negativo, il principale motivo di ogni forma di discriminazione resta sempre l'ignoranza.
    Conseguenza di questo atteggiamento è una almeno parziale emarginazione dei diversamente abili. Una loro completa integrazione è invece possibile. Come già accennato, l'emarginazione è una condizione che scaturisce dall'analfabetismo psico-sociale, pertanto attraverso un costante impegno da parte di tutti noi le cose possono sicuramente migliorare. Per il futuro sono piuttosto ottimista, perché lavorando nelle scuole e con la diversità posso appurare quotidianamente che i bambini non sono mai prevenuti di fronte a nessun tipo di disabilità: sono gli adulti che, attraverso il cattivo esempio dettato dal pregiudizio, li condizionano negativamente. La strada da percorrere è comunque ancora lunga e tortuosa, nonostante la tradizione cristiana del nostro Paese faccia pensare a un più radicato senso di solidarietà. Ma, a mio parere, tale contraddizione è spesso figlia della rigidità. Una condizione che si ritrova in tutte le religioni e quella cristiana, purtroppo, non fa eccezione.
    Aggiungo che, personalmente, non mi piace il concetto con cui la cristianità concepisce il disabile. Il diversamente abile non è un "poverino" che va aiutato in quanto sfortunato, ma è una persona come qualsiasi altra. Egli non cerca l'elemosina emozionale o l'accettazione da parte di una comunità in quanto persona disagiata, ma vuole essere considerato, amato e anche odiato, purché possa vivere la propria esistenza con la stessa dignità che si dovrebbe attribuire sempre a qualunque essere umano.
    E invece i tempi non sono ancora maturi. Paradossalmente, le cose andavano meglio in epoca preistorica. Studi recenti hanno dimostrato che tra gli uomini di Neanderthal, (parliamo di circa 100 mila anni fa e di una specie umana che non è la nostra) quanti avevano subito un'amputazione a causa di un incidente o per motivi di caccia continuavano a vivere, perché altre persone della comunità si occupavano di loro. Gli uomini primitivi, nel campo della diversità, hanno dunque mostrato una civiltà talvolta più evoluta della nostra, ma è giusto aggiungere che negli ultimi trent'anni le cose sono molto migliorate, e questo fa ben sperare per il prossimo futuro. Dove invece si è ancora lontani dall'equilibrio è nel riconoscere il diritto ad amare della persona con disabilità. Ma l'amore è un sentimento che nessuno può imbrigliare.
    Il fatto che spesso la società si contrapponga a questo diritto non significa che non si possa concretizzare. Certo spesso mancherà l'approvazione, ma il diritto di provare un sentimento e di essere ricambiati resta. Altra questione spinosa, complessa e talvolta controversa riguarda l‘emarginazione che coinvolge anche la famiglia del disabile. In generale, purtroppo, non posso esimermi dall'ammettere che spesso il nucleo familiare, a causa dell'enorme impiego di energie che un disabile richiede (e qui la gravità ha un ruolo importante) tende esso stesso a isolarsi. Inoltre ci sono anche casi in cui è più difficile metabolizzare una disabilità (specialmente se acquisita) per un familiare, che non per la persona che "incappa" in questa peculiare e svantaggiata condizione. Per alleviare il fardello di chi ha in casa una persona con disabilità bisognerebbe mettere il prossimo in condizione di dare il meglio, ma senza chiedergli l'impossibile. A tale proposito vorrei citare una massima di Antimo Pappadia, scrittore e saggista professionalmente impegnato nel sociale. Una frase che, naturalmente, (vale per tutte le categorie di abilità) bambini compresi: "Se mettiamo gli altri in condizioni di non esprimersi, questi saranno sempre ridimensionati, se invece diamo loro la possibilità di essere se stessi, lo saranno sempre e in ogni circostanza; mentre ancora se forniamo loro le condizioni congeniali affinché possano dare il meglio, allora ci sbalordiranno, perché supereranno se stessi".

     
  • 10 luglio 2012 alle ore 14:14
    Un ricordo d'infanzia

    Come comincia: Chissà perché, improvvisamente, gli tornò in mente quel lontano febbraio 1981.
    Le vette delle montagne erano ancora imbiancate dalla neve. Un pallido ma gradevole sole, sembrava voler restituire la vita e la speranza ad un paese che fu vittima un po’ dei capricci della natura e un po’ dell’incoscienza dell’uomo.
    In un tendone adibito a scuola, la maestra Anna, visibilmente provata anche lei dalla terribile esperienza vissuta, entrò in quell’ambiente adattato a classe e impose subito in modo perentorio a tutti gli alunni di prendere immediatamente i quaderni.
    Nella tenda c’era molta confusione. Qualcuno stava giocando, mentre altri chiacchieravano animatamente, due maschietti, invece, dopo aver con la fantasia trasformato le loro matite in spade, simulavano una finale ai mondiali di scherma.
    -Silenzioooooooooooooooooooooooo- urlò a squarciagola l’insegnate.
    D’improvviso il tempo sembrò fermarsi. Il chiasso che si udiva fino a pochi secondi prima, mutò in un silenzio assoluto. Tutti rimasero zitti e immobili.
    - Ora facciamo un esercizio di italiano- proseguì la docente.
    -Ma questa non è l’ora di musica?- Chiese Francesco che era seduto al secondo banco
    -Abbiamo perso tante lezioni a causa del terremoto, pertanto “si è deciso” di recuperare le ore di grammatica che si faranno al posto di quelle di musica. Rispose la docente. Poi addolcendo un po’ il tono della voce disse:
    -Bambini, nella vita ci sono delle cose importanti e delle altre marginali. Studiare l’italiano è fondamentale, giocare a fare i musicisti può andare bene, ma solo dopo aver terminato il programma.-
    -Maestro, Maestro? Si sente bene?-
    -Si, si scusa mi ero incantato- rispose
    -Scusi Lei ma…. Volevo informarla che il pubblico di Milano, qui alla Scala, è in delirio per il suo concerto in mondovisione, e tra meno di cinque minuti le TV daranno la diretta sul palcoscenico-
    -Vengo immediatamente- ribatté l’insigne Musicista Francesco Pacileo.

     
  • 05 maggio 2012 alle ore 11:45
    Il velluto della notte

    Come comincia: Antonio P. vuole stringere amicizia con te. E’ la prima cosa che noto appena accedo a Facebook. Quel nome aveva qualcosa di familiare anche se il suo profilo non mostrava nessuna foto. Prima di accettare però, gli mandai il seguente messaggio: -Ciao, ho ricevuto la tua richiesta d’amicizia, scusami ma per principio mi tengo lontana dalle persone che non conosco nella vita reale, quindi, ti  sarei grata se mi dessi qualche ulteriore delucidazione su di te. –

    Quasi immediatamente lui mi rispose: -Ciao Katia, mi ero illuso che citandoti semplicemente il mio nome ti riportasse indietro di undici anni, forse, questa volta, ho preteso veramente troppo.-

    Improvvisamente dalle ceneri di un passato completamente rimosso, si ricomposero sentimenti, emozioni e ricordi che credevo di aver definitivamente  sepolto. Antonio era stato il mio primo vero amore e forse anche l’unico. La storia finì quando decise di andare a lavorare come chef sulle navi da crociera. Io preferii rinunciare completamente a lui piuttosto che  mantenere una relazione  a distanza. Temevo che il nostro amore si contaminasse di paure e gelosie, che  fosse demolito da uno stillicidio composto di ansie e di timori. Lasciandolo, l’essenza del nostro amore restò intatta, almeno nel ricordo!

    Decisi di incontrarlo a pranzo.

    -Allora, hai smesso di fare il cuoco vagabondo? Resterai sulla  terraferma stavolta?- gli chiesi stringendolo in un abbraccio che sembrava voler concentrare l’intensità di un decennio.

    -No, Katia, non faccio più il cuoco o meglio, non più come professione. Cucino solo per me e per la mensa dei poveri e la domenica  celebro la messa.  Io ora sono un servo Dio. Non credetti alle mie orecchie. Come era possibile che il mio Antonio, amante delle belle donne e della vita dissoluta, fosse diventato un prete?

    -Ma ora che sei sacerdote,  andare a pranzo con una donna, per di più una ex, non è in contrapposizione con la tua vocazione?-

    Ma intanto che io gli formulavo quest’ultima domanda, le sue pupille, focalizzate sulle mie labbra si dilatarono, comunque, lui con una calma serafica mi rispose:

    - No Katia, ma cosa dici. Andare a pranzo con una vecchia amica, mica significa portarsela a letto?-

    Più lo ascoltavo e più l’impulso di confidargli un mio grande segreto si faceva spazio nella mia mente. Sentivo di potermi fidare di lui,  ecco il motivo per cui (come si dice in certi casi) decisi di confessarmi.

    -Sai Antonio, per più di due anni sono stata innamorata di una persona che non è mio marito. In alcuni momenti ho temuto addirittura di fare qualche sciocchezza per quell’ uomo.-

    Dopo aver confessato il mio “peccato”  tutto d’un fiato mi sentii meglio. Avrei voluto spiegargli le cose in modo più dettagliato, ma non sapevo da dove cominciare. E poi, un senso di  leggerezza pervase  la mia anima. Improvvisamente avvertii la sensazione di essere una donna migliore, una persona candida. Allora, tacqui per una manciata di secondi e ne approfittai per osservare Antonio, il quale annuiva. Evidentemente era abituato a questo tipo di rivelazioni. Mi aveva dato perfino la sensazione di provare una certa soddisfazione per la mia confessione.

    -Avrei mandato all’aria il mio matrimonio, se solo lui avesse ricambiato il mio sentimento.- gli dissi

    Antonio assentì ancora.

    -Più volte abbiamo fatto sesso, o meglio lui lo considerava solo un piacere fisico,  per me invece, quell’atto aveva un valore molto, ma molto  più profondo. La cosa più sconcertante è che io ne ero perfettamente consapevole, ma nonostante ciò, non riuscivo a rinunciarci. Con quella sua voce calma e sicura, con quell’espressione del viso che rasentava il profondo cinismo, mi ripeteva: -io amo mia moglie-.  Il pensiero però di condurlo sentimentalmente a me era così intrigante che al solo pensiero mi eccitava terribilmente. Oggi, mi domando ancora quale possa essere stato il motivo che mi aveva spinto fra le sue braccia.

    -Sarà stata la noia? -

    -Non so, ma ricordo che in passato, l’irraggiungibile ti ha sempre affascinato. –

    Antonio sorrise

    -E’ vero Antonio, sono stata sempre incline alle storie impossibili, ma in quella circostanza, mi inebriava proprio l’idea che lui amasse la moglie, ma facesse sesso con me. Sono malata vero?

    -No, ma cosa dici… Io credo solo che tu abbia sofferto tanto!-

    -Non è stato così spiacevole, ero felice di essere ancora desiderata a quarant’anni, quando mio marito quasi non mi guardava più. Provavo una strana sensazione di appagamento e di esaltazione quando appuravo che i miei movimenti, le mie carezze, la mia bocca gli generassero profonda eccitazione.

    Sapevo perfettamente di amare e di non essere ricambiata, quell’amore, seppure non contraccambiato, mi faceva sentire comunque viva e soprattutto donna. -

    -L’amore è sofferenza mia dolce Katia.- mi disse Antonio scuotendo la testa. Poi guardandomi con uno sguardo molto intenso mi disse:

    -Sai Katia, anch’io non ho mai smesso di amarti.-

    A quella rivelazione, mi si gelarono le gambe. Improvvisamente mi sentii proiettata in una dimensione surreale. Scoppiai a ridere, era uno scherzo che spesso la tensione emotiva mi faceva quando ero sotto stress.

    Lui dopo essersi inumidito le labbra con la lingua, prese un gran sospiro e mi disse:

    -Quando presi i voti ebbi la sensazione di tradirti, anche se tu avevi scelto di non volermi più frequentare, nel profondo del mio cuore sapevo che mi avresti amato per tutta la vita.-

    -Noi siamo nati per tradire, se non è col nostro partner, finiamo prima o poi per essere infedeli a noi stessi.-

    -Voglio baciarti- mi disse -Fosse l’ultima cosa che faccio, ho voglia di accarezzare la tua pelle liscia, e sussurrarti dolci parole d’amore guardandoti negli occhi che hanno il “velluto della notte”.-

    Tossii, la saliva mi andò di traverso.

     
  • 05 maggio 2012 alle ore 11:43
    Le carezze del sole di fine settembre

    Come comincia: Faceva terribilmente caldo! L'afa mi appiccicava il sudore addosso. Non eravamo nel cuore dell'estate, ma l'aria calda mi assopiva i sensi e attenuava le mie forze. Si udiva in lontananza la "musica" proveniente dallo strofinio delle ali delle cicale, le quali riempivano l'aria della dolce sinfonia che mi trasportava, nonostante tutto, in uno stato di grazia e di stupore.
    Il sudore mi scendeva dalla fronte e attraversava ogni anfratto del mio corpo, lo inumidiva dal capo alla punta dei miei piedi. Quella domenica erano tutti al mare, l'aria era ferma, immobile, quasi come se il tempo si fosse fermato lì!
    Se una banda di briganti avesse deciso di saccheggiare un negozio, rubare in una casa, avrebbe potuto agire indisturbata, nessuno se ne sarebbe accorto.
    La sacralità del mare domenicale era qualcosa a cui non si poteva rinunciare, era come un rito, un bisogno al quale nessuno poteva resistere. Nessuno, tranne che me! E questo, perché quel giorno, per me, non era uguale agli altri…
    In questi paesini le settimane estive sono lente e numerose, ci si fa il bagno anche in ottobre, e a chi piace, può far durare la "tintarella" fino a dicembre. La consapevolezza che per me il futuro sarebbe cambiato, mi turbava l'animo di emozioni contrastanti, di sensazioni nuove.
    In quel paesino, nonostante ognuno vivesse una vita diversa e svolgesse un'attività professionale differente, si ritrovava nelle domeniche estive a vivere un'unica passione: il mare. Ed ecco che intere famiglie si riversavano su quelle spiagge, con i loro ombrelloni, i loro tavolinetti, le sedie, e con le borse-frigo piene di cibo. Gli alimenti abbondavano sempre, nel caso qualcuno potesse decidere di aggregarsi all'ultimo momento non si poteva far di certo brutta figura. Per chi vive questo evento dall'esterno, gli sembra di assistere ad una sorta di migrazione, estiva.
    I bambini non aspettavano altro che star lì con i loro coetanei, per giocare, costruire, correre e soprattutto sentirsi liberi e al tempo stesso indissolubilmente legati al mare, luogo in cui tutti gli esseri viventi hanno avuto origine.
    Raccontata così qualcuno può pensare che si tratta di una scena d' altri tempi, e invece per chi ha la fortuna di essere nato da queste parti, è in grado di comprenderne la sacralità, l'importanza sociale e culturale di questa singolare migrazione domenicale.
    A metà mattinata improvvisamente cambiai idea: decisi di andare!
    Si era già fatto un po' tardi, ma nonostante il mio particolare stato d'animo decisi (proprio come facevo le altre domeniche), di raggiungere ugualmente i miei amici. Loro erano lì, come sempre ad attendermi. Anche stavolta li trovai un po' assonnati a causa della "notte giovanile" appena trascorsa, ma come sempre li ritrovai sorridenti quasi come volessero esternare una gioia atavica: quella di esser nati.
    La loro allegria mi contagiava, i loro sorrisi mi rallegravano. Qui tutto è allegro e caldo: le persone, il mare e il sole, dall'alba al tramonto. Poi c'è la spiaggia che col suo ammiccante sorriso ti invita a distenderti su di lei sempre tutto l'anno. Non eravamo in tanti ma con i miei amici si stava bene, o meglio in quel momento loro stavano bene. Io continuavo ad essere turbata. Il desiderio di cambiare qualcosa nella mia vita era diventato sempre più impellente. Ma quel sole di settembre che baciava tutto e coccolava tutti mi bloccava, mi confondeva. Poi c'erano le persone.... Ripensavo al passato e alle emozioni che mi legavano a quella spiaggia: il primo amore, le mie prime cotte, gli amici con i quali avevo condiviso gioie e dolori.
    La mia prima ed unica sigaretta della mia vita l'avevo fumata lì, seduta vicino ad un falò quattro o cinque estati precedenti.
    Ero triste, osservavo i miei amici con occhio diverso. Quei ragazzi che come me avevano le mie stesse esigenze, aspettative e illusioni, eppure qualcosa ci stava dividendo. Io amavo ognuno di loro ma a differenza loro però, nutrivo un desiderio di ottenere da questa vita, l'unica che posso ricordare, un qualcosa di diverso. E forse questa era l'unica cosa che ci ha sempre contraddistinti in tutti questi anni
    Quella era l'ultima giornata insieme, e volevo viverla completamente, fino all'ultimo istante, avevo deciso. Non potevo tornare indietro. Non fuggivo, non scappavo, sceglievo!

     
elementi per pagina
  • Il volume, ben scritto da Mirko Tondi e pubblicato dalla Casa editrice “Il Foglio”, narra di un'avvincente storia ambientata in un futuro lontano, ma nemmeno troppo. Il detective messo sotto scacco dalle delusioni della vita, ha l’opportunità di dare una svolta alla sua esistenza, prendendosi in carico un caso complesso e unico nel suo genere. Siamo noi che utilizziamo la tecnologia, oppure è lei che utilizza noi? E in futuro, essa ci aiuterà ad affermare la nostra identità, oppure ce la ruberà?
    Sono queste le domande che il lettore non può esimersi dal formularsi ad ogni pagina che legge. Il volume, che in alcuni passaggi mi ha ricordato George Orwell in “1984” e altri, Stefano Benni in “Cari mostri”, è redatto con cognizione di causa e la sua peculiare e al tempo stesso avvincente tematica, lo rendono sicuramente suggestivo e godibile ad ogni passaggio.

    [... continua]

  • Cinquepuntotto è un libro/diario/testimonianza di Daniela Manelli Trionfi, arricchito da foto e poesie. La scrittrice torna con la memoria a quei pochi (spaventosi) secondi in cui, all’Aquila, tremò forte la terra. Bastò una breve ma terribile scossa di un sisma di magnitudine 5.8 per spazzare via vite, sogni e speranze di tanti uomini, donne, bambini: persone diverse, ma legate tra loro dalla morte improvvisa o, nel caso dei più fortunati, dal dolore terribile di aver perso gli affetti più cari e i riferimenti più solidi. Daniela, con una scrittura semplice e lineare, adatta a ogni tipo di lettore, ma al tempo stesso di grande efficacia, narra della distruttiva forza di una Natura che da amorevole Madre, talvolta si trasforma in crudele Matrigna. Accosta con maestria immagini forti a momenti di pietà, di solidarietà, di grande abnegazione, in una parola… di amore inteso nella più nobile e pura accezione del temine.
    Cinquepuntotto racconta di gente che sa soffrire in silenzio, che sa reagire, che ha la forza e la voglia di rimboccarsi le maniche per ricominciare da capo, senza mai perdere di vista la fantasia e la speranza di un domani migliore.
    Era il 6 aprile 2009, ore 3.32: una linea netta e profonda, come una faglia, che ha scritto la parola fine di un periodo di vita e l’inizio di un altro, da vivere in quegli stessi posti, perché "È quella, la loro dimora, e non l’abbandoneranno mai".

    [... continua]

  • Antimo Pappadia è tornato. Dopo più di tre anni di oblio, arriva in libreria l'ultimo romanzo di Antimo Pappadia. L'opera dal titolo "La tortora e il pappagallo" edito da Luna Nera (Pag. 182 euro 13.00), coglie molti aspetti inquietanti della società contemporanea. Innovativo per quanto concerne la tematica e tecnicamente ben strutturato, la storia risulta accattivante, acuta e spietatamente realistica. Il romanzo si sviluppa su due linee parallele: su di una, viaggia la storia del protagonista, Luciano, un quarantenne alle prese con una società in piena crisi economica e di valori; sull’altra, si evince una vera e propria denuncia all'ipocrisia del nostro sistema sociale. 
    Antimo Pappadia, scrittore, saggista, aforista, giornalista pubblicista, sottolinea il dramma di una società allo sbando, disorientata e incapace di far fronte ai più elementari bisogni umani, ma al tempo stesso fornisce una speranza, quella di estrapolare dal profondo del cuore quei valori intrinsechi che molti esseri umani ancora posseggono. Uno di questi è l'amore. Infatti, come dice l'autore nelle prime pagine del libro "Il piacere può essere unito all'amore o ad altri sentimenti, ma può essere vissuto anche in modo indipendente da altri stati emotivi. Se è abbinato alla all’amore si raggiunge l’estasi; se viene associato ad altri sentimenti si ottiene l’appagamento; se invece viene vissuto come singola emozione, lascia sempre un po' di retrogusto amaro".

    [... continua]

  • La paura... ogni volta che la vita ci presenta davanti un amore proviamo paura. È più forte di noi, non riusciamo a controllarla, ci assale e ci fa temere sempre il peggio, è proprio per questo che a volte non ci lasciamo andare e non viviamo l'amore nel suo pieno essere vita. Solo un cuore colmo di gioia e d'amore può stare in vita e far risplendere i nostri occhi. Fari dell'anima che ci permettono di attraversare le strade oscure della solitudine. L'amore è vita e la vita richiede amore. Questa è una delle poesie raccolte nella silloge "Affrontando il mare della vita", edita da Kimerik edizioni. Andrea Talignani, giovane poeta piacentino, "Er Poeta" ha ottenuto diversi riconoscimenti in vari concorsi, giovane dall'animo percettibile, inizia a scrivere quasi per gioco. Dopo aver pubblicato in diverse antologie con altri autori, ha finalmente coronato il suo sogno: un'opera tutta sua. “Affrontando il mare della vita” è una composizione in grado di interpretare con perspicacia tutte quelle emozioni e conflitti che ogni animo umano sensibile sente nel proprio intimo in questa incerta società contemporanea. Già il titolo del volume racchiude in sé tutte le antimomie kantiane legate al peculiare momento storico che stiamo vivendo. Andrea parla del bisogno di vita e di amore, esterna la sensazione di bilico tra il desiderio di trionfare e la rassegnazione di arrendersi, tra la paura di osare e il timore di arrivare. Queste sono solo alcune riflessioni/emozioni che "Er poeta" regala attraverso le rime di una piacevole ma al tempo stesso profonda lettura poetica. Il volume è un lavoro di notevole carica emotiva. Se volessi con una semplice frase compendiare il libro utilizzerei la celebre espressione di Ugo Foscolo: "quello spirto guerriero che dentro mi rugge".

    [... continua]

  • Uno di quei libri il cui titolo potrebbe trarre in inganno. Storia di un tradimento sì, ma anche e soprattutto un romanzo d'amore "Adulterio"di Paulo Coelho.
    Non solo amore di coppia, si badi bene, ma autostima, dunque attenzione per se stessi.
    L’io narrante è Linda, una trentunenne che, all’inizio, risulta addirittura antipatica. Sposata con un uomo che l'adora, con due figli e una tata filippina, fa la giornalista e adora il proprio lavoro. Vive a Ginevra, una città pulita, ordinata e accogliente. Eppure al mattino fa fatica ad alzarsi, piange, si sente incompleta, infelice. Recitare ogni giorno una parte che non si sente propria, sorridere anche quando non se ne ha voglia è ciò che la società le richiede. E, quando una donna prova certe sensazioni, il tradimento incombe.
    Cade tra le braccia di Jacob, e non si tratta solo di sesso: se ne innamora. Qualcosa che la cambia, la turba profondamente, ma al tempo stesso la induce a riflettere, diventa strumento per superare le proprie paure. Un'infedeltà capace di aprirle il cuore, costringendola in quella terra di nessuno tra un passato costruito faticosamente, mattone su mattone, e un futuro che rischia di sbriciolarsi come una casa sotto le scosse del terremoto.
    Allora si ferma, indietreggia, rinuncia. Dolore e salvezza. Ma è davvero la scelta giusta?
    Più fortunato della nazionale del suo paese nel corso dei recenti mondiali, il brasiliano Coelho, con questo libro, segna un ennesimo goal nel campionato delle vendite. Complimenti a lui.

    [... continua]

  • Annamaria Citino nella sua seconda fatica letteraria "Son tutta ciliegie", esprime l’essenza del proprio pensiero. Lo fa attraverso una poetica fondata su una disarmante semplicità ma, al tempo stesso, tecnicamente ben strutturata.
    Dalle sue origini mediterranee l’autrice deriva il calore della passione, l’intensità dei colori e la capacità di farsi penetrare dalle forti emozioni ergendole ai livelli più alti.
    Piccante, provocatoria, disinibita, la sua silloge non solo si rivolge agli appassionati del genere, ma risulta di ausilio per chiunque voglia avvicinarsi alla poesia erotica e passionale. La Citino che, nella vita come nell’arte, non fa certo della convenzionalità la prerogativa principale, interpreta con disinvoltura e al tempo stesso con maliziosa ingenuità quella che dovrebbe essere la prerogativa di ogni forma di comunicazione artistica: la capacità di cogliere le sfumature più intense delle emozioni primarie. Nel corso della lettura ci si accorgerà come alla scrittrice calabro-sicula-veneta, attraverso un lavoro di sublimazione emozionale, riesca l’ardua impresa di trasformare i più reconditi desideri primordiali nelle più dolci note poetiche.

    [... continua]

  • Ha solo venti anni e già ha esordito con un romanzo di un certo spessore. Melanie Tedeschi classe 1992 ha appena riempito gli scaffali delle librerie col suo volume d’esordio dall’emblematico titolo “I prescelti e il potere degli elementi”.
    Questo fantasy rappresenta un insolito connubio fatto di elementi fantastici (come il magico regno di Classolt) e problemi reali con cui le nuove generazioni quotidianamente si devono misurare. La pubblicazione di questo libro, indipendentemente dal numero di copie che venderà, è già un successo. Infatti, la sua stessa stesura dimostra che nelle nuove generazioni ci sono tanti sani principi che resistono nonostante erediteranno un paese che è allo sbando.
    Il libro, nonostante sia sostanzialmente rivolto a un pubblico giovane, credo che la sua lettura possa risultare piacevole a tutte le persone di ogni età e di qualsiasi livello culturale.

    [... continua]

    • 3 Cuori
    • 17 ottobre 2013 alle ore 21:12

    Rimembranze

    E mi sovviene di te,
    tra i respiri del vento che odorano di mare,
    di melograni rossi spaccati dal sole,
    di arance succose,
    di croccante con mandorle tostate, miele e cannella.
     
    Sei ricordo goloso.

    Questa è una delle 69 liriche di Annamaria Citino, inserite nel libro "3 cuori", edito da Melino Nerella Edizioni.
    Poesie che parlano d'amore all'amore.
    L'amore delle tre C, non solo vissuto con il cuore ma, contemporaneamente, anche con il cervello e con la carne.
    Una scelta, quella di Annamaria Citino, che, pur non esaurendo in una sola volta il complesso spettro di sfumature che caratterizzano il suo modo di sentire e di fare poesia, certo ne connotano la tematica preferenziale: l’esplorazione di temi dell'eros (ma fuggevolmente anche dell’agape) non completamente svelati o da troppo tempo tenuti nascosti, intesa sia come intima autoanalisi e come opportunità di riflessionestimolo di vita per chi alla sua lirica si accosta in veste di lettore.
    Annamaria, sveste l’anima, letteralmente, tra i suoi versi.
    Impudica, ma sempre perfettamente candida, racconta ciò che molte altre donne, per timidezza o ipocrisia, non confesserebbero mai: l’importanza del corpo in un rapporto sentimentale, sia esso discendente dalla mente oppure dal cuore. Vivere pienamente la propria sessualità, senza see senza ma, è, per la poetessa siciliana, il segreto per accettarsi e consapevolmente proporsi come persona.
    La sua lirica scivola sopra e sotto le lenzuola senza mai tentare di nascondersi dietro a involuti giri di parole e, al tempo stesso, mantenendosi sempre nei confini del buongusto.
    Se Gesualdo Bufalino avesse letto i suoi versi l'avrebbe amata sicuramente e questo libro, probabilmente lo avrebbe descritto come “ballata delle dame del tempo che fu” nel suo romanzo "Argo il cieco"
    Perché Annamaria, perfetta nell’eterna gioventù della sua semplice lirica, sembra rientrare proprio nei canoni della donna solare nelle cui vene scorrono, mischiate al sangue, passione, tradizione e cultura mediterranee.

    [... continua]

  • "Fai bei sogni" è un romanzo autobiografico e introspettivo, redatto dall’acuto giornalista e scrittore Massimo Gramellini. E’ il racconto della sua vita. E’ la storia di un bambino che perde la mamma in circostanze che subito non riesce a comprendere e che poi però, divenuto adulto, non ha il coraggio di guardare in faccia. L’elaborazione del lutto dura quarant’anni, ma l’autore alla fine, grazie anche all’amore di Elisa, riuscirà a superare il terribile trauma infantile e a comprendere l’importanza del perdono. Grazie a questo tortuoso e doloroso viaggio interiore, Gramellini riuscirà ad ottenere quella felicità che ogni uomo avrebbe il diritto di vivere. Per dirla alla Dante, per arrivare in Paradiso bisogna prima passare per l’Inferno e il Purgatorio; ecco il motivo per cui l’autore per superare la sofferenza deve innanzitutto immergersi in essa e affrontare un percorso intriso di quella angoscia che poi lo porterà alla serenità esistenziale.
    Il libro è davvero bello e consiglio di leggerlo, ma una breve nota critica mi sento di esprimerla ugualmente, essa concerne la parte iniziale. Personalmente credo che in alcuni passaggi il suo proverbiale umorismo, visto il drammatico tema, si riveli un po’ forzato e pertanto non l’ho particolarmente gradito.

    [... continua]

    • Specchi
    • 08 luglio 2013 alle ore 18:30

    Lo specchio come testimone della nostra interiorità
    Il viaggio introspettivo condotto da Elèna Italiano è un pregevole lavoro editoriale.
    Trattasi di una raccolta di racconti in cui si carpisce una prosa onesta e curata; le sue storie, pur essendo completamente diverse tra loro, evidenziano un comune denominatore: lo specchio. Esso metaforicamente parlando, rappresenta il bisogno di raccontarsi che ogni donna avverte in una società “liquida” in cui nessuno più trova il tempo per “riflettere” sulle proprie azioni. Il linguaggio semplice e immediato dell’autrice , inoltre, rende i personaggi ancora più tangibili disegnandoli nella nostra mente in un modo così accurato da darci quasi l’impressione che essi appartengano alla nostra vita reale.
    Lo specchio, pronto a riflettere la verità spietata di chi gli si pone di fronte è testimone di vicende cariche di emozioni, come uno sbarco di clandestini, una vita intrisa di insuperabili rimorsi e di tante altre vicende che il lettore non potrà far a meno di trovare familiarità con proprio sé.
    Lo specchio però è anche qualcosa di astratto, di impersonale. Noi che spesso ci lasciamo guidare da altri, abbiamo forse bisogno di “un’entità” esterna per riconoscere chi siamo e cosa vogliamo? Chissà, forse dopo aver letto questo libro la risposta potrebbe anche giungerci spontanea.

    [... continua]

  • Ispirato da una storia realmente accaduta, il libro è dedicato a tutte quelle donne che( a causa di un’ideologia ancora intrisa di maschilismo sciovinista) loro malgrado, sono costrette a vivere violenze inaudite e maltrattamenti incomprensibili anche in società poco evolute. Un’attenta lettura del romanzo lascia intendere che  la drammatica storia di Hina Saleem (la ragazzina uccisa in Italia nel 2006 dai suoi parenti perché non si volle adeguare agli usi tradizionali della sua cultura d’origine) abbia notevolmente influenzato l’animo dell’autore, anche se di fatto riferimenti diretti non ce ne sono. La violenza che denuncia Pacioni non è retorica o speculativa, l’autore non si riferisce ad un particolare ceto sociale o ad un livello culturale basso, e nemmeno fa riferimento a una religione specifica. Egli racconta la naturale pulsione di violenza che è in ognuno di noi e che si può manifestare in ogni zona geografica per ogni grado di istruzione e a qualsiasi età.
    Fatima, protagonista del romanzo, vive una sorta di vita parallela: a scuola è Francesca e a casa è appunto Fatima. Ella pertanto, esperisce due forme di amore: uno autentico e l’altro dettato dalle convenzioni sociali di una cultura alla quale lei non si sente più di appartenere. Naturalmente, col passare del tempo le diventa impossibile sostenere una doppia linea esistenziale, e le cose cominciano a precipitare.
    L’autore con estrema lucidità riesce a far entrare il lettore in un mondo che inizialmente appare lontano, estraneo ma,  man mano che ci si addentra nel romanzo, ci si rende conto che Fatima può essere anche la nostra vicina di casa, la nostra collega di lavoro o perfino noi stesse.

    [... continua]

  • Il volume "A testa in giù", raccoglie 53 liriche, scelte tra le migliori poesie che la poetessa Paola D’Angelo ha redatto negli ultimi tre anni.
    Le emozioni contenute all’interno dell’opera sono di un’intensità straordinaria e rappresentano una combinazione di sensazioni tanto armoniosa e sottile da rendere questo lavoro veramente unico nel suo genere. Le sensazioni vissute dall’autrice vengono magicamente trasmesse al lettore attraverso una sorta di empatizzazione poetica, una rara capacità espressivo-cognitiva che di fatto è una peculiarità dei poeti autorevoli.
    Paola D’Angelo utilizza nelle sue liriche una tecnica compositiva classica sfidando così l’impopolarità, anche se i critici, a tale proposito, sostengono che la scelta dei temi cosiddetti universali, rendono la sua opera sempre alla moda in ogni forma di società di ogni tempo e di qualsiasi luogo geografico.
    Si dice che la persona che non smette mai di sentire è quella che ha animo poetico, ma l’animo poetico non basta a trasformare un uomo in un bravo poeta. Paola D’Angelo infatti oltre ad ascoltare le emozioni, ricerca ed esperisce su di sé quel mondo emozionale che non tutti hanno la forza di vivere e solo in pochi possiedono le tecniche per rappresentarlo nella poesia in modo adeguato.
    L’autrice, che si definisce poetessa per legittima difesa, ritiene appunto che la poesia non è mai esternazione emozionale che si materializza attraverso frasi compiute, ma una forma di ricerca e di crescita personale. La poesia, dice Paola D’Angelo durante un’intervista, è metafisica. La parola in generale e in particolar modo quella scritta è la cosa più divina che l’uomo ha a sua disposizione, perché essa unisce la materialità alla spiritualità del pensiero.
    Ecco il motivo per cui, le sue liriche le definiamo un po’ divine.

    [... continua]

  • Afferro con gli occhi
    lo sguardo eterno
    dell'infinito,
    del terso cielo
    di primo autunno,
    delle caduche foglie che respiran del vento,
    un flebile alito
    smarrito.

    Questa è a mio avviso una delle liriche più significative che Giorgia Catalano ha raccolto nel suo libro "Un passaggio verso le emozioni".
    Sono sufficienti poche righe  per comprendere che il tema più sentito dalla scrittrice concerne la vulnerabilità umana e il suo tramutare attraverso il tempo. Il concetto viene espresso con struggente passione e anche con discreta tecnica della parola scritta.
    Giorgia Catalano, classe 1971, ha scritto queste liriche tra il 2010 e il 2012 e, pur essendo la sua prima raccolta individuale, ha già pubblicato come coautrice in diverse antologie.
    Il volumetto non è un semplice libro di poesie, ma è una vera e propria rappresentazione emozionale della vita; una sorta di romanzo fatto di conquiste, fallimenti, gioie, dolori da condividere col lettore.
    L'autrice inoltre osserva, scruta, indaga, sente il mistero che avvolge la vita, ne coglie i segreti, le angosce, i dolori e li racconta, li trasmette all’animo umano attraverso la scrittura di questo libricino.
    Anche il tema dell’amore è molto sentito dall’autrice che lo definisce: “Come un leone di spirito audace, non come una lepre fugace"

    Dopo aver letto più volte questa breve raccolta di liriche, mi è venuta in mente una frase di Dante Alighieri con la quale concludo il mio breve commento su di un libro che consiglio vivamente: "Niente dà più dolore che il ricordare i momenti felici nell'infelicità".

    [... continua]

  • Donne che raccontano altre donne.
    Scrittrici che si calano nelle vesti di altre donne.
    Le autrici: Simona Vinci è Diane Arbus, Carmen Covito è Eleonora Duse, Barbara Garlaschelli è Joyce Carol Oates, Nicoletta Vallorani è Angela Carter, Maria Rosa Cutrufelli è Anna Kulishoff, Daniela Piegai è Artemisia Gentileschi, Olivia Corio è Ella Fitzgerald, Elisabetta Spaini è Niky de Saint Phalle, Donatella Diamanti è Virna, Elena Varvello è Alice Munro, Chicca Gagliardo è l'ombra di Alda Merini, Daniela Losini è Coco Chanel. Storie di donne fragili, donne determinate, donne che non si lasciano scalfire da niente e nessuno; donne indipendenti, donne alla ricerca  di se stesse. Perché essere donne comporta innumerevoli scelte,  disagi, pericoli e ognuna di esse reagisce in maniera diversa  mostrando un lato della propria personalità. Voltata l'ultima pagina il lettore potrà rendersi conto che i racconti di dodici donne diverse sono legati da un unico filo, come quello di Arianna, in una  sola complessa storia: quella della Donna. La forza delle donne, il loro valore aggiunto, la dolcezza che scaturisce dai loro discorsi e un sogno: arrivare a un'uguaglianza tra uomo e donna mantenendo una naturale diversità. Le voci delle scrittrici sono una melodia che canta la donna, la dipinge mentre cucina, mentre aspetta una telefonata, mentre sogna o cerca di dimenticare le sofferenze, mentre combatte con la vita riscoprendola.
    Donne impersonificate e descritte nella loro quotidianità, ma senza  necessità di elevarle ad angeli del focolare, bensì mettendole in  evidenza, facendole uscire da quel cono d'ombra nel quale hanno vissuto per secoli. Un elogio allo sguardo femminile che sa scavare nel profondo, senza  rancore, senza rabbia: non c'è la voce roca che grida all'uomo le sue mancanze, i suoi errori, ciò che ha perso trattando la donna come una schiava, una reclusa, una peccatrice. Le pagine si susseguono con una scrittura fluida, pulita, tenera e poetica. Donne vissute in epoche diverse, con conquiste diverse, che, attraverso le loro testimonianze, dimostrano come si siano fatti  tanti passi avanti: attraverso le loro esperienze si delinea l'attuale posizione femminile all'interno della società, come risultato delle tante lotte affrontate nei secoli scorsi.

    [... continua]

  • Layla la donna dei sogni di molti uomini, sensibile e romantica, un corpo da mozzare il fiato. Nei suoi racconti il contenuto erotico è notevole. Layla nel libro "Il secondo anello" (seconda parte di un progetto editoriale di 7 episodi) accompagna i lettori in retroscena altalenanti tra sofferenza e piacere. Piaceri che potrebbero apparire scontati, ma la sua tenacia, astuzia, la portano a studiare i comportamenti umani di ogni uomo che ai suoi occhi è sofferente. Layla riesce a soddisfare qualsiasi desiderio, perché ogni uomo è una persona diversa, qualunque sia la loro età, il loro ceto sociale facendo loro dimenticare per quei pochi attimi cosa li attende a casa. Uomini insoddisfatti, inappagati trovano in lei capricci in campo sessuale, giochi che tra le mura domestiche non sarebbero mai richiesti, e tanto meno concessi.
    Il libro non lascia spazio alla fantasia, (sono presenti anche delle foto dell'autrice anche se poco nitide).

    Un'autrice spregiudicata, senza peli sulla lingua. Una passione simbiotica, inarrestabile, un'esplorazione fisica estrema, raccontata magistralmente con un linguaggio attualissimo, lussurioso che mai scandalizza.

    [... continua]

  • Sospesi sull’orlo del mondo
    Barbara Garlaschelli finalista "Premio Strega" 2010 con il volume pubblicato dalla Frassinelli dal titolo Non ti voglio vicino, sorprende i suoi lettori con un’opera decisamente unica nel suo genere: "Lettere dall'orlo del mondo". E’ la storia avvincente in cui una donna e un uomo, J. e Y., in una inconsueta comunicazione epistolare, esprimono non solo debolezze, emotività e fragilità della coppia in questione, ma soprattutto stati d’animo della donna. Attraverso semplici (ma mai scontate) lettere, si evince un amore profondo e ricco di poesia, un innamoramento intenso, romantico e per nulla banale (anche perché quando l’amore è autentico non lo può mai essere). J. e Y. (i protagonisti scelgono di comunicare solo le iniziali) sono legati da un sentimento che sopravvive al dolore, aggrappandosi a un lungo fiume di lettere cercando di proteggersi dall'assalto di ricordi nostalgici e di ineffabile intensità. La storia, nonostante sia piuttosto breve, fa breccia nella coscienza del lettore e contribuisce ad affinare lo stato d'animo di chiunque avrà in mano questo volumetto impreziosito dai disegni competentemente ritratti dall’artista Mario E.R. Bianco. I tratti di matita uniti alle  parole,  formano un connubio che non ha nulla da invidiare ad altre opere contemporanee di valore assoluto, il sorprendente finale è sicuramente degno di una scrittrice dalla levatura intellettuale di Barbara Garlaschelli.

    [... continua]

  • La favola che fa sorridere ma anche riflettere.

    Il libro di Cristano Musina: - La niña, una pinta e la santa Maria - è  un romanzo diviso in ventidue avvincenti capitoli in cui  il lettore, immedesimandosi nei protagonisti, ha modo di vivere i più differenziati stati emozionali. Infatti, le sensazioni di: abbandono, disperazione, coraggio entusiasmo, amore, si susseguono in chi lo legge con rapidità e intensità uniche, anche se, probabilmente, il velo del mistero resta l’elemento costante di ogni singola pagina. Un particolare degno di nota è che l’autore  riesce con una certa abilità ad unire fantasia e realtà, imprimendo così al volume un andamento decisamente  avvincente e avventuroso. Il romanzo, per scorrevolezza, semplicità e immediatezza è rivolto sicuramente a un pubblico vario, anche se, plausibilmente, risulta più congeniale ai giovani e in particolar a coloro che amano viaggiare e che vogliono scoprire realtà nuove, misteriose e  fantastiche. Il romanzo  è scritto bene e anche per questo lo raccomanderei a tutti quei ragazzi che attraverso l’avventura della vita sono inclini raggiungere la più profonda conoscenza di sé e del mondo che li circonda.

    [... continua]

  • Giuseppe Lissandrello Psicologo, Psicoterapeuta Cognitivo, cambia pelle e si cala nei panni di un narratore capace e competente. Scrive un romanzo ambientato negli anni Settanta,  in una  Sicilia che  sembra non aver risentito dell’emancipazione femminile che caratterizza quel determinato periodo storico. Turi ‘U sunaturi donnaiolo d\'altri tempi soprannominato \"sunaturi ri campani\" generoso ma irresponsabile, muore mentre fa l’amore con una donna del suo paese.
    La peculiare interpretazione dell’erotismo da parte del protagonista e il singolare fascino che esercitava sulle donne  (nessuna “femmina” turista o indigena che fosse, resisteva  al suo fascino) creano una nuova figura, un Don Giovanni siciliano  tanto atipico quanto originale.
    Con spirito “Pirandelliano”, l’autore punta dritto il dito verso la maschera che ogni uomo porta. Stile ironico, passioni intense e autentiche emozioni, evidenziano un esperimento di scrittura ben riuscito, infatti, l’autore,  nonostante la mascolina sessualità espressa all’interno del racconto, non si esprime mai in modo volgare, mentre i riferimenti  psicologici, come il disadattamento sociale, la rielaborazione del lutto, i miti, le debolezze umane si mostrano in modo palese, invitando così il lettore a fare attente e adeguate riflessioni.
    Il volume di Giuseppe Lissandrello è un lavoro di pregevole fattura tecnica, ma anche di notevole carica emotiva.

    [... continua]

  • Per cercare di evadere da una vita che si rivela per tutti sempre più difficile e frenetica, niente di meglio che lasciarsi portare per mano, da Loredana Limone, nella fantastica dimensione di "Borgo Propizio": un luogo pieno di sorprese, inserito in un mondo complesso, descritto dall'autrice in modo disincantato e quanto mai pittoresco.
    In una società trasformata (e frastornata) dai continui e repentini cambiamenti, l'autrice trova il modo di narrare avvincenti storie capaci di riportare il lettore indietro nel tempo, fino all'epoca beata dell'infanzia.

    I personaggi, descritti con precisione e disincanto, ma anche con ineffabile leggerezza, riescono, in un singolare processo empatico, a farsi amare con i propri limiti e difetti.

    Loredana Limone si rivela (per i nuovi lettori) e si conferma (per chi già la conosce) scrittrice abile, dotata di uno stile limpido e capace di dare alla narrazione ritmi scorrevoli. Grazie alle sue descrizioni si arriva ad avvertire persino gli aromi delle pietanze.

    Lettura consigliata a tutti, soprattutto a quelle adolescenti (credetemi, ce ne sono ancora) che amano sognare... non solo un avvenire da "velina".

    Il libro è disseminato di situazioni intriganti, episodi surreali, una donna vergine a 40 anni nessuno riuscirebbe a immaginarla, o chi anziché scappare da un paesino "sterile", preferisce investire in una latteria sita in un borgo dimenticato e nell'intimo colloquio con i propri fantasmi.
    Un'opera pervasa da una nota di brillantezza che rende ancora più gradevole il libro, senza distogliere però l'attenzione di un'attenta introspezione psicologica. Un romanzo che si rivolge efficacemente a chi ha voglia di concedersi una lettura appassionante, surreale e ironica.

    [... continua]

  • Gli aforismi dello scrittore ci portano in un caleidoscopio di riflessi, perlopiù rivolti all’importanza della poesia, attraverso le considerazioni che questa forma letteraria impone con musicalità, sentimento e stile.
    L'autore, in questo contenitore di emozioni, sembra meditare nella ricerca continua di quesiti qualche volta senza risposte, altre con ferma certezza. Pappadia appunta come in un diario tutte quelle constatazioni, annotazioni che lui concretizza in massime, per sottolineare quei pensieri che egli sente di esprimere. In questo libro troverete vari spunti interessanti per riflettere e meditare su noi stessi, sul mondo in generale e sul futuro dell'umanità. Aforismi e citazioni. Il senso della vita racchiuso in poche righe.
    "Se mettiamo gli altri in condizioni di non esprimersi, questi saranno sempre ridimensionati, se invece diamo loro la possibilità di essere se stessi, lo saranno sempre e in ogni circostanza, mentre ancora se forniamo loro le condizioni congeniali affinché possano dare il meglio, allora ci sbalordiranno, perchè supereranno se stessi."

    [... continua]

  • "Celebrity Chef - Le ricette di Imma" non è un libro come tanti, da riporre in bella vista in libreria, dopo averlo letto.
    Non è neanche (non solo!) un libro di ricette, da conservare su uno scaffale della cucina, pronto alla consultazione e all’uso.
    È al tempo stesso l’uno e l’altro: da una parte la guida più idonea ad accompagnare ogni lettore/cuoco nella riscoperta della buona cucina, moderna, sfiziosa e realizzata con ingredienti genuini. Dall’altra anche e soprattutto un report fedele e godibilissimo dell’esperienza vissuta in prima persona dall’autrice in tv: in particolare della partecipazione al programma Masterchef Italia, un talent show gastronomico nel quale ha avuto modo di esprimersi al meglio la personalità spumeggiante e positivamente eccentrica, nonché la capacità di coinvolgimento, di Imma Gargiulo, sorrentina verace, innamorata dell’olio e degli altri prodotti della sua terra, raccontata attraverso riflessioni, ricette e immagini .
    L’autrice accompagna il lettore alla preparazione di piatti sfiziosi con infinita gentilezza, evidenziando uno stile di scrittura corretto e gradevole, reso ancora più funzionale e suggestivo da una ricca galleria di foto che accompagnano ogni passaggio tra i fornelli.

    Tra le 40 ricette risaltano titoli quanto mai accattivanti:

    “Sesso”: non quello da consumare in dolce compagnia, ma una ricetta proposta durante una puntata dello show, pensando al grande Ugo Tognazzi nell’interpretazione de “Il vizietto”.

    “Le tremiti e Lucio”: dedicata al grande cantautore bolognese da poco scomparso.

    “Femmena”: ricetta consigliata per la stagione invernale.

    “Una gita al mare”: piatto veloce, sfizioso e senza cottura.

    “Biancaneve in gita a Sorrento”: un risotto dall’aspetto invitante, caratterizzato da sfumature cromatiche luminose, soprattutto bianco candido con riflessi giallo-paglierino, ottenuti dalla buccia del limone di Sorrento.

    Ogni ricetta del libro è abbinata a un vino, con la sua descrizione organolettica, e arricchita da una nota di "Cultura slow food".
    Le ricette sono pensate ed elaborate con amore, intrise della voglia e della felicità di vivere di una splendida donna che, anche se non avesse partecipato alla fortunata serie televisiva, avrebbe egualmente, in qualche altro modo coronato il sogno più grande:
    "Cucinare mi dà la possibilità di raccontare delle storie in una lingua universale che tutti possono comprendere” dice lei stessa. "Ogni piatto è una storia, ogni menù una saga."

    [... continua]

  • Franco Battiato celebre cantautore, musicista, regista e pittore siciliano sorprende con il suo documentario dedicato al grande scrittore conterraneo Gesualdo Bufalino nato a Comiso (Ragusa) e scomparso nel '96.
    Lo scrittore descritto è molto ricordato per il suo romanzo Diceria dell'untore - premio Campiello.
    Il libro, Auguri Don Gesualdo, edito da Bompiani è un docu-film, caratterizzato da un filo narrativo che si svolge tra le magnifiche riprese inedite nei luoghi dove ha vissuto Bufalino (la piazza di Comiso, in provincia di Ragusa, il cortile della Fondazione intitolata allo scrittore, i simulacri della morte, le chiese stile barocco). Rarissimi materiali di repertorio dello scrittore, in esclusiva forniti da Rai Teche, il paesaggio ibleo rappresentato dal pittore modicano Piero Guccione, la voce calda dell'attore Giulio Brogi, la toccante e mistica melanconia delle musiche di Arvo Part, Ravel, Hendel, le pregiate testimonianze di chi lo ha conosciuto: Elisabetta Sgarbi, Manlio Sgalambro (autore della scenaggiatura), Matteo Collura, Ella Imbalzano, Sebastiano Gesù, Giovanni Iemulo, Nunzio Zago, Antonio Di Grado, Mario Andreose e Angelo Sgandurra. Testimonianze che raccontano l’amicizia con Leonardo Sciascia, personalità totalmente diverse: una scrittura barocca quella di Bufalino come vari e ricchi i gusti alimentari di Sciascia, essenziale il linguaggio di Sciascia come le abitudini alimentari di Bufalino, che afferma appunto “Io mangio come Sciascia scrive e Sciascia scrive come io mangio”. Battiato ricorda lo scrittore amico in dimensioni complesse, alternando echi e sapori speziati da battiti aritmici del cuore. Bufalino che si racconta nel docu-film non si reputa un portavoce della società, al contrario del collega Sciascia. La figura dell’autore comisano viene descritta come un vero maestro di vita, che impartisce una lezione che si colloca più in profondità rispetto ad altri scrittori, è una lezione di stile, ma soprattutto di moralità e di umanità. Bufalino aveva a cuore i giovani, lui stesso era stato insegnante liceale, li invitava spesso alla lettura, come nutrimento dell'anima.

    [... continua]

  • “Pane e Peperoni. Una vita on the road” non è il titolo di un libro di ricette, ma è un lavoro autobiografico dello scrittore drammaturgo e attore napoletano Peppe Lanzetta.
    Nonostante  l’autore si racconti con un’autenticità e una semplicità mai viste prima, il lettore non può fare a meno di notare che l’essenza delle sue pagine è accompagnata da un pizzico di nostalgia sia nei confronti di persone che  non vedrà più, sia  verso luoghi che col tempo hanno mutato il loro scenario paesaggistico e la loro organizzazione sociale.

    .Peppe Lanzetta in questo libro mette a nudo tutta la sua esperienza umana e il suo eclettismo professionale,  senza mai nascondere (anzi  sottolineando) il suo grande amore verso Napoli, sua città natia e suo attuale luogo di residenza.

    L’autore espone la sua raccolta di racconti attraverso aneddoti gradevolissimi.

    Aneddoti di un passato forse mai rimosso, che ricompongono sentimenti ed emozioni che credeva ormai sepolte.

    Un autore ricco, come lui si definisce e come ogni essere umano vorrebbe/dovrebbe essere; ricco dentro, ricco per aver avuto la possibilità di rimanere se stesso, mangiare quando ne ha avuto voglia, vestire stile postatomico; e per esser rimasto uomo dai gusti semplici, insomma un tipo da - Pane e peperoni come solo zia Titina gli sapeva preparare - un autore che non si nasconde dietro il palcoscenico, ma si mette in prima fila raccontandosi senza pudore, incrociando nel suo cammino amici dal calibro di Pino Daniele, Franco Battiato, Jimmy Fontana, Loredana Bertè, Maurizio Costanzo e in ognuna di queste conoscenze gira intorno la storia del nostra Paese, la sofferenza e la fierezza di ogni italiano.

    Un libro che può essere considerato un  “buon compagno di viaggio” da portarsi  in spiaggia, sulla metro o al parco, magari mentre si è baciati dalla luce di un sole tramontante.

    [... continua]

  • "A Napoli tutti hanno un soprannome" è  il titolo emblematico dell’ultimo lavoro del bravo scrittore e saggista partenopeo, ma emiliano per adozione, Antimo Pappadia.

    In una società in cui oggi tutto è enfatizzato, distorto e strumentalizzato, l’autore non ci descrive impavidi eroi, non ci racconta di strazianti stragi, non estrapola dalla storia nuovi elementi raccapriccianti, ma cita aneddoti che riguardano persone comuni che quotidianamente fanno i conti con una società che, nel bene e nel male, risulta unica al mondo. Antimo Pappadia ci descrive con la leggerezza di un abile narratore, ma con la scrupolosità di un navigato saggista quella Napoli di cui tutti ne parlano ma che solo pochi conoscono realmente. Ci troviamo di fronte ad una lettura sobria, con cui l’autore, penetra l’animo del popolo napoletano riuscendo a descriverlo  con una acutezza più unica che rara.

    Il libro è intriso di episodi tragicomici, di situazioni divertenti che rendono maggiormente gradevole questo libro. Nonostante ciò, l’autore non perde mai di vista la condizione psico-sociologica oggettiva e, anche senza nascondere il profondo amore che lo lega alla sua città natìa, riesce sempre ad avere la giusta distanza che un narratore deve sempre avere.

    Le storie raccontate, come asserisce lo stesso Antimo Pappadia, anche se sono state un po’ arricchite di particolari fantasiosi, sono sempre tratte da vicende veramente accadute. Stando a tale affermazione  mi viene in mente una famosa frase di  Ernest Hemingway che poi è la stessa citazione con cui l’autore comincia la sua opera: "I bei libri si distinguono perché sono più veri di quanto sarebbero se fossero storie vere".

    [... continua]

  • Il romanzo si presenta come una sorta di diario scritto da una donna insoddisfatta del proprio matrimonio; una persona che, dopo aver preso consapevolezza della propria infelicità, mette a nudo tutte le fragilità ed i timori tipicamente femminili. Il componimento narrativo, attraverso le esperienze della protagonista, rivela al lettore quel senso di disagio che un gran numero di coppie vive in questo peculiare momento storico, caratterizzato soprattutto dalla perdita dei valori. Pertanto non si può fare a meno di apprezzare il coraggio della protagonista e lo sforzo che lei compie nel rimettersi in gioco, una decisione maturata soltanto dopo aver compiuto un percorso di crescita personale e dolorosa introspezione. Sia Elena, sia le persone che la circondano, soffrono comunque di un male comune e apparentemente inguaribile: la mancanza di comunicazione.
    Tale concetto viene ben rappresentato attraverso la figura dell’amante, il quale seppur inizialmente risveglia il piacere erotico della protagonista (da tempo assopito) non riesce a far “decollare” il rapporto lasciandolo così invischiato in un terreno emozionale sterile e privo di empatia.  Elena si ritrova così a dover gestire due relazioni vuote e senza prospettive. Un problema oggi piuttosto diffuso tra molte persone. Una condizione che spinge molte donne a ricercare un nuovo amore solo nella speranza di trovare un supporto psicologico, una sorta farmaco utile a sedare le preoccupazioni e le ansie che la vita quotidiana apporta inevitabilmente.
    L’autore avrebbe potuto prestare più attenzione alla crescita personale della protagonista, invece di lasciarla in balia delle situazioni. Elena, a volte, sembra un personaggio di un romanzo ambientato in tempi passati, quando la donna, obbligata da una società maschilista e sciovinista a vivere passivamente le situazioni di vita comune, era costretta ad accettare (suo malgrado) la vita che le si presentava, oppure - condizione ancora peggiore - a sottostare a ciò che le veniva imposto. Probabilmente, se Fabio Volo avesse avuto quell’animo sensibile (tipicamente femminile) di cui la critica gli fa omaggio, avrebbe raccontato la storia in un modo diverso.

    [... continua]