username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Luisa Mazzarini

in archivio dal 27 lug 2015

Umbertide - Italia

segni particolari:
Ho pubblicato sette raccolte poetiche (2010-2017). La nuova silloge: "Mare mosso, l'imaginoso"  Ed. EEE-book Torino Aprile 2017.

mi descrivo così:
Ampia cultura classica, ho svolto attività  di docenza e di scrittura.

27 luglio 2015 alle ore 17:08

Le mie parole d'acqua

di Maria Luisa Mazzarini

editore: Edizioni DivinaFollia

pagine: 96

prezzo: 12.00 €

Acquista `Le mie parole d'acqua`!Acquista!

"Le parole sono spade, possono uccidere" diceva Hegel. O pietre, come Carlo Levi riporta nel titolo di uno dei suoi libri. L’importanza che gli diamo è sicuramente la base per la costruzione di rapporti e l’incontro per nuovi propositi. E questo libro è un percorso che diventa acqua, fonte vitale e primordiale, che trasporta messaggi evocativi e pregnanti immagini e significati. Così il poeta diventa autore e fautore, liberamente bagnato d’amore e della forza coraggiosa di creare e promuovere infinite vie.
Per giungere a questa consapevolezza, il verbo scorre e si culla, trovando nella giovinezza la luce e la freschezza mai spenta  e utile, quando l’ansia e la notte possono spaventare. 
Imparare a immergersi nella natura, che consiglia e canta “poesia in mezzo al mare” è il mezzo necessario per poi lasciarsi andare, e perdersi nell’ “abissale incanto di perla”, abbracciando la vita, in tutte le sue note e segnando la nostra personale scia.
La Mazzarini offre emozioni allegoriche, intrise di sogni ed emozioni e poiché vissute, sanno donare carezze e mistero. 
“In alchimie di respiri/ e fiori/ e versi d’acqua/ di rose”, chiaro monito di quanto ognuno di noi, con sentimento può produrre, accendendo fiamme o contemplando il silenzio, “alle sue acque divine/ la Bellezza ci invita/ al viaggio”.
Un richiamo al Tevere, “con passi di bambina/ innocente come sposa”, si lega passato, presente e futuro, e la meravigliosa evocazione dell’acqua in tutte le sue forme, mare, pioggia, lago, ruscello, fiume, gocciole, pozzo, vasca, idromassaggio, cascata, onda, zampillo, incanta e accompagna nelle quotidiane resurrezioni dello spirito. 
“Ti amerò/ come d’acqua di fonte/ il canto”, e forse in questo richiamo, non ci resta che tuffarci e cogliere al volo il messaggio.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento