username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Chini

in archivio dal 14 mag 2011

Roma - Italia

mi descrivo così:
Scrivo racconti e poesie... passioni a cui ho potuto dedicarmi maggiormente da quando, smesso l’abito di maestra elementare, sono pensionata…. Amo anche il disegno, la pittura e la musica ma soprattutto i due nipotini con i quali gioco e a cui leggo favole.

23 novembre 2011 alle ore 16:29

Cosa prepari oggi a pranzo?

di Patrizia Chini

editore: Aletti

pagine: 56

prezzo: 12,00 €

Acquista `Cosa prepari oggi a pranzo?`!Acquista!

Dolente ed accorata "via crucis" raccontata con grande dignità dall'autrice che si trova improvvisamente a dover fare i conti con una malattia grave e fortemente invalidante.
Di colpo, la sua tranquilla esistenza viene completamente sconvolta dall'irrompere di questa tragedia: siamo con lei quando ci racconta della sua prima reazione davanti ad una diagnosi che cerca di rifiutare, compiendo pellegrinaggi vari presso ospedali ed ambulatori specializzati nella sua malattia.
Siamo con lei quando racconta del suo vissuto che si sgretola, delle sue emozioni e della sua stima di sé che si scioglie e naufraga al cospetto di una malattia che cerca di nascondere fino all'estremo limite delle sue possibilità, per preservare le persone a lei care dal dolore dell'aiuto impossibile.
E' una vera discesa agli inferi, questo racconto, ma dopo aver toccato il fondo, ecco che l'autrice ricorre alle sue grandi risorse umane - ai suoi grandi talenti - e risale faticosamente la china: messa in pensionamento anticipato, ha dovuto lasciare l'insegnamento che amava ed il contatto appassionato con i bambini, la spinta più grande ad andare avanti nonostante le mille difficoltà.
Riprende in mano la sua vita, comincia a dipingere, comincia a scrivere e soprattutto, ricomincia a vivere, ha la forza di uscire di casa per incontrare altra gente: e qui ci sono capitoli d'amore nei riguardi delle persone che più le sono state amiche e nei riguardi della famiglia.
E progetti: si, anche davanti alla malattia, di cui alla fine riesce a scrivere il nome, l'autrice comincia a proiettarsi in un breve futuro, si inserisce in un gruppo di altre persone, con le quali comincia a fare piani e a sperare di poter osare vivere.
Carissima Maria: coraggiosa, appassionata, indomita.

recensione di Niva Ragazzi

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento