username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Linda Landi

in archivio dal 09 gen 2013

27 maggio 1965, Battipaglia (SA) - Italia

04 marzo 2015 alle ore 11:03

Saper vivere

Intro: Il mio amico Franco mi consiglia di guardare in alto.
​Invece di continuare a guardare in alto e non dimenticare qual è la meta finale, mi sono lasciata invischiare in una melma di bassezze e meschinità.
​“Attenti, il diavolo è in agguato” dice un simpatico personaggio, accorto padre di famiglia in una telenovela colombiana.

Il racconto

“Deve uscire?” chiedo al sig. Furio Aristide Landri che sembrava voler sostare l’auto all’inizio della rampa del garage, ostacolandomi nella solita manovra che facevo per uscire.
“Tu devi imparare a guidare, come devi imparare a vivere” risponde il gentiluomo, risalendo in auto e spostandola, permettendomi così di recarmi al lavoro.
Però il sig. Furio Aristide Landri aveva ragione.
Io non so vivere.
Come Salemme in “Cose da Pazzi” si dichara invalido a vivere in un mondo dove è finito l’ideale (badate bene: l’ideale, non la dura realtà) del comunismo e l’unico modo di vivere è la sopraffazione dell’altro, io non so vivere in un mondo di lestofanti, furfanti, ladri ed assassini.
E, lo ammetto, non so neanche guidare. O meglio, non ho la pazienza di fare manovre e per me il parcheggio ideale è sempre quello a spina di pesce.
Peccato però che il sig. Furio Aristide Landri abbia aspettato che io avessi 47 anni per dirmelo.
Il sig. Furio Aristide Landri è germano di mio padre e credo sarebbe stato suo dovere di zio aiutarmi a crescere e migliorare per tempo. Magari senza danneggiarmi.
Comunque ritengo che quando diventai vicina di casa del sig. Furio Aristide Landri, un po’ sapevo ancora comportarmi. O forse no, perchè ho permesso ad un sopruso di diventare un diritto.
Così quando il sig. Furio Aristide Landri sosteneva con vigore che per pitturare due rampe di scale ci volevano 16 milioni (di lire) e l’ingegnere, mentre un altro vicino conosceva uno che avrebbe fatto il lavoro per un milione e mezzo, non profferii verbo. (Poi m’informai ed una ditta che avrebbe rilasciato regolare fattura allora chiedeva 3 milioni. Per la cronaca poi le scale furono pitturate 4 anni più tardi per 3000 euro sotto il controllo di mio marito.)
Così non profferii verbo quando il sig. Furio Aristide Landri spiegò a mio beneficio che fino ad allora la rata condominiale era uguale per tutti e pari a 80000 lire. Con il passaggio all’euro il sig. Furio Aristide Landri proponeva di passare la quota a 50 euro. Intervenne il condomino che fungeva da amministratore: aveva calcolato che con 80000 lire al mese a fine anno rimaneva circa un milione, quindi 40 euro al mese dovevano bastare. Tutti assentirono, ma io, neo-arrivata, non dissi niente.
Ancora non profferii verbo quando il sig. Furio Aristide Landri, ancora a mio beneficio, spiegò che la quota era uguale per tutti per comodità, ma a fine anno si faceva il conguaglio, dicendo ad uno ed all’altro quanto dovevano avere. Intervenne la moglie del vicino di prima, dicendo a mezza voce e con ironia: “Qui mi si dice sempre che devo avere, ma io non vedo mai niente”.
Così non dissi niente quando il sig. Furio Aristide Landri c’informò che c'erano problemi d’infiltrazione d’acqua dal terrazzo e ci presentò un preventivo scritto con una Olivetti, molto comune negli anni '70 e '80, simile a quella che possedeva lui stesso.
Senza profferire verbo, pagai le prime mie due rate di 200 euro e quando il vicino facente funzione di amministratore c’informò che la ditta aveva presentato la fattura (che non ho mai visto) pagai la mia ultima rata, senza sapere quando la ditta fosse venuta e cosa avesse fatto.
Però quando tre mesi dopo chi abitava sotto il terrazzo si lamentò di nuovo d’infiltrazioni, mi permisi di chiedere: “Scusate, ma la ditta che ha fatto? Che garanzie ha lasciato?”. Non ebbi risposta e per quell’anno non ne sentii più parlare.
Comunque ammetto che due anni dopo, quando il sig. Furio Aristide Landri cominciò a disturbare con i suoi conticini mio marito che si era preso l’onere della gestione del condominio, commisi l’errore di iniziare ad innervorsirmi.
C’erano problemi di salute in famiglia e mio marito ed io avevamo i nostri impegni. Uscivo di casa alle 7 per essere al lavoro alle 8, uscirne alle 14 per correre a Napoli dove frequentavo un corso universitario per rientrare in casa alle 20 ed il giorno dopo ricominciare.
Poi mio marito cominciò anche lui a frequentare l’università a Napoli, così la sua vita divenne: mattina a scuola, correre a Salerno per accompagnare la madre bloccata dall’artrite in un centro di fisioterapia e scappare ai corsi a Napoli, rientrare, recuperare la madre e finalmente tornare a casa. Per ricominciare il giorno dopo.
In tutto questo il sig. Furio Aristide Landri, pensionato dagli anni ’90 quando era sui 50 anni, ritenne bene di darci una mano iniziando a contestare i conti di mio marito, sempre dopo che l’assemblea all’unanimità, lui compreso, li avesse approvati. E così vedevo mio marito, cortese come sempre, fare le nottate anche per controllare i conti del sig. Furio Aristide Landri.
Il sig. Furio Aristide Landri ritenne bene anche di disturbare mio padre per protestare che mio marito aveva ricordato ai vicini di pagare le loro rate mensili, rate che tra l’altro mio marito aveva anche diminuito rispetto alla precedente amministrazione.
O di disturbare mio padre chiedendogli la sua opinione sui suoi conticini. Il risultato fu che, quando il sig. Furio Aristide Landri ricevette l’opinione di mio padre, mio padre mi telefonò agitato e preoccupato per la mia incolumità ingiungendomi di chiudermi in casa.
Una vicina fatta accomodare nel soggiorno di casa mia, se ne uscì, senza provocazione alcuna: “Se le cose continuano così, qualsiasi cosa ci sia qui sopra [il tavolo, n.d.r.] la prendo e la butto per terra!”. 
Lo ammetto, cominciai a non sapermi più comportare. Nell’ultima riunione tenuta in casa mia, non seppi trattenermi dal mostrare ai signori che erano ospiti poco graditi.
Ed i signori se la sono presa a male.
Quando una vicina si prese l’onere della gestione del condominio (diventando il braccio esecutivo del sig. Furio Aristide Landri), ritenni che potevo agire come loro avevano agito con mio marito.
E così, dimenticandomi che per la mia mentalità se qualcuno, magari un miliardario pezzente (prendo in prestito l’espressione dal romanzo “Non avevo capito niente” di Diego Da Silva), è felice nel derubarmi è un problema suo, non mio, smetto di saper vivere e commetto una grande corbelleria ed ingenuità: quando mi comunicano che hanno eseguito gli ennesimi lavori al terrazzo, chiedo di vedere la fattura.
E chi sa vivere [se vasano, s’abbracciano e se magnano a’ città, qualcuno di voi ne sa niente?] si scatena.
Mai dare l’impressione ad un cane, e soprattutto ad un cane idrofobo, di volergli levare l’osso.
a) Ricevo un decreto ingiuntivo per 240 euro, basato su:

Bollettino di ricevuta compilato dalla vicina amministratore;
Verbale di assemblea successivo ai detti lavori;
Riparto spese compilato da mio marito 2 anni prima per lavori eseguiti a quell’epoca.

Pago e tre mesi dopo trovo un foglio dell’ufficiale giudiziario che mi avverte che sfonderà la mia porta di casa se la prossima volta non mi trova. Cos’era accaduto? Avevo pagato con vaglia quanto gentilmente richiesto alla gentile vicina amministratore. E la gentile vicina aveva creduto bene di trattenere l’intera somma senza informare il proprio avvocato.

b) Tutti i vicini (siamo 5 in tutto) sposano l’abitudine del sig. Furio Aristide Landri di rivedere i bilanci dopo che li hanno approvati e mi sottraggono 139,90 euro di credito che mi spettavano a conguaglio, ripristinando l’abitudine rivelata dalla vicina anni prima: “Qui mi si dice sempre che devo avere, ma io non vedo mai niente”;

c) Il sig. Furio Aristide Landri, nella sua abitudine di rivedere i conti da lui stessi approvati, cita mio marito perchè vuole qualcosa sui 58 euro. Noi vorremmo non farci coinvolgere da bassezze e meschinità, ma chiamato in causa, mio marito deve mettere l’avvocato e così entriamo nel sistema giudiziario che, per quanto visto finora, non fa altro che alimentare se stesso;

d) Il sig. Furio Aristide Landri invia a mio padre ed altri parenti un foglio e lettera in cui s’insinua che mio marito abbia gestito 80000 euro senza averne mai dato conto;

e) Un vicino mi dice:”Signora state attenta. Siete sul filo del rasoio”. L’avvocato di mio marito gli scrive una lettera dicendo che certi atteggiamenti ed espressioni non sono accettati.Risultato: un pomeriggio di agosto, quando il mio unico pensiero era di andare a mare dopo il lavoro, trovo la mia auto sporcata da una secchiata di acqua e fango. Mentre siamo intenti a pulirla, mio marito ed io veniamo aggrediti;

f) Il sig. Furio Aristide Landri ci ripensa ancora e fa citare mio marito perchè vuole 461 euro, dimenticandosi che come consuetudine non pagava le rate condominiali e che mio marito accettava, per quieto vivere, di compensargliele per spese effettuate.
La signora che funge da amministratore, a nome del condominio (e quando glielo hanno chiesto?), nella stessa citazione vuole indietro da mio marito circa 1400 euro che in parte erano la spettanza di mio marito quale amministratore per aver gestito lavori straordinari per l’importo di 80000 euro ed in parte l’ultima quota che mio marito ha già versato al commercialista che ha gestito le pratiche;

g) arriva un amministratore professionista, conoscente di mio zio Giulio e di mio cugino Poldo. Per un po’ ricevo lettere con richieste che sembrano fotocopie delle richieste del sig. Furio Aristide Landri, tipo documenti che provino la proprietà del mio box nello scantinato (c'è ne uno per ogni appartamento);

h) poi, guarda caso, ci sono ancora problemi d’infiltrazione dal terrazzo (e quando mi hanno chiesto così gentilmente 240 euro che hanno fatto?). Invece di farmi avere la relazione di un tecnico che comprovi lo stato dei luoghi e le soluzioni tecniche, ricevo la richiesta di versare 200 euro al mese in un fondo cassa in attesa che si stabilisca cosa fare e quando farlo;

i) l’amministratore professionista dà le dimissioni. Ai primi di giugno del 2011 mi ritrovo nella stazione dei carabinieri con l’ing.Ferruccio Soldini ed un’altra vicina: il sig. Furio Aristide Landri ha citato l’amministratore professionista e siamo chiamati come testimoni. Entra prima l’ing.Soldini. Rimango nella sala d’attesa, seduta su una sedia appoggiata alla parete. La vicina si pone di fronte a me e comincia a dirmi che i soldi sul conto corrente condominiale (nel quale solo io avevo versato le mie quote mensili) sono i suoi. La seguo appena, poi ad un certo punto apro gli occhi: mi rendo conto di essere stata per non so quanto tempo con la testa reclinata all’indietro, gli occhi chiusi, a respirare con la bocca e con la mano destra sul cuore. Mi guardo intorno: la vicina non è più di fronte a me, ma seduta su un divanetto più in la, all’apparenza intenta a sfogliare una rivista, in realtà a guardarmi di sott’occhi a seguire speranzosa l’evoluzione del mio malore. Mi alzo ed esco dalla stanza. Con notevole ritardo rassicuro la vicina che con tanta solerzia mi ha soccorso o chiamato soccorso: pare che il mio malore sia stato dovuto a ernia iatale.

Ed il terrazzo?
Quando i signori mi hanno così gentilmente estorto 240 euro, nessuna ditta era venuta a levare i fogli di asfalto danneggiati e rimpiazzarli con nuovi. Qualcuno, non so chi, ha semplicemente spalmato un po’ di bitume sul terrazzo.
Solo 5 anni dopo, a fine 2013, dopo che l'ultimo amministratore professionista ha dato le dimissioni, è venuta una ditta che ha levato i fogli di asfalto eventualmente danneggiati e li ha sostituiti con nuovi. L’ho saputo perchè ho sentito il rumore del cannello della fiamma ossidrica che saldava i nuovi fogli, ho visto le bombole di gas in cortile ed i fogli rimossi stazionare in cortile per lungo tempo, oltre che le macchie nere lasciate vicino alle pareti delle scale nel trasportare gli stessi fogli.

E la situazione contabile?
Dal 2009 si è ripristinata la situazione esistente prima che mio marito si assumesse l’onere di fare l’amministratore: nessuna trasparenza, a parte il fatto che io sono l’unica ad aver versato dal 2008 al 2012 tutte le proprie quote sul conto corrente condominiale. E gli altri? mistero assoluto. Conto condominiale che i nuovi amministratori non hanno praticamente toccato perchè inspiegabilmente non riuscivano a farsi passare la titolarità dal precedente amministratore. . 

A fine 2013 l’ultimo amministratore professionista ha gettato la spugna ed ha dato le dimissioni.
Così il grande condominio è tornato pienamente nelle mani del sig. Furio Aristide Landri e dei suoi amici. 

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento