username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Silvia Nelli

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Silvia Nelli

  • 18 novembre 2016 alle ore 19:16

    Ma no, non è vero che chi diventa più diffidente, rigido e si chiude un poco non ha più sogni. Io ho smesso di fidarmi di tutti, mi sono dedicata a me stessa e a quei pochi che amo, ma di sogni ne ho ancora. Forse non li manifesto più apertamente come prima, non li confido più con la mia voce, ma quella luce che ho negli occhi parla chiaro. E forse è meglio così perché quella luce solo chi ci tiene a me, mi ama e vuole proteggermi può notarla e capire cosa sogno... Al resto del mondo è un bene che non arrivi. I sogni sono difficili da realizzare perché sono poche le persone che ti darebbero una mano per raggiungerli e troppe quelle che si dannerebbero per distruggerteli.

  • 17 novembre 2016 alle ore 20:38

    La verità è che nella vita di persone ne ho rincorse troppe. Ho rincorso se sbagliavo, ho rincorso perché l'orgoglio quando vuoi bene deve essere abbassato e ho rincorso anche quando avevo ragione per non perdere coloro a cui tenevo. La verità non è che io ho il fiatone e non ce la faccio più a correre... La verità è che io non ho più voglia di rincorrere. Dopo tanto dannarmi ho capito che le persone che restano insieme e vicine ci restano perché è un tenersi strette reciproco. Non si rincorrono, ma si tengono strette per correre assieme. E se uno dei due perde il passo l'altro rallenta per adeguarsi... Rispetta i suoi tempi per riprendere successivamente insieme la corsa. Ma durante questo processo quella "Stretta" resta ben salda sempre e comunque ed è proprio questo a fare la differenza.

  • 17 novembre 2016 alle ore 15:49

    Non ho bisogno di avere "Assi nella manica" da sfoderare per difendermi, io ho le tasche piene di verità. Quando si prova ad infangare qualcuno si fa solo per codardia, cattiveria e senso di inferiorità. Io non sento la necessità di farlo semplicemente perché vivo come penso, penso ciò che dico e di solito alle parole... Le azioni arrivano di conseguenza. Se inventate scuse, tessete trame, create false motivazioni alle vostre mosse aspettatevi risposte adeguate. Io non crollo sotto i vostri colpi... Ma il giorno che scelgo di sferrare il mio, capirete quanto una sola verità pesi molto di più di milioni di bugie.

  • 16 novembre 2016 alle ore 22:23

    Noi persone vere siamo stanche! Siamo stanche di vedere "Uomini" tornare a casa dalle loro famiglie illusorie, fare i bravi mariti lavati, cucinati, stirati e poi fuori vivono 500 vite parallele ed è più difficile trovare qualcuna che non si siano "Fatti" di qualcuna ancora da farsi. Siamo stanche di vedere "Donne" offrirsi senza problemi, sentirle poi giudicare l'universo femminile quando qualcuna si avvicina al loro bamboccio di turno. Siamo stanche di questo basso livello di valori e sentimenti. Siamo stanche, ma tanto fiere del fatto che anche se sole, messe un po nel buio, ferite e deluse non abbiamo perso mai di vista che il valore della dignità è qualcosa che non va toccato né svenduto a basso costo.

  • 15 novembre 2016 alle ore 22:17

    Beh si... Ogni tanto ti penso ancora e forse a te penserò sempre. Le cose importanti non si cancellano mai completamente al massimo le lasci andare. Sì, passi ancora per i miei pensieri e nonostante il tempo, nonostante il silenzio e la delusione il cuore ancora ti ascolta, ti sente e ti ama. E' si... Ogni tanto sei ancora quel "Qualcuno" che un qualcuno qualunque non è mai stato. Sei ancora quel qualcuno che dietro difetti e menzogne resta "Unico". E' si, continui a divorarmi a tratti e a momenti, ma ora so difendermi perché quando mi passi nella mente il cuore non solo sente il "Bello" che gli hai negato, ma riassapora anche il "Male" che gli hai donato. Si, ogni tanto ti penso ancora...

  • 15 novembre 2016 alle ore 21:51

    Ho ascoltato persone fare prediche di ore sui comportamenti altrui per poi cadere ben più in basso di chi hanno giudicato. Resta difficile accettare che qualcuno possa pensarla diversamente da noi. e che il suo modo di agire, di rapportarsi con il mondo possa avere modi e tempi diversi dai nostri. Facile giudicarli "Sbagliati", "Deboli", "Fragili" e "Senza palle" ... Del resto "Capire" costa di più esattamente come parlare riesce meglio che ascoltare. Scendete dal quel finto "Trono" di RE del Mondo che vi siete ideologicamente costruiti e ricordate che il "Giusto" sta in ciò che ognuno di noi SENTE di essere e non in ciò che VOI vorreste che fosse o diventasse.

  • 13 novembre 2016 alle ore 20:17

    Le più grandi soddisfazioni arriveranno quando non ti aspetti più niente. Quando avrai riposto la tua rabbia in un vecchio cassetto in fondo a te stesso. Quando la voglia di vendetta muore lasciando spazio alla voglia di fregarsene; perché ciò che hai subito non cambierà. Le più grandi soddisfazioni arrivano quando con il passare del tempo ti accorgi e scopri che chi voleva farti cadere agli occhi del mondo sta chiuso in un angolo bloccato dalle bugie e dalle cattiverie da lui stesso partorito. Sappi anche che resterai stupito nel capire che in quel momento non godrai del suo dolore, ma sarai anche sorpreso nel vedere che con indifferenza lo lascerai raccogliere i frutti che ha seminato per continuare a vivere la tua vita complice di quei valori in cui hai sempre creduto.

  • 12 novembre 2016 alle ore 21:12

    Sono un po confusa... Ho sempre pensato che quando si è persone oneste, vere e concrete non si ha poi così tanto bisogno di ostentarlo con mille trame e piani studiati a tavolino. In fondo chi lo è lo dimostra con piccoli fatti e comportamenti quotidiani senza cadere nel ridicolo. Forse mi sbagliavo però: Vedo persone creare profili e fare intere conversazioni da sola per dimostrare onestà, amore e devozione agli occhi del mondo. Vedo persone piene di convinzione fare macelli assurdi e se contestati minimamente cadere nel ridicolo per giustificarsi. Vedo persone che parlano di parole e fatti che devono andare di pari passo, ma poi non so come mai le loro parole le trovo ovunque... Ma i fatti devono essersi persi lungo la strada. Si... SONO DECISAMENTE CONFUSA.

  • 11 novembre 2016 alle ore 20:40

    Quante cose cambiano attorno a noi e quanto cambiamo noi di conseguenza ad esse. Mi guardo allo specchio con facilità, ma anche guardarmi dentro non mi fa più paura. In discussione mi sono messa molte volte, ma solo per me stessa... Per migliorarmi, capirmi e smetterla di colpevolizzarmi o di distruggermi inutilmente. Si, sono diversa e molto. Vivo ormai come se avessi alzato quattro mura attorno a me... All'interno di esse ci sono le persone e le cose che contano: i miei pilastri, la mia vita, gli affetti veri e tutto ciò che va tutelato e protetto. Fuori da esse c'è il resto. C'è quella parte di mondo in cui mi sono imbattuta, quelle persone che non mi sono piaciute, ciò che ho scelto di non far continuare e tutto ciò che arriva da "Quel fuori" un tempo mi sbatteva contro e mi feriva... Oggi sbatte contro quelle quattro mura e mi scivola addosso. Niente di ciò che non fa parte della mia vita mi tocca più. Parole, gesti, fatti, modi o qualsiasi altra cosa mi venga rivolta se non mi rispecchia non mi sfiora. A me sfiora, tocca e colpisce solo ciò che arriva da chi amo. Tutto il resto è fiato e tempo sprecato di chi non ha altro da fare o a cui pensare. Io ho scelto di pensare a me e mentre continuano a scivolarmi addosso i mille "Bla bla bla" io proseguo per la mia strada dritta e sicura. Del resto che non si può piacere a tutti è verissimo... Perché prendermela in fondo nemmeno a me piacciono tutti... Anzi, ad essere sincera sono proprio pochi quelli che mi piacciono. 

  • 07 novembre 2016 alle ore 21:31

    Ho dei pilastri ben saldi nella mia vita, tutto il resto è contorno.
    "AMICI" veri, vali e onesti ne ho e quelli che non meritano tornano da dove sono venuti e senza troppe storie e preamboli. Essere "Persone vere" non è solo essere se stessi... Per esserlo di base dobbiamo essere coerenti, sinceri, corretti ed onesti! Altrimenti il "Vero" diventa color merda!

  • 06 novembre 2016 alle ore 17:06

    Ho usato mille volte le mie dita per scriverti nei tuoi momenti di sconforto. Le ho usate per comporre il tuo numero quando avevi bisogno. Le ho usate per farti una carezza quando stavi male. Le ho usate per stringere le tue per non lasciarti cadere. Oggi voglio usarne uno soltanto per darti il mio saluto... L'ultimo! Il medio dovrebbe bastare! 

  • 06 novembre 2016 alle ore 16:27

    Gli egoisti pensano sempre che ciò che "Tocca" gli altri non siano cose importanti, per loro è importante solo ciò che conviene e preme a loro stessi. Per gli ipocriti il rispetto va preteso, ma non è molto importante concederlo. Per i falsi essere persone di "Parola" è superfluo, per loro le parole vanno solo a convenienza. Io invece per queste persone non ho più tempo, per me il mio tempo vale, la mia parola vale e prima di agire penso e mi assumo piena responsabilità delle mie azioni e non invento scuse! Arrampicarsi sugli specchi prima o poi fa scivolare con il culo per terra e per me sarà un piacere salutarvi dall'alto!

  • 05 novembre 2016 alle ore 19:30

    Quando ascolto "Bugie" ho come un fastidioso prurito addosso. Un fastidio che poi cammina frettolosamente insinuandosi dentro ogni poro della pelle. Prosegue il suo percorso dritto e certo verso le mie vene ed entra in circolo... E quando arriva al cuore lo fa pompare di un battito ben scandito che prende il nome di "Mavatteneafanculo"!

  • 04 novembre 2016 alle ore 19:53

    Arriva un momento nella vita in cui assumersi le proprie responsabilità non è qualcosa che dovresti fare, ma qualcosa che viene naturale. Qualcosa che è già "Consapevolezza" nel momento in cui fai una scelta o una determinata azione. Arriva un momento nella vita in cui non c'è più qualcosa da vincere o da perdere, perché niente ha più la forma di un "Gioco", se non i bei momenti di spensieratezza trascorsi con chi senti affine. Arriva un momento nella vita che devi fare un bilancio di ciò che sei "Diventata/o", di ciò che hai imparato e valutare se con la tua coscienza puoi combattere ad armi pari.

  • 03 novembre 2016 alle ore 11:42

    Ti ho guardato bene, da mille angolature diverse. Ho osservato e tenuto presente che era con la ragione che dovevo guardarti e non con il cuore. Malgrado il percorso sia stato lungo e non facile perché il cuore aveva il maledetto vizio di soccombere la ragione... Poco a poco sei affiorato alla luce per ciò che veramente sei. Averti "Idealizzato" dentro me non è servito a non fare i conti con la verità. La cosa che più mi rammarica non è il tempo che ti ho dato, ma il vedere come in te ci sia un mondo bellissimo che tu stesso riesci a distruggere con quei tuoi lati "Oscuri" che farebbero schifo anche ai "Peggiori".

  • 30 ottobre 2016 alle ore 21:24

    Si, anch'io conosco il suono di un cuore che si spezza, che va in frantumi e alza quella maledetta polvere che sa di fallimento, che ti impedisce di vedere ancora la strada. Assieme a lui conosco quanto sia alto il prezzo che comporta ricostruirlo, lasciare che il tempo passi, che il vento porti via quella polvere e che la pioggia lavi bene le ferite. Però proprio grazie a tutto questo conosco quel meraviglioso "Tremolio" che senti dentro allo stomaco quando torni poco a poco a vivere. Quando sia che ci sia la pioggia, sia che ci sia il sole il tuo sorriso si riaccende... E' si, conosco il sapore della distruzione di un sogno e quello della rinascita della persona che torna a credere.

  • 30 ottobre 2016 alle ore 16:21

    Non ho molte pretese. Divento diversa, cambio e mi allontano quando vedo qualcosa che non mi piace. Quando noto che sotto al bianco in realtà si nasconde un grigio poco naturale. Quando mi si nega l'evidenza. Mi arrabbio in modo molto sentito quando capisco che "Le parole" hanno preso giri larghi, ambigui e sono arrivate anche a chi non dovevano arrivare e in posti che per rispetto a me non avrebbero dovuto giungere! Le persone come me diventano pericolose quando la fiducia concessa non viene rispettata.

  • 28 ottobre 2016 alle ore 13:33

    Vorrei vedere coerenza nei cammini delle persone, ma attorno a me vedo tante pretese, tanti giudizi e poca chiarezza. Subdola è la persona che sta un po su una sponda e un po sull'altra. Meschina è la persona che trama alle spalle facendo solo i suoi interessi. Soprattutto "Marcia dentro" è quella persona che punta il dito sugli errori altrui quando poi sotto, tra le mura più nascoste del suo essere compie fati ben peggiori.

  • 27 ottobre 2016 alle ore 15:21

    La vita segna. Amati così come sei, con i segni che il cammino lascia affiorare. Ama quelle piccole rughe che si sono formate ai lati dei tuoi occhi. Esse sono solo il segno che sei cresciuta, diventata Donna e maturata. Ama le tue occhiaie, anche quando sono eccessive. Esse sono la prova che nella vita nulla è semplice, facile e leggero. Amati così come sei, perché non c'è cosa più bella di una donna che ha la consapevolezza nel cuore, le difficoltà della vita sul volto e negli occhi la luce di averle superate.

  • 20 ottobre 2016 alle ore 21:52

    Non capisco e non amo stare vicino a quelle persone che si piangono continuamente addosso. Per un amore finito, per una delusione ricevuta, per un appuntamento saltato ecc... La dignità, l'amore per se stessi non deve mai essere eccessivo da farci diventare narcisi o pieni di sé, ma nemmeno di un livello talmente basso da umiliarsi continuamente piangendo dietro a chi non ci vuole più. Amare va bene, distruggersi no. Dimostrare è una cosa perdere la dignità un'altra.

  • 19 ottobre 2016 alle ore 21:56

    Non portatemi mai al limite... Quando l'oltrepasso smetto di parlare e quando vado nel silenzio non è la "Fine" mia, ma "L'inizio" della fine vostra. Mentre il mio silenzio vi farà smettere di infierire credendo di aver vinto... In realtà avrò solo cominciato a restituirvi i favori.

  • 19 ottobre 2016 alle ore 21:33

    Non riesco più a fidarmi delle persone con quella serenità che un tempo faceva parte di me. Dare fiducia a qualcuno è un po come riporre la propria vita nelle mani di un'altra persona. E' dire: "Mi fido, abbi cura di ciò che ti dono"! Purtroppo troppe persone non capiscono il valore di ciò che viene loro concesso, permettendosi anche di fare gli offesi quando decidi di riprenderti tutto.

  • 18 ottobre 2016 alle ore 4:30

    Spiegami che cosa avevi tu di così eclatante da farmi innamorare di te. Spiegami... Spiegami come è possibile che una Donna come me che schifa e odia le bugie possa essersi innamorata tanto di qualcuno che ci vive dentro quotidianamente. Di qualcuno a cui non bastano quelle in cui vive, ma ne inventa ogni giorno di nuove, creando storie e situazioni scaturite solo dalla sua più malata fantasia. Spiegami come sia possibile che una Persona come me fatta di valori, principi e concetti sani abbia potuto innamorarsi così tanto di un puttaniere di basso livello, che vede la donna solo come una macchina da sesso da usare e poi gettare... Dovresti spiegarmi troppe cose, ma per dare una sana e valida spiegazione a certi atteggiamenti e modi di vivere dobbiamo essere persone fin troppo vere, intelligenti e soprattutto serve avere le "Palle"... Tante palle! Ho provato a spiegarmelo io; e io sono una persona fin troppo intelligente e vera... E purtroppo sono anche una di quelle donne che le Palle le ha e da vendere. Perché come dice mio padre: "Non troverai mai nessuno, hai troppo carattere e personalità! L'uomo si sente inferiore"! Ma questo non è un problema mio... Sai, tu non avevi bisogno di sentirti inferiore, lo eri... E lo eri così tanto che nemmeno immagini. Mentre mi trascinavi dentro a giorni fatti di falsità io mi staccavo sempre più da ciò che ero e da ciò che di me amavo di più. Mi sono innamorata di te perché i più grandi attori non recitano copioni su un palcoscenico, oppure di fronte ad una telecamera... Ma lo fanno per strada, nella loro quotidianità, giorno dopo giorno... Ed ogni giorno crescendo e mietendo vittime diventano sempre più bravi e impeccabili. Mi sono innamorata di te perchè sei un essere vuoto che riempie li spazi che trova con ciò che occorre al momento. Mi sono innamorata di te perchè ho scambiato la tua pochezza per misteriosità. Mi sono innamorata di te, perché hai saputo giocare bene! Oggi, andrebbe a me di giocare, per farti capire cosa si prova, cosa si è costretti ad affrontare dopo e soprattutto cosa lascia dentro essere il "Gioco" di qualcuno in cui hai creduto. Purtroppo, la verità è che tu non sei "Buono" nemmeno come giocattolo! La verità è che io mi sporcherei le mani, l'anima e perderei il valore che ho anche solo usandolo come giocattolo uno "Come te"! Una persona che tu detestavi tanto mi ha sempre detto: "Uno come quello non è degno neanche di guardare la tua fotografia"! E ora so perchè lo detestavi... Perchè diceva la verità! Spiegami, cosa hai guadagnato da tutto questo... Vorrei sapere cosa TU ci hai guadagnato, tanto per avere un'idea ben chiara. Intanto... Mentre aspetto, ti spiego cosa ci ho guadagnato io: Ho guadagnato l'ennesimo dolore, l'ennesima delusione, e l'ennesima dimostrazione di quanto essere UOMINI non appartiene a tutti! Ci ho guadagnato lacrime, notti in bianco, vuoto e perdita di autostima. Ci ho guadagnato giorni sprecati, notti insonne, ore tolte a me e sorrisi sottratti a mio figlio. E detto così sembrerebbe che ci ho solo perso, ma non è esattamente così... Perchè tutto ciò descritto sopra mi ha fatto guadagnare una stima ancora più grande nel vedere quanto anche persa nel mio dolore io fossi migliore di TE! Mi ha fatto guadagnare ancora forza, quella forza che ho costruito poco a poco nella vita, una forza che ogni volta penso di non avere, ma puntualmente spunta più tenace e più grande di prima. Ci ho guadagnato fierezza per la donna che sono, perchè quando capisci che non TUTTI possono permettersi una donna come te ne vai fiera. Ci ho guadagnato in orgoglio, quando mi sono accorta che mentre cercavi di ferirmi in realtà se io solo avessi voluto avrei potuto distruggerti perché in mano avevo tutte le carte per farlo! Ci ho guadagnato di nuovo il mio sorriso quando ho concretizzato che "PERDERE" era camminare a fianco di uno come te... Mentre voltarti le spalle era VINCERE! Sai!? Io quando ho perso TE mi sono persa completamente, pensando che MAI più avrei potuto trovare qualcosa di così bello, grande ed importante e mi sono sentita sconfitta! Oggi so, che in realtà io non sono stata sconfitta, perché alla fine di questo cammino io sono ancora in piedi e più ricca e migliore di prima... E se questo è avvenuto è perchè in verità SONO IO CHE HO SCONFITTO TE!
    Ti ho tatuato sulla mia pelle per dare un significato a quello che credevo fosse stato l'amore più grande della mia vita... Oggi guardo quel tatuaggio per ricordarmi che non c'è e non deve mai esserci amore più grande di quello per me stessa. GRAZIE PER AVERMELO RICORDATO.
    -- THE END --

  • 15 ottobre 2016 alle ore 23:52

    Fatevene una ragione:
    - Se state male non frega a nessuno, figuriamoci a chi vi ha ferito!
    - Racconteranno l'inverosimile su di voi, per apparire migliori.
    - Dimenticheranno il bene, l'amore e i perdoni ricevuti.
    - Non penseranno alle volte che sono stati scusati senza mai nemmeno chiedere "Scusa".
    - Che viviate o moriate a queste persone non importerà niente... 
    Quindi datemi retta... Date loro il valore che hanno, cioè: "ZERO" e lasciateli annegare pian piano in quel brodo di convinzione e bugie che si sono piano piano accuratamente cucinati! 
    E se posso darvi un consiglio... Quando staranno per annegare regalate loro lo stesso trattamento... ANDATE A SORRIDERE ALTROVE SENZA VOLTARVI. 

  • 15 ottobre 2016 alle ore 23:19

    Fatevene una ragione:
    - Se state male non frega a nessuno, figuriamoci a chi vi ha ferito!
    - Racconteranno l'inverosimile su di voi, per apparire migliori.
    - Dimenticheranno il bene, l'amore e i perdoni ricevuti.
    - Non penseranno alle volte che sono stati scusati senza mai nemmeno chiedere "Scusa".
    - Che viviate o moriate a queste persone non importerà niente...
    Quindi datemi retta... Date loro il valore che hanno, cioè: "ZERO" e lasciateli annegare pian piano in quel brodo di convinzione e bugie che si sono piano piano accuratamente cucinati!
    E se posso darvi un consiglio... Quando staranno per annegare regalate loro lo stesso trattamento... ANDATE A SORRIDERE ALTROVE SENZA VOLTARVI.